Speciale Nintendo LABO

Nintendo stimola la nostra immaginazione
Roberto VicarioDi Roberto Vicario (19 gennaio 2018)

Tre minuti di trailer, anzi meno. Questo è quello che è servito a Nintendo per dimostrare al mondo intero che, ancora una volta, la “Nintendo Difference” è un qualcosa che guarda oltre al mero concetto di potenza computazionale, 4K e HDR.

Immaginazione nel cartone

Nintendo LABO, questo il nome del nuovo progetto, è l’ennesima dimostrazione di come l’azienda giapponese cerchi insistentemente di guardare fuori dagli schemi, provando così a  raggiungere un pubblico entusiasta ma soprattutto curioso, possibilmente di giovani menti ricche di fantasia ed immaginazione.

Nintendo LABO è proprio legato a doppia mandata al concetto di fantasia: dei pezzi di cartone modellabili (attraverso delle istruzioni) che si trasformando in oggetti piuttosto comuni come un pianoforte, una canna da pesca o una macchina radiocomandata, ma anche molto meno comuni come un vero e proprio robot; una volta creata la forma in puro stile art attack, ma senza uso di colla o forbici dalla punta arrotondata, questa forma interagisce con i joy-con e Switch stessa per creare delle differenti forme di intrattenimento.

Andare a pescare, guidare una macchina o una moto, trasformarsi in un robot per epici combattimenti in puro stile Pacif Rim, e molto altro. LABO appoggia e in parte ribalta due semplici concetti di gioco. Da una parte abbiamo i controller che diventano uno strumento di gioco e motore per animare qualcosa (sfruttando tutta la tecnologia che possiedono al loro interno), e non più una mera periferica per fruire del videogame di turno; dall’altra abbiamo quel fuoco che riusciva a trasformare ogni oggetto in un epica avventura, messo nelle mani dei ragazzi in una forma che punta a mescolare immaginazione e modernità tecnologica.

Quali sono i rischi?

Certo, se da una parte Nintendo LABO rappresenta in tutto e per tutto la filosofia e il volere di Kimishima, dall’altra è anche giusto pensare a quelli che possono essere i dubbi riguardo alla fruizione di questo nuovo strumento. D’altronde i tempi cambiano, e se da una parte è corretto registrare i fallimenti di prodotti come Wonderbook o Disney Infinity, senza contare il netto calo di Skylanders, dall’altra è altrettanto giusto credere ancora in una forma di intrattenimento differente, innovativa e vogliosa di portare freschezza in un settore - quello dei più piccoli - che sembra sempre più lontano nelle visione dei competitor di Nintendo: Sony e Microsoft.

Nintendo LABO - Immagine 3

Basterà questo per decretare il successo di LABO? Ancora presto per dirlo ma indubbiamente elementi come: la resistenza del materiale a mani meno delicate di quelle di un adulto o il modo in cui verrà percepito il prezzo da parte del consumatore, sono elementi che contribuiranno all’affermazione o meno di questa linea di prodotti.

Nintendo LABO, tuttavia, parte già con un grande vantaggio pienamente tangibile; sbirciando social e forum: il prodotto ha fatto breccia anche negli adulti. Non si smette mai di sognare in fondo, e una parte di noi rimane sempre bambina. La semplicità dei materiali con cui è costruito questo giocattolo, vuole comunicare un messaggio altrettanto semplice: condivisione. Quel tipo di condivisione tattile e umana fatta di rapporto padre-figlio/a o madre-figlio/a, che porta a condividere e stimolare la fantasia.

D’altronde è bene che si chiarisca prima di tutto che con Nintendo LABO siamo decisamente su un tipo di prodotto più vicino al giocattolo che al videogioco; e questa, di per sé, è già una grandissima sfida lanciata dalla grande N. Vedremo come andrà.

Nintendo LABO arriverà sugli scaffali del nostro paese il prossimo 27 aprile in due diverse versioni. Il “kit assortito” conterrà una cartuccia contente i mini giochi e diverse fustelle utili a creare svariati modelli di cartone (moto, macchina, casa, pianoforte e canna da pesca) e costerà 70€, mentre il “kit Robot” conterrà la cartuccia e tutto il necessario per trasformarci in epiche furie meccaniche, il tutto al prezzo di 80€.

Nintendo LABO - Immagine 6

Ancora una volta Nintendo stupisce, ragionando fuori dagli schemi, offrendo al suo pubblico una presentazione che spiazza per la sua semplicità ed efficacia. È ancora troppo presto per capire quali sono i reali margini di successo di LABO, ma per il momento è giusto affermare che parlare di Nintendo Difference è, davvero il termine più corretto per inquadrare l'azienda giapponese. Staremo a vedere.

Nintendo LABO

Nintendo LABO Switch Cover
  • Piattaforma: Switch
  • Produzione: Nintendo
  • Sviluppo: Nintendo
  • Genere: Toys to life
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +3
  • Data di uscita: 27 aprile 2018
Empire
Sharp Objects

1

Sharp Objects

Due omicidi, una giornalista tormentata e una tranquilla vita di provincia...

Tom Clancy's Jack Ryan
Tom Clancy's Jack Ryan

Il ritorno alle origini di uno dei personaggi più amati del grande schermo

Orange is the New Black
Orange is the New Black

Quest'estate non cambiare: stesso carcere, stesso canale!

Empire
Warriors Orochi 4
Warriors Orochi 4

Se volete rilassarvi con un gioco ignorante, questo è quello che fa per voi

Child of Light
Child of Light

Il racconto di Aurora viene narrato anche su Switch

Chronicles of Crime
Chronicles of Crime

Videogioco e gioco da tavolo si uniscono in una incredibile esperienza VR!

Jump Force: Unite to Fight
Jump Force: Unite to Fight

Abbiamo provato il tutti contro tutti di Bandai Namco

The World Ends With You: Final Mix

1

The World Ends With You: Final Mix

Nintendo porta su Switch la versione mobile di un classico dell'era DS, in una versione che ci lascia estremamnente dubbiosi.