Recensione NBA 2K22: 2K Schiaccia in testa alla concorrenza

di Luca Romito

Sono i primi di Settembre, i giocatori NBA devono ancora iniziare il training camp per prepararsi all'avvio della nuova stagione, ma ecco arrivare sulle nostre console casalinghe il consueto capitolo di NBA 2K. Sin dal menù principale di avvio del gioco si nota come Visual Concepts abbia voluto rendere chiara la varietà delle diverse modalità di gioco: LaMiaCarriera, LaMiaSquadra, LaMiaNBA sono modalità capaci di impegnare i videogiocatori per tutto l'anno. A queste si vanno ad aggiungere la WNBA e le varie possibilità di partita veloce. E' proprio avviando una gara rapida ed entrando subito nel vivo dell'azione che ci si accorge quanto il lavoro svolto dagli sviluppatori riguardante il gameplay vero e proprio sia migliorato rispetto alle versioni precedenti.

L'attacco fa vendere i biglietti...

Notevole profondità è stata data alle azioni offensive delegando alla levetta analogica destra un controllo più immediato e preciso dei movimenti di dribbling e smarcamento. In base a quanto velocemente e alla direzione in cui muoveremo l'analogico destro, il giocatore effettuerà tutta una serie di finte e crossover che ci permetteranno di superare il nostro diretto avversario o crearci lo spazio per il tiro in sospensione.

A proposito del tiro, quest'anno non conta soltanto il tempismo del caricamento per andare a segno, ma anche quanto il tiro sia stato costruito adeguatamente e la sua effettiva qualità.

La rinnovata gestione della fatica infatti ci impedisce di isolarci con un giocatore ed esibirci in una serie infinita e fine a sé stessa di dribbling. Tutto ciò va ad influire pesantemente sulla stanchezza accumulata e infine sulla finestra di tiro che cambia in maniera dinamica e tende a punire in maniera abbastanza pesante questo tipo di comportamento.

Nel caso invece in cui volessimo concludere la nostra azione con una schiacciata o semplicemente penetrando a canestro, dovremo valutare attentamente il posizionamento della squadra avversaria poiché, rispetto al passato, gli avversari che incontreremo sulla via del canestro avranno tutti i mezzi per contrastare la conclusione.

...ma la difesa vince le partite

In difesa hanno aumentato la reattività e il realismo dei contatti e dei movimenti, soprattutto quello sullo scivolamento laterale durante la difesa intensa. Grande lavoro è stato fatto sulle animazioni aggiornando le reazioni che il giocatore ha nei diversi contesti nel corso della partita quali rimbalzi, stoppate e blocchi.

Un'altra miglioria che notiamo è sul feeling dei vari giocatori. Difatti non ci troveremo più nella situazione in cui un giocatore di altezza importante e corporatura imponente abbia vantaggi in termini di velocità e destrezza nei movimenti rispetto a un giocatore che fa della velocità e della rapidità la sua arma principale. Questa caratterizzazione delle varie corporature la troviamo anche quando nella situazione di post basso si venga a creare un mismatch in cui finalmente il giocatore più possente riesce a far valere le sue doti fisiche e atletiche per avere la meglio sull'avversario.

In generale possiamo premiare il lavoro svolto sulla IA che reagisce in modo più pronto e consapevole alla disposizione dei giocatori in campo e a cosa sta accadendo.

I giocatori di vecchia data potranno finalmente dimenticarsi di quando nelle edizioni passate l'attaccante durante la penetrazione a canestro faceva collassare su di sé tutta la difesa permettendo con uno scarico di tirare facilmente da 3 punti.

In NBA 2K22 infatti, modificando le innumerevoli ed esaustive opzioni difensive si riesce a gestire il comportamento dei giocatori controllati dal computer in maniera decisamente più funzionale e fedele alle impostazioni date.

Ci si vede sul parquet...o al campetto...o in Città

Le modalità presenti in NBA 2K22 non stravolgono e non introducono novità di rilievo ma approfondiscono e perfezionano tutte quelle già viste in passato. E' possibile avviare una partita standard o nel campetto, in locale oppure online scegliendo tra squadre e giocatori attuali e storici, in LaMiaNBA è possibile creare una nuova franchigia e gestire tutta l'organizzazione sia in campo che fuori affrontando infinite stagioni; la WNBA introdotta l'anno scorso ed ampliata quest'anno è la lega di pallacanestro americana femminile. Qui si può creare una giocatrice e partecipare con lei al campionato anche in modalità online. E'da sottolineare il lavoro svolto nella realizzazione di movimenti e animazioni specifici per le atlete femminili ma purtroppo seppur ampliata rispetto allo scorso anno, THE W ha ancora tanta strada da fare per raggiungere il livello di varietà e completezza della modalità carriera standard dedicata alla controparte maschile.

LaMiaCarriera

Dopo aver affrontato un profondo editor di creazione fisica e degli attributi de IlMioGiocatore si viene catapultati immediatamente ne La Città, quest'anno più grande e viva che mai.

