App 18 “Bonus Cultura” – 500€ per la cultura dei nuovi maggiorenni

Tanta cultura a disposizione dei nuovi adulti 2021 con 500€ a disposizione da spendere nel 2022

App 18 “Bonus Cultura” –500€ per la cultura dei nuovi maggiorenni
di Claudio Pofi

Nato nel 2016, Il Bonus Cultura è stato rinnovato anche quest'anno per il prossimo 2022, in virtù delle scelte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali di comune accordo con l'attuale Governo. In sostanza coloro che nel 2021 compiranno 18 anni avranno diritto a un contributo di 500€ (cinquecento euro) da parte dello Stato, da spendere in tutto quanto fa cultura.

La Legge di Bilancio 2022, che include questo bonus permanente come riportato nell'articolo 108, prevede l'erogazione a tutti i nati nel 2003 che quest'anno entrano nell'età adulta di una speciale card elettronica, ricevibile una volta registrati sul portale www.18app.italia.it. Il budget a disposizione deve essere consumato indicativamente entro fine 2022, ma potrebbero esserci piccole deroghe in tal senso. Nel caso del Bonus Cultura 2021 (dove si aveva tempo fino al 31 agosto per registrarsi) è stata decisa una proroga che scadrà a febbraio del prossimo anno.

I 500€ si potranno consumare in misura totalmente personale e secondo le proprie necessità purché in accordo con quanto deciso dal Ministero, e più precisamente:

A) Biglietti per rappresentazioni teatrali, cinematografiche e spettacoli dal vivo (per “spettacoli dal vivo” si intendono produzioni di musica, danza, teatro, circhi e spettacoli viaggianti. Gli spettacoli di musica non includono eventi da ballo).

B) Libri (inclusi audio-libri e libri elettronici, esclusi supporti hardware di qualsiasi natura atti alla relativa riproduzione).

C) Titoli di accesso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali.

D) Musica registrata (CD, DVD musicali, dischi in vinile e musica online, esclusi supporti hardware di qualsiasi natura atti alla relativa riproduzione).

E) Corsi di musica;

F) Corsi di teatro;

G) Corsi di lingua straniera;

H) Prodotti dell’editoria audiovisiva (singole opere audiovisive, distribuite su supporto fisico DVD o Blu-ray o in formato digitale, con esclusione di supporti hardware di qualsiasi natura atti alla riproduzione).

I) Abbonamenti a quotidiani, anche in formato digitale.

Una lodevole iniziativa volta a stimolare e invitare le nuove generazioni a sperimentare diverse forme d'arte. Certo per i corsi di musica come per esempio quelli di canto iniziare a 18 anni è un po' tardi, ma resta comunque un'occasione che potrebbe aprire le porte anche a un diverso mestiere, se non altro col potenziale di favorire molteplici percorsi culturali.

La card è usufruibile esclusivamente da parte dell'intestatario e non si possono cedere a terzi quote del monte 500€, per nessuna ragione, così come il Bonus non è convertibile in denaro contante. In tal senso rispetto al passato ci sarà un ulteriore giro di vite quanto ai controlli di impiego dei soldi, evitando così che i 230 milioni stanziati dal Governo vengano diversamente spesi rispetto a quanto previsto.

Richiedere la card obbliga a disporre di una serie di dati da inserire. Al compimento del diciottesimo anno di età occorre prima di tutto ottenere lo “SPID”, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Per l’apertura occorrono indirizzo e-mail, numero di telefono del cellulare, documento di identità valido (a scelta tra: carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno) e la tessera sanitaria con il codice fiscale. Il tutto collegandosi via rete agli enti regolarmente autorizzati al rilascio: Poste Italiane, TIM, Infocert, Aruba e Sielte.

Per generare il buono occorre scegliere il negozio tra quelli nell'elenco (consultabile sempre all'interno del portale 18app), l’ambito e il tipo di bene da acquistare indicando l’importo totale del buono col quale fare l'acquisto. Tale buono riporterà una serie di informazioni da stampare o salvare come PDF su smartphone o tablet. In caso di ripensamento l'annullamento del buono è immediato tranne che per musei, monumenti e parchi per cui occorrono alcuni giorni.

Attenzione all'acquisto presso i negozi virtuali, in alcuni casi il costo di spedizione potrebbe non essere incluso e va considerato nella generazione del voucher. Una volta validato dal venditore il buono non può più venire riaccreditato in danaro, per un acquisto sbagliato (o per esempio un concerto annullato) è solo possibile fare uno scambio con altro oggetto o evento.

Anche per il prossimo anno non ci sono limiti di spesa per il singolo acquisto, ma il bene deve essere unico: per esempio un solo libro con lo stesso titolo, un solo posto al cinema o teatro. Superando quota 500€ l'acquisto potrebbe comunque essere possibile aggiungendo la rimanenza con eventuale carta di credito o contanti, sempre che il rivenditore sia d'accordo. Buoni acquisti!