Speciale Shuttle NC10U: la potenza sul palmo della vostra mano

Speciale Shuttle NC10U: la potenza sul palmo della vostra mano
Tiscali GameSurf

Scoppia anche in Italia la mania dei mini PC. Complice un mercato che si sta facendo via via sempre più aggressivo e inizia proporre soluzioni sempre più performanti a prezzi molto più che accettabili, i mini pc stanno diventando sempre più un’offerta che i grandi produttori stanno affiancando ai modelli desktop e laptop. Da questo punto di vista, Shuttle ha anticipato i tempi, e di un bel po', puntando in tempi non sospetti ad una produzione di alto livello di computer compatti ed estremamente portatili, senza rinunciare per questo a ottime prestazioni e (piccole) possibilità di espansione.

Quello testato dalla nostra redazione è l’entry level della serie NC10U, un modello barebone che al prezzo d 194 euro vi consegna un MiniPC con la sola CPU (nel nostro caso un Celeron 4205U) e una Intel UHD 610. Iniziamo dalle dimensioni, che occupano meno di una “mattonella”: 142x142x142 mm che possono tranquillamente stare nel palmo della vostra mano o, ancora meglio, posizionato sul retro di qualsiasi monitor dotato di supporto VESA, grazie alla placca data in dotazione.

Anche con la soluzione di base, però, dobbiamo ammettere che le prestazioni in ambito Home sono assolutamente di livello. Questo grazie soprattutto alla presenza di un SSD NVME da 128 giga che consente tempi di accesso/caricamento veramente ridotti all'osso.  A spalleggiare la velocità dell'SSD troviamo anche un set di banchi di RAM da 4 giga DD4 a 2133 MHz, espandibili fino a 32 giga, se volete dare ulteriore brio al vostro sistema. Così come viene venduto lo Shuttle NC01U è sprovvisto di sistema operativo.

All'interno della confezione troverete anche il VESA plate per attaccare il dispositivo sul retro dei monitor compatibili, andando così a configurare una versione Home Made di un sistema All in One facilmente trasportabile. Assieme a questa placca troviamo anche un interessante stand per la disposizione in verticale del computer. Una soluzione utilissima soprattutto se vorrete utilizzare il vostro mini Pc in salotto e volete risparmiare spazio sul ripiano del televisore. E poi, diciamolo, la soluzione verticale è anche più “fashion” se vogliamo dirla tutta.

Esteriormente dobbiamo dire che Shuttle si è concentrata sull'essenziale, presentando una soluzione senza fronzoli estetici, pur presentando ottimi materiali plastici che favoriscono al meglio la dissipazione del calore (vero tallone d'Achille di molti mini pc in commercio, ma non in questo caso). Sulla parte frontale del dispositivo, oltre al tasto d'accensione, sono presenti due porte USB 3.0 di tipo A e una Type C che vi consente quindi uno scambio rapido di file con i vostri dispositivi esterni compatibili. Sempre frontalmente troviamo anche l'accesso alla SD Card per avere rapido accesso al vostro materiale fotografico, per esempio.

Posteriormente invece risiedono altre due porte USB 2.0, la connessione LAN (ovviamente è supportato il Wi-Fi con protocollo AC) e le ormai classiche uscite video HDMI e Display Port, che vi assicurano la possibilità di connessione a due monitor/TV. Lateralmente, invece, assieme alle feritoie per la dissipazione del calore, troviamo anche una porta COM che, come già spiegato per la soluzione ASUS, rappresenta un requisito indispensabile per chi voglia utilizzare l'NC01U come server per la videosorveglianza, oppure lo debba collegare a vecchi registratori di cassa.

Ovviamente abbiamo provato il dispositivo della Shuttle con i più comuni programmi utilizzati in ambito SOHO, testando poi alcuni videogiochi non proprio recentissimi, ma assolutamente di prim'ordine. Innanzitutto abbiamo provato il NC01U con l'ultima release della suite Microsoft: Office 2019 (con cui stiamo realizzando questo documento). Perfetto in tutte le sue parti, veloce all'avvio e senza la minima incertezza anche quando si è trattato di dover lavorare con le immagini per la preparazione di presentazioni Powerpoint. Anche Photoshop e Lightroom hanno risposto positivamente, anche se ovviamente non possiamo pensare di realizzare e gestire immagini con centinaia di layer. Per il video editing, invece, ci siamo rivolti al solito Corel Video Studio, con cui abbiamo effettuato montaggi piuttosto primordiali ma che lo scatolotto della Shuttle ha gestito davvero al meglio delle sue possibilità.

Rimanendo sempre in ambito video, possiamo dire di essere riusciti a far digerire praticamente qualsiasi formato in uso (compresi gli h265), fermandoci però al full HD, mentre il 4K si è dimostrato assolutamente ingestibile dal sistema, con diversi rallentamenti, artefatti video e una totale mancanza. Oggettivamente troppo per questo genere di dispositivo. Ottima, invece, l'esperienza con qualsiasi servizio di streaming online e, viste le dimensioni ridotte dell'NC01U, è un ottimo alleato per chi voglia portare sempre con sè i servizi online come NOWTV, Netflix e Amazon Prime Video.

Non potevamo poi fare a meno di installare qualche gioco della nostra immensa collezione per testare anche le potenzialità grafiche di questa soluzione portatile. E qui dobbiamo aprire un capitolo a parte.

E’ più che ovvio che dispositivi di questo tipo non trovino la propria collocazione primaria in ambito videoludico, ma da qui a dire (come abbiamo letto in alcune recensioni online) che è “impossibile” giocare con dispositivi del genere, è onestamente assurdo e ci fa quasi sospettare che per qualcuno il videogioco sia solo l'ultimo ritrovato della tecnica appena uscito e che nient'altro possa essere classificato come tale. Perché se è vero e plausibile che il remake di Crysis non possa essere associabile ad un dispositivo di questo tipo, altrettanto vero è che esistono centinaia di giochi che, al contrario, possono essere goduti appieno, e senza limitazioni così gravi. Con qualche sacrificio in termini di risoluzione e di dettagli si possono giocare davvero tantissimi “insospettabili”, tra cui Age of Empires (le vecchie versioni, ovviamente), Darksiders e tanti altri.

Tutto positivo, quindi? Sinceramente abbiamo davvero poco a rimproverare all' NC01U, però alcuni importanti appunti sono da fare. Il primo è sicuramente da ricercare nella quasi continua attivazione delle ventole di raffreddamento che garantiscono una temperatura d'esercizio sempre ottimale ma che, di contro, potrebbero infastidire all'interno di ambienti particolarmente silenziosi. In seconda battuta non abbiamo ottenuto grandissime prestazioni dal WiFi, che non è andata oltre i 70 mega in download/upload della nostra fibra Gigabit. Discreta, invece, la dotazione di porte I/O e ottima la possibilità di poter gestire due monitor in contepornea.

Per quanto riguarda il prezzo di vendita, bisogna dire che la filosofia “barebone” di Shuttle, aiuta l'utente finale a modulare l'offerta in base alle proprie esigenze e disponibilità economiche. Al contrario di quanto proposto da ASUS con il Vivo PC, la soluzione Shuttle è interamente configurabile attorno ad una proposta di base che parte dai 194€ iva inclusa e che propone il case, la piastra madre e il processore. A questo si deve ovviamente aggiungere la RAM, l'hard disk e il sistema operativo. Per aiutarvi a comprendere meglio le spese da sostenere, Shuttle ha realizzato sul proprio sito un utile configuratore che vi aiuterà a capire meglio le spese da sostenere.