Nintendo Switch Sport - Sport virtuali, movimenti reali

Nintendo Switch Sport - Sport virtuali, movimenti reali
di Simone Marcocchi

Wii Sports è uno dei titoli più venduti in assoluto nel mondo, uno di quelli che quasi sicuramente avete giocato o avete sfiorato o di cui è impossibile che non abbiate anche solo sentito il nome. Il seguito naturale, con il suffisso Resort ha elevato a potenza l’esperienza, grazie a sensori aggiuntivi, altre nuove discipline che hanno dimostrato quanto sia eccezionale il concetto di videogame pro-attivo e ora è il momento di scoprire, disciplina per disciplina, come Nintendo abbia deciso di portarci questo brand sulla sua ultima ammiraglia.

BADMINTON
Partiamo da quella che forse è la disciplina meno riuscita (per me), in quanto effettivamente non è che ci sia così tanto da fare, conta la prontezza di riflessi, la velocità, ma alla fine si deve martoriare il polso per sconfiggere l’avversario schiacciando nel suo campo, non mi ha sinceramente sorpreso come avrei voluto.

CHANBARA
Se vorrete essere cavalieri jedi definitivi non potrete non fare un giro su questo sport. Conta la velocità nel colpire l’avversario con il bastone, ma anche evitare di venire parati o si è storditi, lasciando libero il campo ad un colpo avversario e si può cadere dalla pedana. In multiplayer locale o online funziona ed è divertente, da soli rischia un po’ di essere qualcosa che si dimentica dopo poco.

PALLAVOLO
In realtà è un po’ più beach volley ad essere precisi, si gioca due contro due e si devono rispettare i “tre tocchi” per rimandare la palla all’avversario compiendo i movimenti giusti con il controller e il tempo per fare il tutto è fondamentale, fantastico, davvero fantastico, un po’ troppo lento il volo del pallone, forse per rendere questa competizione per tutti, ma spero introducano una modalità più “cattiva”, perché è una grande idea.

BOWLING
Il bowling è Nintendo Sports per antonomasia, tra l’altro è iper-sensibile il tocco della boccia e la fisica sui birilli, questo regala grandissimo spessore alla disciplina, peccato però che si sia scelto, nelle fasi di lancio, di evitare la possibilità che si sbagli andando ad indirizzare la palla dalla mano del giocatore in una direzione, piuttosto di un’altra. L’unica possibilità è insita solo nella fase finale, che è comunque sfaccettata e può cambiare le sorti di un lancio, ma perché non dare la libertà massima? In definitiva è ancora fenomenale, intendiamoci, ma ammetto che le possibilità (anche dei mini giochi) e la realizzazione di questo gioco su Resort lo preferisco.

TENNIS
Finalmente abbiamo la versione definitiva! Il tocco della palla è sensibile, si deve fare attenzione ai movimenti, alla postura, non troppo alla posizione in campo – è automatizzata -, ma comunque offre grandissima profondità e possibilità di divertirsi a livelli diversi da soli in compagnia in locale e in multiplayer. Anche questo sport potrebbe veder riconoscer in futuro aggiornamenti per renderlo ancora più stratificato o magari vedere così il prossimo Mario Tennis, due realtà che se si fondessero bucherebbero lo schermo… ecco, sì, per questo state sempre attenti ad usare le fascette. Rivolgo però un appello a Nintendo, io gioco ancora a ping-pong di Resort (ma quanto è bello??), spero me lo riportino in vita e modalità aggressiva e con la precisione di adottata nel tennis.

CALCIO
Questo, da solo, varrebbe il prezzo del biglietto!
Una vera droga, in multiplayer è fenomenale, Nintendo dovrebbe puntare forte sul calcio, magari con approfondimenti futuri, nuovi stadi, qualcosa di studiato ad hoc, ma già così è il mio Rocket League della vita. Otto giocatori si sfidano in un’arena con le meccaniche molto simili a quelle del sopraccitato titolo Psyonix, ma tra colpi di testa, rimbalzi, tattiche di gioco, tiri liberi ecc. è qualcosa di unico e perfetto!

8,5
Oltre a Super Mario Party non c’è un software migliore per passare le serate con gli amici che non sia Switch Sports sulla vostra console Nintendo anche e soprattutto per coloro che non sono così tanto avvezzi con i videogames, ma amano divertirsi con qualcosa di casual (dando la miglior accezione a questo termine che non sia sminutiva). Peccato però perché con i super sensori dei joy-con e una potenza di calcolo decisamente maggiore rispetto a Wii questo brand poteva ambire alla perfezione o almeno ad una maggiore stratificazione e profondità nelle discipline (oltre al numero), anche se quest’ultimo sappiamo già che aumenterà nei prossimi mesi.