Recensione Amazon Fire HD 8

Recensione Amazon Fire HD 8
Tiscali GameSurf

Arriva oggi sul mercato il nuovo tablet Amazon che raggiunge il traguardo della decima generazione. E per salutare al meglio questa importante milestone, l’azienda americana ha deciso di fornire a questo piccolo compagno di tutti i giorni una dotazione hardware finalmente in linea con le tendenze e, soprattutto, con applicazioni sempre più affamate di ram e capacità di calcolo.

Messe da parte le “mezze misure”, il Fire 8 HD arriva al traguardo dei due giga di ram (prima erano 1,5) e spinge forte sulla frequenza del processore che raggiunge i 2 Ghz, per un incremento prestazionale, dichiarato dal produttore, del 30%, anche se la classe del processore rimane invariata, con il quadcore Cortex A53 a rappresentare il “cuore” sotto il cofano del Fire HD.

Ottime le prestazioni del display, che al netto di una risoluzione e di un ppi praticamente invariati (1280x800 come risoluzione massima e 189 ppi), appare decisamente più luminoso, risultando sempre molto nitido e leggibile anche nell’utilizzo sotto la luce diretta del sole.

Quello che salta subito all’occhio è che sebbene siano stati rispettati gli 8 pollici dedicati allo schermo, Amazon abbia sostanzialmente variato il rapporto di forma del tablet. Rispetto ai modelli 2017 e 2018 il tablet è infatti leggermente più largo e più basso. Anche la telecamera frontale (da 1,9 Mega Pixel) è stata posizione sulla sinistra dello schermo, anche se l’inquadratura risulterà corretta anche mantenendo il tablet in posizione verticale.

Sicuramente questo leggero cambio di proporzione vuole suggerire all’utente un utilizzo che si affaccia maggiormente all’ambito multimediale, e che richiede quindi la conseguente rotazione del display, anche perché entrambi gli speaker sono allineati sul lato destro del telaio. Quello che potrebbe infastidire è che se siete abituati a utilizzare il tablet per la lettura, questo rapporto di forma potrebbe crearvi qualche problema nel tenere il tablet con una sola mano, specialmente se avete le mani piccole. Niente di drammatico, intendiamoci, si tratta solo di cambiare leggermente le proprie abitudini.

Viste le rinnovate potenzialità, quello mutimediale è sicuramente uno degli ambiti che ha goduto maggiormente delle novità hardware introdotte. Il caricamento dei video (abbiamo testato sia Amazon Prime che Netflix) è praticamente immediato e l’impari confronto con il modello targato 2017 ha registrato un ritardo di 25 secondi netti di quest’ultimo nel caricamento dello stesso contenuto.

Ovviamente non è cambiato il sistema operativo Fire Os, questa volta basato su Android 9, che non integra ufficialmente il marketplace originale Google, sostituito con quello proprietario di Amazon che propone solo alcune delle migliaia di applicazioni presenti invece su Android. Quelle che troverete sono comunque più che sufficienti per garantirvi un utilizzo più che buono in tutti i versanti, dalla navigazione a web, alla mail e tutti gli altri utilizzi tipo di un dispositivo di fascia economica (non dimentichiamocelo).

Sugli scudi l’applicazione probabilmente più utilizzata su questo tablet, ovvero proprio quella per la lettura dei libri che adesso è ancora più immediata nell’apertura e decisamente più fluida nello scorrere le pagine dei vostri ebook. E’ presente anche il filtro per la luce blu, in modo da accompagnare senza troppi problemi il vostro sonno in compagnia di un buon libro. Inspiegabile, invece, la mancanza (ancora una volta), dell’app Audible: se volete godervi un audiolibro dovrete utilizzare un cellulare.

La batteria ha una durata dichiarata di 12 ore di funzionamento, anche se nei nostri test il suo utilizzo misto, tra multimedia, gioco etc, siamo arrivati a filo delle 11 ore continue. Un risultato comunque ottimo, soprattutto se si considera che grazie alla USB Type C finalmente in dotazione la ricarica durerà molto meno rispetto a quanto accadeva con la semplice Micro USB. Oltre che ad un sostanziale boost in termini di ricarica, abbiamo utilizzato la Type C anche per importare contenuti sulla memoria del tablet e per ascoltare musica con le nostre cuffie Creative X-Fi. E funzionano alla grande. E’ comunque presente anche un normale connettore da 3,5 mm per cuffie cablate e l’immancabile Bluetooth 4 per il collegamento wireless (magari ai dispositivi dell’ecosistema Alexa)

Due sono i tagli di memoria proposti da Amazon: 32 e 64 giga, entrambi espandibili fino a un tera tramite l’utilizzo di Micro SD. La versione da 32 giga ha un prezzo variabile da 99 a 114 euro, a seconda che accettiate di visualizzare le offerte speciali Amazon. Quella da 64 Giga parte da 129 fino ad arrivare a 144 rinunciando alle offerte speciali che, in tutta sincerità, non sono per niente invasive e spesso vi mettono al corrente di ottime offerte in corso sulla piattaforma di vendita.

8
Tirando le fila, Amazon ha compiuto un ottimo passo in avanti con il suo tablet entry level. Prestazioni finalmente in linea con il mercato e l’inserimento della Type C sono quello che mancavano ad un dispositivo diretto ad un pubblico di vasta scala e adatto a tutte le tasche. Se state cercando un tablet con un ottimo rapporto qualità/prezzo, quello proposto da Amazon è praticamente imbattibile.