GM510: AOC progetta un mouse dal design decisamente aggressivo

GM510: AOC progetta un mouse dal design decisamente aggressivo
di Davide Tognon

Le periferiche da gaming non fanno altro che evolversi nel corso del tempo, cercando come al solito di adattarsi alle necessità di noi giocatori, sia sul fronte del prezzo, che sulle loro caratteristiche. Ormai ne vediamo di ogni sorta, motivo per cui si rivela relativamente facile trovare il prodotto che più fa al caso nostro: oggi è il turno del modello GM510 fabbricato da AOC, uno dei tanti mouse che fanno parte del loro scaffale decisamente competitivo sul fronte del prezzo. Si, perché alla fine parliamo di un prodotto che è facilmente acquistabile al modico prezzo di 45€.

ERGONOMICO E BEN COSTRUITO

Sicuramente sarete rimasti incuriositi dal prezzo, ma non lasciatevi ingannare dai -pochi- euro necessari all’acquisto, perché il GM510 si rivela essere un prodotto in linea con i propri competitor, sia a livello di materiali di costruzione che di ergonomia.

Si tratta di un mouse per destrorsi, uno di quei modelli che vantano una configurazione tasti classica, ovvero composta dai classici due tasti frontali più rotella, due tasti laterali e un tasto, centrale, necessario per la selezione dei DPI.

Al di sotto del mouse troviamo un sensore Pixart PMW3389 di alta qualità, un sensore notevole soprattutto perché riesce a tracciare precisamente ogni percorso della nostra mano fino a 16000 DPI reali. La resa pratica la si avverte sia negli sparatutto che nel lavoro di ogni giorno, un elemento da considerare certamente a favore di un mouse che fa il proprio dovere senza chiedere un esborso troppo oneroso da parte di chi lo acquista.

Le nostre prove effettuate su APEX Legends e Baldur’s Gate III hanno confermato le nostre analisi sul prodotto: il GM510 non ha vacillato nemmeno per un attimo, offrendo delle prestazioni superbe soprattutto nei momenti più concitati

Per quanto riguarda i restanti tasti, quest’ultimi vengono supportati da due interruttori Kailh, interruttori che garantiscono una buonissima velocità di risposta per una moltitudine di clic che arrivano alla modica cifra di 80 milioni prima di morire definitivamente. Insomma, se pensiamo agli altri mouse presenti in commercio, parliamo di numeri perfettamente in linea con le altre offerte di settore.

DESIGN DECISAMENTE PARTICOLARE

Come accennato nel titolo, il mouse GM510 vanta un design decisamente particolare quando confrontato non solo con altri prodotti AOC, ma anche con altri mouse proposti da altri produttori: se lo guardiamo dall’alto verso il basso, quest’ultimo mostra una trama a nido d’ape davvero singolare, che enfatizza la colorazione delle luci RGB rendendole davvero accattivanti.

A chiudere la nostra disamina ci pensa il software proprietario di AOC, un software di gestione compatibile con Windows utile per programmare i tasti presenti sul mouse, insieme alla sensibilità del DPI (se non volete usare il tasto hardware) e al cambio degli effetti d’illuminazione RGB.

Il mouse AOC GM510 si rivela alla fine come essere un prodotto concorrenziale dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, un prodotto che non cerca di strafare in merito ai propri materiali da costruzione, così da potersi affacciare sul mercato con il suo modico prezzo di 45€.