La Cosa: il capolavoro di Carpenter in 4K

Certi orrori non invecchiano, si upscalano!

La Cosa: il capolavoro di Carpenter in 4K
di Claudio Pofi

Ne La cosa siamo in Antartide, presso una stazione scientifica statunitense. Proprio quando è iniziato un rigidissimo inverno che ha isolato il presidio da qualsiasi comunicazione col resto del mondo, un parassita alieno che assimila e imita qualsiasi organismo vivente irrompe nella base. Nascosta nel caldo dei corpi infettati, la metamorfica e orrenda creatura lascia sempre meno opzioni di sopravvivenza ai pochi umani non contagiati. 

Ampiamente ispirato al fantascientifico La cosa da un altro mondo diretto da Howard Hawks nel 1951, a sua volta legato al romanzo Who Goes There? - Chi va là? di J.W.Campbell, il film arrivò senza troppo clamore in Italia nell'estate del 1982. L'incasso non fu elevato ma gli spettatori non mancarono, perlopiù stroncato dalla critica statunitense vide moltiplicarsi il volume degli estimatori nel corso degli anni. Cult fanta-horror assoluto tra i film più amati dallo stesso Carpenter, La cosa vanta numerose edizioni home video dall'epoca della videocassetta, ora finalmente disponibile in  versione tecnicamente definitiva. 

L'opera segnava il nuovo incontro tra Carpenter e Kurt Russell, insieme dopo aver collaborato alla realizzazione di un'altra pietra miliare della fantascienza anni '80: 1997 Fuga da New York. Ne La cosa il regista seppe dare vita a un claustrofobico e disturbante racconto di una strisciante invasione aliena, dando consistenza all'ancestrale paura del buio e dell'ignoto, già nel DNA del film di Hawks. Pervaso dalle iconiche note della colonna sonora composta da Ennio Morricone, La cosa porta benissimo sulle spalle i 40 anni che lo dividono dall'uscita in sala, pronto a venire nuovamente celebrato da questa pubblicazione Blu-ray 4K.

Il film fu girato in pellicola (bassa sensibilità 100 ASA) con nuovo scan e rimasterizzazione proprio nel 2021, giungendo a un nuovo master a risoluzione nativa 4K (codifica HEVC, 3840 x 2160/23.97p) nel formato d'immagine pressoché originale 2.35:1. Blu-ray UHD triplo strato (da 100 Gigabyte) per godersi un autentico spettacolo tecnico, ponendo l'accento sui particolari specie in secondo piano. Maggiore dinamica per luci e colori grazie all'HDR-10, amplificando l'opera del direttore della fotografia Dean Cundey. Avendo a disposizione un televisore 4K (meglio se con pannello 10 bit) e un adeguato lettore Blu-ray è possibile godersi il film come non lo si è visto nemmeno in sala nel 1982. Il senso di tridimensionalità acuisce il panico che assale man mano che lo scontro tra umani e creatura si fa sempre più cruento; in presenza di uno schermo 10 bit nativo si resterà colpiti sin dalle prime immagini.   

La traccia audio italiana per questo disco 4K è una DTS 5.1 canali (754 kbps) che se instradata all'interno di un impianto home theater non fare che aumentare le scariche di adrenalina, con buona pace dei vicini di casa per via di una certa profondità degli elementi in gamma bassa (esaltati dal subwoofer). Anche meglio l'originale inglese con codifica DTS:X (retro compatibile DTS-HD Master Audio 7,1 canali) con una scena sonora ancora più ampia, tra musiche ed effetti anche roboanti. 

Ricordando che all'interno dell'edizione steelbook è presente anche il disco Blu-ray con la versione a risoluzione video Full HD, sono molto interessanti gli extra inclusi sul disco 4K: su tutti il commento al film del regista assieme a Kurt Russell, da non perdere l'incredibile documentario “Terror Takes Shape” (1080p, 4:3) di 84′ minuti con interviste a parte di cast e troupe focalizzando  i molteplici aspetti della produzione. Presenti spezzoni di girato alternativo e scene eliminate, oltre al trailer. Extra in inglese con sottotitoli in italiano. Agli appassionati ricordiamo che è in vendita anche un box in edizione limited che include su Blu-ray 2K il prequel del 2011.