Il Mondo Secondo Jeff Goldblum

Goldblum ci racconta il mondo attraverso i suoi occhi

Tiscali GameSurf

Jeff Goldblum è un attore poliedrico, unico per certi aspetti. Molti lo ricordano per il ruolo di Iam Malcom nella saga di Jurassic Park, ma vale anche la pena ricordare la sua incursione nel Marvel Cinematic Universe o la sua interpretazione in Independence Day. 

L’attore originario della Pennsylvania è il protagonista di una curiosa e divertente serie di documentari intitolata Il Mondo Secondo Jeff Goldblum. Dodici episodi dalla durata di circa 30 minuti in cui l’attore esplora e accompagna il pubblico nella scoperta di alcuni tra  gli elementi più iconici del consumismo moderno. 

Jeans, gelati, tatuaggi, sneakers e ovviamente videogiochi. Questi alcuni degli argomenti che il noto attore racconterà con un tono davvero unico, in grado di rendere questa serie documentaristica un prodotto a cavallo tra l’intrattenimento e la divulgazione. 

La formula pensata dallo stesso Goldblum (tra l’altro, anche produttore esecutivo) e National Geographic accompagna il genere documentaristico in un sottobosco con dinamiche tipiche dello show di intrattenimento, in un modo che prima d’ora non era mai stato toccato da un prodotto di genere. 

Indipendentemente da quello che Jeff ci racconta in ogni singola puntata, il suo modo di narrare affonda le radici nella quotidianità del gesto, per poi approfondire il tutto con cenni storici, interviste a personaggi influenti del settore di riferimento o personaggi famosi. Si parte dal semplice acquisto di una sneakers, al morso di un gelato o alla scelta del jeans migliore, per poi esplorare un universo che gravita attorno a questi gesti, composto da dinamiche molto più complesse e curiose. 

La cosa che più ci sta piacendo di questa serie documentaristica è proprio il taglio. A differenza di molto altri prodotti di questo tipo, Goldblum non cerca mai di dare dei giudizi su quello che vede o racconta, ma si limita a raccontare coinvolgendo lo spettatore con un piglio di pura e sincera curiosità. 

Proprio questa prorompente genuinità del front man del programma, unito ad una grafica davvero leggera e scanzonata, rende le puntate de Il Mondo secondo Jeff Goldblum uno spaccato efficace e per nulla banale su una serie di mondi che si sono modellati sulla passione (che spesso sfocia in ossessione, fanatismo e devozione) dei consumatori, ridefinendo spesso e volentieri lo stesso concetto di domanda/offerta.

Senza scadere nel prolisso o nella pura e asettica divulgazione scientifico/didattica, il programma funziona perché, come detto, intrattiene e si lascia guardare con punti di vista differenti. Il pubblico più giovane probabilmente verrà rapito da uno stile scanzonato, dall esuberante curiosità di Jeff e dai continui ammiccamenti e facce buffe fatte a favore di telecamera. Il pubblico più adulto farà invece un salto nei ricordi, ma sfrutterà anche molte delle cose raccontare per sviluppare un pensiero più profondo, che va al di là della risata o delle stupore. Un modo per analizzare come cambiano le passione nel corso dei decenni, in accordo con l'evoluzione che ci circonda.

Insomma, Il Mondo Secondo Jeff Goldblum è un excursus simpatico e originale all’interno di un mondo modellato sempre di più su oggetti o passioni che diventano manie e ossessioni, con i pro e contro che sono sempre e solamente negli occhi e nella mente di chi guarda. 

Un modo divertente per raccontare il mondo che ci circonda, sfruttando un Jeff Goldblum in splendida forma e perfettamente a suo agio nel ruolo di un moderno Virgilio. Non vediamo davvero l’ora di guardare i prossimi episodi! 

Il Mondo Secondo Jeff Goldblum è un miscuglio di generi camuffato da classico documentario del National Geographic. Uno stile unico che emerge grazie ad una bellissima grafica e ad un Godlbum in splendida forma. Se siete alla ricerca di una serie documentaristica leggera ma per nulla banale, questo è il prodotto che fa al caso vostro. Trovate la serie, attualmente in corso, su Disney+.