Gamesurf

Dal monitor alla tv: guida pratica -Parte 2-

Dal monitor alla tv: guida pratica -Parte 2-
di Giancarlo Valletta

Nella prima puntata abbiamo provocatoriamente suggerito di utilizzare un bel monitor PC per guardare la TV. Del resto il mercato dei televisori di piccolo taglio, anche grazie alla crisi produttiva che sta caratterizzando questi tempi, non offre molte alternative, e quello che c’è in commercio ha spesso prestazioni modeste e a prezzi sovente superiori rispetto a un monitor tradizionale. Se poi avete un “vecchio” prodotto che non usate, beh il gioco diventa ancora più conveniente

Diamo uno sguardo al mercato, considerando i monitor, i decoder e infine qualche cassa per computer che potrebbe rendere l’audio del vostro “strano” TV, estremamente più coinvolgente di quanto non sia quello offerto dai televisori tradizionali.

Piccola premessa sul tempo di risposta, che nel caso di un utilizzo video riveste minore importanza rispetto a quanto non lo abbia per gaming o PC. Anche 4 ms sono più che sufficienti, meno è meglio, ma non ci si accorge più di tanto della differenza. Certo una piccola considerazione va fatta in capo a come vengono svolte certe misure dai produttori, e quindi non solo rispetto al tempo di risposta, ma anche al rapporto di contrasto, per esempio. Stiamo attenti al millisecondo, o ai numeri altissimi nel contrasto quando acquistiamo, senza però considerare che nessuna azienda dichiara come i parametri vengono misurati.

E così -paradossalmente- i monitor EIZO, per esempio, hanno numeri peggiori di prodotti dal costo 10 volte inferiore. Se poi li vai a misurare ti accorgi che EIZO ha fatto dichiarazioni molto conservative, mentre i numeri “sparati” di molti altri monitor non corrispondono neanche da lontano a quanto dichiarato. Il rapporto di contrasto, solo per fare un esempio, può essere misurato in mille modi diversi. Normalmente si fa visualizzare al pannello una scacchiera bianco/nero con un certo numero di quadrati, maggiore è il numero, più un bianco influenzerà un nero. E’ ovvio che un 5X5 è diverso da un 20X20. E se nel 5X5 il sensore di luce lo metto prima al centro di uno scacco bianco e poi di uno nero -magari lontani-, misurerò una differenza di luminanza completamente diversa rispetto a un 20X20 dove il sensore lo sistemo AL BORDO dello scacco. Ma del resto non esiste uno standard, e quindi si naviga -è il caso di dirlo- alla cieca, o, meglio, “a vista”!

Veniamo ad alcune offerte di monitor. Molto interessante questo MSI MP242, IPS multimediale con un discreto audio interno

con attacco vesa posteriore e che quindi può essere comodamente assicurato alla parete con una staffa. Molto bello e a buon mercato, poi, il Philips 243V5LHAB

A un prezzo che è fin troppo conveniente, l’AOC E2270SWN da 22”, che offre a poco più di 100 euro un pannello FULL-HD con 5 ms di risposta ma senza altoparlanti

Non molto conosciuta la YASHI, che a un prezzo interessante offre un monitor IPS con tempo di risposta di 2ms e audio integrato

Più grande ma non per questo più caro, il Philips 273V7QDSB da 27”, senza audio e facente parte della linea economica ma che comunque offre ottime prestazioni.

Veniamo ai decoder, i modelli sono davvero moltissimi, per fortuna sempre con costi estremamente ragionevoli. Il prezzo non lo fa tanto l’elettronica di per se, basata sempre sullo stesso chipset e con prestazioni tutto sommato uguali per tutti, a meno che non si cerchino versatilità spinte, o la presenza, per esempio di decoding SAT, ma lo fa il telecomando. Se ci fate caso la fascia entry-level ha tutti remote molto piccoli ed estremamente economici. E siccome la differenza tra un decoder con un telecomando basico e uno con uno buono è al massimo di 15 euro, vi consigliamo caldamente di spendere qualche soldo in più, e questo per due motivi.

Il primo è facilmente intuibile, e riguarda la maneggiabilità, la possibilità di leggere più facilmente la funzione dei tasti, e ultimo ma non ultimo, una molto maggiore affidabilità grazie alla costruzione più robusta. Infine, un altro piccolo dettaglio, poco pertinente in questo ambito ma che è comunque giusto evidenziare. I telecomandi migliori hanno alcuni tasti ad apprendimento, possono, ovvero, imparare i codici IR del nostro TV, tipicamente accensione/spegnimento, volume, ingresso, ovvero i tasti indispensabili e ci vogliono almeno questi, in tal modo potrete tenere un solo telecomando -quello del Decoder- e mettere nel cassetto il remote del TV, con la non trascurabile comodità di avere un solo oggetto in giro per la casa. Anche nel nostro caso, senza un TV da pilotare, è comunque conveniente spendere 15 euro in più, non useremo i tasti ad apprendimento ma avremo un remote comodo e affidabile. Altra cosa indispensabile se servono casse opzionali, è la USB alla quale poter collegare le casse per prelevare l’uscita a 5V di alimentazione.

Forse il decoder più economico con alimentatore incorporato è questo Master, estremamente compatto e con uno scarno pannello anteriore non dotato di display

Molto buono e con una assistenza tecnica, lo Humax HD2020, robusto e con display che indica il numero del canale.

Interessante anche questo XDome TV H265 che include anche un cavo HDMI di collegamento, e che altrimenti -se non posseduto- andrebbe comprato

Molto interessante il Mecool K5, che oltre ad essere un decoder, essendo Android based ha possibilità di far visualizzare qualsiasi servizio on-demand

Performante anche il GTMEDIA GTC, con un bel telecomando e sempre basato su Android

Le casse da abbinare -eventualmente- sono potenzialmente tante, ma devono essere compatte, e USB, quindi dotate di amplificatore interno.

Ottime queste TRUST POLO, compatte e molto performanti: 

Migliori sempre queste TRUST REMO, più potenti ma anche maggiormente ingombranti

E infine esteticamente intriganti queste Mini Speaker, un po' più care ma molto piacevoli esteticamente e con un po' di energia in più

Speriamo di esservi stati utili, magari avete un bel monitor PC in più e non “sapevate” cosa farci, o volete avere prestazioni in più anche in un TV di taglio piccolo. Questa soluzione, seppure un po' macchinosa, è senza dubbio foriera di grandi prestazioni !