Speciale Eachlink H6 Mini

Un discreto set top box a basso costo? Si può
Fabrizio CirilloDi Fabrizio Cirillo (13 novembre 2018)

Nel vastissimo panorama di set top box Android in grado di trasformare qualsiasi TV  in un vero e proprio centro multimediale arriva anche la proposta firmata Eachlink, destinata a fare la felicità di chiunque sia alla ricerca di una soluzione all’inclusive a basso costo.

La casa cinese propone, infatti, l’H6 Mini, un set top box basato su Android 7 forse esteticamente non eccelso ma in grado di assicurare un risultato all’altezza anche dei sistemi ben più quotati di questo.  

Dal punto di vista del design Eachlink non si discosta dalle classiche soluzioni low cost, proponendo un set top box di ridottissime dimensioni (9.60 x 9.60 x 1.90 cm) piuttosto spartano, realizzato con plastiche alquanto economiche. La cosa peggiore sul fronte del layout non risiede tuttavia nell’uso di materiali decisamente leggeri (parliamo di un oggetto di appena 120 grammi), quanto piuttosto nella scelta di dotare il dispositivo di un display LCD (frontale) dal sapore decisamente retrò, peraltro utilizzabile esclusivamente come orologio.

Tralasciando l’aspetto generale, è tuttavia sul fronte dell’hardware che questo H6 Mini mostra veramente i muscoli, presentato un comparto tecnico di tutto rispetto grazie anche alla presenza di ben 3GB di RAM e di una memoria interna (EMMC) da 32 GB, fondamentali per supportare al meglio il vero cuore del sistema rappresentato dal processore Allwinner H6 (Cortex-A53).

Parliamo di un processore quad-core di fascia bassa del 2017 (supportato da una GPU mali T720) specificatamente progettato per TV Box 4K, in grado di supportare la decodifica video 4K H.265 fino a 60 fps, 4K H.264 fino a 30 fps e 6K fino a 30 fps, video processing HDR10 ed interfacce di ultima generazione come HDMI 2.0 e USB 3.0.

Anche sul fronte della connettività questo H6 Mini non ha nulla da invidiare alla concorrenza, visto che accanto alle classiche porte HDMI e LAN (ma è supportata anche la connessione Wi-Fi dual-band) ed al pieno supporto al bluetooth trovano spazio anche un’uscita AV e S/PDIF, un ingresso per estensione IR, uno slot per MicroSD e ben due ingressi USB, di cui uno nella versione 3.0.

La proposta è poi presentata in una confezione altrettanto completa e che per l’occasione include, oltre all’immancabile alimentatore (connettore Micro-USB, consumo massimo 6W) ed una breve guida operativa, sia il piccolo telecomando che un cavo HDMI da 120cm di lunghezza.

Piccolo e reattivo

Superati i consueti tempi di avvio di Android, l’H6 Mini di Eachlink si comporta in maniera decisamente egregia. Nonostante un’interfaccia “TV friendly” limitata alla sola Home Screen ed alla selezione delle app (per il resto ci troviamo di fronte al solito Android Nougat 7.1 non rootabile), l’UI risulta generalmente fluida e priva dei classici tentennamenti tipici dei prodotti a basso costo, con il sistema sempre piuttosto reattivo anche agli input provenienti dal telecomando, sia esso utilizzato in maniera “classica” che come mouse grazie alla modalità che permette di abilitare o disabilitare il puntatore gestibile tramite la classica croce direzionale.

Sul fronte costruttivo il telecomando è senza ombra di dubbio una delle note più liete dell’intero pacchetto, specie considerando la solidità generale nonostante le ridotte dimensioni e soprattutto la semplicità d’uso, grazie anche alla presenza di alcuni comodi shortcut che consentono l’accesso rapido alle app deputate alla gestione dei canali in streaming, dei files multimediali, della navigazione web e dell’elenco delle app installate sul dispositivo. A tutto il resto ci pensa, invece, il caro vecchio Android Nougat, comprensivo del suo store ufficiale (Play Store per i più distratti) che in pochi click permetterà di reperire le app ed i giochi più gettonati dell’intero panorama Android nella sua settimana incarnazione.    

