Speciale Oscar 2019

L'analisi su vincitori e vinti
Livio RicciardelliDi Livio Ricciardelli (25 febbraio 2019)

Questa Notte degli Oscar 2019 ci mostra un quadro di chiaroscuri. In cui assieme a risultati prevedibili se non addirittura scontati, si accompagnano vere e proprie sorprese che possono aprire una nuova pagina di storia per l'Academy.

Sin dal primo Premio assegnato (quello per la miglior attrice non protagonista) la serata senza conduttori si Ŕ caratterizzata come ecumenica e desiderosa di premiare anche i film relativamente poco nominati. Come appunto Se la strada potesse parlare e la sua interprete non protagonista Regina King.

Si tratta del primo premio per questa attrice, ma anche l'ultimo per il registaádiáMoonlightáBerry Jenkins nel corso di questa edizione.

I premi a Black Panther per i migliori costumi e la miglior scenografia e quelli a Bohemian Rapsody per il sonoro hanno sancito ulteriormente la cifra di questa edizione: un contentino a tutti.

Non a caso il Premio per il Miglior Attore non protagonista va a Mahershala Ali: anche lui un "figlio" di Barry Jenkins, un attore afroamericano che vince per˛ per Green Book, che pur trattando temi razziali come altre pellicole si poneva in realtÓ come polo alternativo a corazzate da 10 nomination come ROMA o La favorita.

Green Book del resto si Ŕ aggiudicato anche l'Oscar per la miglior sceneggiatura originale che (pur provenendo da una storia vera) nasce da un lavoro comune che il regista ha voluto portare avanti col figlio di Toni Lip, Nick Vallelonga.

Miglior Attore Ŕ invece Rami Malek, per Bohemian Rapsody. L'Academy decide di premiare anche questa volta non un'interpretazione in se, ma un'immedesimazione di un personaggio realmente esistito. Secondo un canovaccio che strizza l'occhio un po' alla voglia di imitare, un po' al metodo Stanislasvikj dell'Actor's degli anni ruggenti della Nuova Hollywood.

Il trionfo di Olivia Colman nella categoria Miglior attrice invece non rappresenta soltanto l'unica statuetta su 10 assegnata a La favorita, ma anche un riconoscimento alla scuola attoriale britannica e ad un'attrice che ha sempre svolto il ruolo di caratterista senza mai grandi parti da protagonista.

Alfonso Cuaron come previsione vince, invece, la miglior regia dopo il successo di Gravity del 2014, e si inserisceánella lista dei duplici vincitori di questo premio assieme a registi del calibro di Spielberg, Lean, Wilder, Zinnemann, Manckiewicz e McCarey.

La vittoria finale di Green Book si colloca in quest'ottica come una sorpresa di fronte al numero di nomination di ROMA e La favorita, ma al tempo stesso non nasconde l'ipotesi secondo cui (come Moonlight due anni fa) anche la scelta di Green Book sia dovuta in parte alla volontÓ di sensibilizzare l'opinione pubblica nei confronti dell'America che cambia.

A suo modo, un gesto politico nei confronti di un film asciutto e dell'amicizia.

Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare pi¨ famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon pi¨ divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
La Bambola Assassina

4

La Bambola Assassina

Finalmente un horror pi¨ intelligente che sanguinolento

La mia vita con John F. Donovan
La mia vita con John F. Donovan

Tanta retorica nel debutto Hollywoodiano di Xavier Dolan

Rapina a Stoccolma
Rapina a Stoccolma

La vera storia sulla nascita della famosa sindrome

Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono

2

I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto