Gamesurf

Bastardi senza gloria – In 4K l'esplosivo film di Tarantino del 2009

Prima edizione steelbook per Inglorious Basterds, bellico di Tarantino ispirato all'omonimo film di Castellari del 1978

di Claudio Pofi

Liberamente ispirato a Quel maledetto treno blindato che Enzo G. Castellari diresse negli anni '70, Bastardi senza gloria è ambientato nella Francia nazista. Il sanguinario plotone in abiti civili al comando del tenente americano Aldo Raine (Brad Pitt) mette a segno incursioni sul territorio quando giunge una formidabile opportunità: attentare alla vita di gerarchi del Terzo Reich durante la proiezione di un film di propaganda in quel di Parigi. Occasione di vendetta anche per la giovane ebrea Shosanna (Mélanie Laurent), che il cinema lo gestisce, scampata anni prima al massacro della sua famiglia.

Tra Robert Aldrich, Sergio Leone e l'influenza pulp dell'originale opera di Castellari, il regista Quentin Tarantino si prodiga in un racconto grafico sovraccarico di humor nero, sorta di divertita vendetta della Settima Arte nei confronti della Storia. Ci sono momenti memorabili, alcuni di altissima tensione, qualche prolissità e vanità Tarantiniana di troppo che portano il timing a circa 150' minuti di spettacolo. Brad Pitt e Christoph Waltz memorabili ma Eli Roth non è da meno. Come cameo partecipò lo stesso Castellari in divisa bianca da ufficiale nazista ma ascoltando i dialoghi originali non è difficile cogliere la voce narrante di Samuel L. Jackson e Harvey Keitel (che co-finanziò il primo film di Tarantino, Reservoir Dogs – Le iene) voce del generale americano alla radio. Per il regista fu una bella rivincita dopo l'insuccesso commerciale della precedente film A prova di morte, parte dell'operazione “Grindhouse” che negli States uscì in accoppiata con Planet Terror di Robert Rodriguez.

Produzione su pellicola (risoluzione 200 e 500 ASA), formato immagine originale 2.39:1 (3840 x 2160/23.97), codifica HEVC su disco triplo strato (BD-100). Il master da cui si è partiti per la realizzazione di questo Blu-ray 4K era comunque a risoluzione 2K nativa, per cui si è stati costretti ad aumentare artificialmente il volume delle informazioni (rescaling). Rispetto al passato ha quindi avuto molto più peso l’HDR-10+ (HDR dinamico), che ha contribuito a offrire superiore dinamica per luci e colori. Specie in presenza di televisori a pannello sensibile come gli OLED (capaci di gestire una più vasta area cromatica, 10 bit – oltre 1 miliardo di colori) si possono cogliere significative differenze. Non è solo una questione di risalto delle informazioni sia in primo che secondo piano ma della rifinitura delle stesse.

Migliore saturazione specie per i neri, molto più profondi, così come l’intero spettro cromatico è nettamente più vibrante. Aumentata anche nitidezza e dettaglio specie in secondo piano. Ciò ha consentito di porre ulteriore accento agli elementi scenografici, in particolare nei passaggi più scuri. Si raggiunge il risultato qualitativo massimo solo se l’intera catena digitale (lettore + cavo HDMI + tv 4K) è compatibile HDR-10+, caso contrario lo spettacolo beneficerebbe del solo HDR-10 (a metadati statici, quindi con un inferiore grado di precisione pur restando sempre efficace).

Per l'audio italiano la proposta è una traccia DTS 5.1 canali (flusso dai a 754 kbps) che contribuisce a rendere ancor più interessante il missaggio sonoro tra effetti e scoppiettanti eventi fino all'esplosivo finale. Buoni i dialoghi, ricchezza scenica che non manca di sorprendere se l'ascolto avviene attraverso un impianto multicanale. Flusso dati 24 bit per l'inglese con codifica DTS-HD Master Audio 5.1 canali e la medesima proposta del precedente Blu-ray Full HD/2K. In tal senso anche se non siamo in zona qualità tecnica assoluta la colonna sonora regala notevoli scariche di adrenalina per uno spettacolo a elevato riscontro sensoriale.

L'edizione steelbook con custodia in metallo di Universal oltre al Blu-ray UHD/4K include anche il Blu-ray 2K/Full HD già venduto in passato, così come sono presenti i supplementi prodotti per la prima pubblicazione del 2009. Chi non li avesse ancora scoperti suggeriamo di scoprire i tanti retroscena della realizzazione tra cui l'incontro tra Tarantino, Brad Pitt e il giornalista Elvis Mitchell di circa mezz'ora sul trattamento dello script, una dozzina di minuti tra scene alternative ed estese, la versione integrale del corto “Nation’s Pride” con tanto di making of, il ricordo del film originale e una interessante galleria di materiale promozionale e trailer. Rispetto al passato si aggiunge l'incontro di Tarantino con la giornalista Lynn Hirschberg di oltre un'ora (2009) con aneddoti dal film e il ricordo della première in Germania di qualche giorno precedente (68′). Sottotitoli in italiano ovunque.

Ai collezionisti ricordiamo che a metà novembre sarà disponibile una diversa edizione steelbook limited numerata a 1.000 copie con booklet e card.