Eachlink H6 Mini
Eachlink H6 Mini - Immagine 212602
Eachlink H6 Mini - Immagine 212601
Eachlink H6 Mini - Immagine 212600
Eachlink H6 Mini - Immagine 212599
Eachlink H6 Mini - Immagine 212598
Eachlink H6 Mini - Immagine 212597
Eachlink H6 Mini - Immagine 212596
Eachlink H6 Mini - Immagine 212595
Eachlink H6 Mini - Immagine 212594
Eachlink H6 Mini - Immagine 212593

La prova sul campo

Con l’obbiettivo di effettuare un’analisi quanto più approfondita possibile abbiamo deciso di mettere l’H6 Mini alla prova testandolo sia con applicazioni ideali per questo dispositivo che con altre forse meno adatte per un set top box, ma altrettanto utili per capire la qualità generale del prodotto. Sul fronte multimediale, la periferica di casa Eachlink ha senz’ombra di dubbio svolto il proprio lavoro, riuscendo a gestire, almeno localmente (via USB 3.0 per la precisione), sia filmati “standard” in Full HD che video in 4K senza particolari patemi d’animo. Va detto che con video in 4K codificati con un bitrate molto alto il sistema ha tuttavia denotato alcune incertezze in occasione dei cambi camera più veloci, peraltro parzialmente risolte intervenendo sulla codifica software dell’applicazione selezionata.

Meno bene, invece, la resa dell’H6 Mini sul versante streaming, imputabile forse più al sistema operativo vero e proprio che non ad un effettivo limite hardware del set top box in questione. Se è vero come è vero che l’uso di Kodi non ha comportato alcun problema nemmeno utilizzando le sue “proprietà” sul fronte streaming (sia dei canali TV che dei files multimediali ospitati da server esterni) è altrettanto vero che né l’applicazione di Netflix né quella Youtube hanno permesso lo stream di contenuti in Ultra HD, del tutto assenti dai rispettivi menu. Come detto non sappiamo se tale limite sia da addurre a questioni legate ai diritti (Netflix consentiva lo stream fino a 720p) o ad applicazioni tutto sommato datate, peraltro impossibili da aggiornare, nonostante i relativi avvisi di sistema, a causa di errori di compatibilità.  

Come detto, per completezza abbiamo voluto verificare le capacità dell’H6 Mini anche con applicazioni lontane dal concetto di set top box. Da appassionati di videogames abbiamo pertanto deciso di metterlo alla prova utilizzando Asphalt 8 Airborne e con Tekken Mobile, decisamente distanti in termini di richieste ma che in entrambi i casi sono stati fatti girare in maniera più che soddisfacente. Abbiamo usato la parola “soddisfacente” non a caso, perché se è vero come è vero che il set top box ha faticato a stare al passo soprattutto con Asphalt in termini di framerate, è altrettanto vero che l’H6 Mini ha saputo “portare a casa” comunque la prova, dimostrando di poter dire la sua anche in ambiti decisamente distanti da quelli per i quali è stato sostanzialmente pensato.

Eachlink H6 Mini - Immagine 12

Se state cercando un set top box semplice da usare, reattivo quanto basta e dal prezzo ridotto, l’H6 Mini di Eachlink potrebbe fare al caso vostro. Con meno di 40 Euro potrete infatti portarvi a casa una buona alternativa ai classici set top box decisamente più costosi, a patto però di chiudere un occhio sui piccoli problemi con applicazioni come Netflix e sul grosso punto di domanda rappresentato dalla possibilità di disporre di eventuali aggiornamenti correttivi.

Eachlink H6 Mini

Eachlink H6 Mini cover
  • Categoria: TV Box
  • Produttore: Eachlink
  • Uscita: 2018
Empire
Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Sharp Objects

1

Sharp Objects

Due omicidi, una giornalista tormentata e una tranquilla vita di provincia...

Empire
Capri-Revolution
Capri-Revolution

Mario Martone porta sugli schermi una Capri che forse non abbiamo mai visto

Il testimone invisibile
Il testimone invisibile

Un thriller italiano (ma in realtà spagnolo) carico di tensione

The Old Man & The Gun

2

The Old Man & The Gun

L'ultima prova attoriale di Robert Redford è un film che incornicia la sua splendida carriera

Alita: Angelo della Battaglia
Alita: Angelo della Battaglia

Trenta minuti di Alita e tutta la storia del manga

Amici come prima
Amici come prima

Boldi e De Sica tornano insieme sul grande schermo, ma la sceneggiatura non li aiuta