A differenza delle precedenti edizioni la carriera sarà meno pilotata e intervallata da filmati di intermezzo. Sembra essere stata intenzione degli sviluppatori lasciare più libertà al giocatore di crearsi il proprio percorso. Se da un lato questo può determinare una carenza di background riguardante la storia, dall'altro ci permette di percorrere in maniera più fluida e rapida tutte le varie tappe che portano dalla nostra scelta tra college e G-League fino al momento della nostra affermazione come campioni NBA.

Ne La Città troveremo tutto ciò che può offrire la modalità LaMiaCarriera, a partire da campetti in cui poter giocare online in 3 vs 3 o 2 vs 2, passando per vari negozi di marche reali in cui comprare indumenti per personalizzare l'abbigliamento del nostro giocatore, per arrivare infine a tutte le innumerevoli missioni secondarie che i tanti NPC che popolano la città ci potranno assegnare, offrendoci ricompense in esperienza, VC (Virtual Coins, la moneta virtuale del gioco acquistabile anche attraverso micro-transazioni) e/o oggetti premio.

Introduzione di quest'anno, ripresa dalla modalità LaMiaSquadra, è la possibilità di accumulare esperienza completando obiettivi dinamici o missioni che consentono di salire di livello ricevendo via via premi sempre più importanti (il livello massimo della Stagione 1 dà in premio un kart con cui pavoneggiarsi in città e raggiungere più rapidamente i luoghi di interesse).

LaMiaSquadra

L'equivalente di FUT in FIFA è la modalità in cui potremo costruire la nostra squadra di fantasia con l'utilizzo di carte rappresentanti giocatori attuali e del passato. Oltre alle solite modalità offline (Dominio, Triplice Minaccia e sfide) e online (Unlimited, Limited e Triplice Minaccia, in questo caso modificata), è stata reintrodotta a grande richiesta la modalità Draft.

Nel Draft potremo formare la nostra squadra pescando carte casuali che andremo ad usare per un numero di partite limitato e soltanto in questa modalità. Per accedervi è necessario utilizzare dei ticket che bisogna necessariamente pagare in VC, rendendo di fatto l'esperienza di difficile accesso per chi non volesse accumulare la moneta virtuale in altre modalità o pagandola con denaro reale.

In partenza, in Triplice Minaccia Online avremo a disposizione 100 punti che diminuiranno in base ai punti che i nostri avversari ci infliggeranno sommandosi di partita in partita. Una volta arrivati a 0 saremo costretti a ricominciare la nostra scalata dal livello base. Questa modifica ha aggiunto sicuramente maggiore importanza alla fase difensiva delle partite, rendendo però di fatto abbastanza complicato raggiungere i livelli più alti che garantiscono premi di rilevanza maggiore anche ai veterani de LaMiaSquadra.

Durante tutta la stagione NBA in partenza a ottobre, verranno introdotti settimanalmente nuovi pacchetti acquistabili con valuta in-game o micro-transazioni che includeranno giocatori reali reduci da grandi prestazioni. In aggiunta, sempre a cadenza settimanale, vengono messi a disposizione pacchetti a tema sempre nuovi con sfide dedicate e agende contenenti obiettivi dinamici per accumulare esperienza e ottenere i premi stagionali.

COMPARTO GRAFICO E AUDIO

Graficamente il titolo offre un realismo mai visto prima nella categoria, presentandosi in un glorioso 4K HDR e riuscendo a mantenere sempre i 60 FPS in partita; qualche calo di frame è ravvisabile però mentre girovaghiamo per La Città ma, nulla che vada ad inficiare l'esperienza complessiva della modalità. Ricordiamo inoltre che su next-gen ne La Città potranno interagire fino ad un massimo di 100 giocatori online contemporaneamente.

I modelli di giocatori attuali e storici sono quanto più fedele si sia visto in ambito videoludico alle loro controparti reali. Anche le arene e il pubblico in esse presenti, compresi tutti gli elementi di contorno, sono riprodotti nel più minimo dettaglio con il pubblico che reagisce in tempo reale all'andamento della partita. Ci troveremo infatti di fronte a persone che si alzano per andarsene se la squadra che gioca in casa sta perdendo con largo margine a pochi minuti dalla fine. Altresì si alzerà e intonerà cori per spronarci se negli ultimi minuti ci troveremo in una situazione di punto a punto.

Inoltre, la presentazione delle partite e la telecronaca  in inglese offerta da ex giocatori e commentatori reali ci accompagnerà in maniera sempre puntuale e precisa con interventi da bordo campo e analisi tecniche approfondite. Per facilitare l'immedesimazione nell'atmosfera di una partita NBA, quest'anno sono state introdotte anche le voci degli annunciatori reali delle rispettive 30 arene che presenteranno i giocatori a inizio partita e coordineranno il pubblico nelle sue esultanze.

9
NBA 2K22 si afferma come il titolo di riferimento annuale per gli appassionati di basket a stelle e strisce, permettendo una vastità di scelte pressoché infinita di cose da fare, offrendo un comparto tecnico eccezionale, un gameplay rimodellato e più solido rispetto al passato, ma soffrendo sempre della troppa dipendenza in alcune modalità (vedi LaMiaSquadra e LaMiaCarriera) delle micro-transazioni.