Recensione Yakuza 4: Heir to the Legend

4 personaggi in cerca d'autore
Tommaso Alisonno Di Tommaso Alisonno(12 marzo 2011)
Tecnicamente, Y4 parte dalla base tecnica di Y3: il motore è evidentemente il medesimo, anche se è innegabile che sia stata posta un'attenzione particolare alla cura delle textures piuttosto che ai modelli veri e propri. Infatti, se si fa eccezione per i protagonisti e determinati boss, in tutto il resto della “folla”, compresa la maggior parte dei nemici, assistiamo ad una drastica riduzione del numero di poligoni, e nonostante ciò occasionalmente si assiste ad un calo di frame-rate. In compenso, Kamurocho ha un aspetto ancora più “vivo” che in precedenza, tra insegne, musiche e rumori provenienti dai negozi, gente che passeggia, poliziotti di ronda e il nuovo quartiere di Little Asia. Il risultato è pertanto abbastanza godibile, e diventa splendido sotto la pioggia.
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 7
Il mini-gioco delle Hostess avrà una parte nella trama del gioco
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 8
Kazuma Kiryo ha sempre il suo tocco
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 9
Ad ogni episodio di Yakuza questo tatuaggio è più bello
Anche per quanto riguarda il comparto sonoro, Y4 segue le tracce lasciate dai predecessori. Questo significa che nelle normali circostanze di esplorazione mancherà una qualsiasi musica di accompagnamento ma abbonderanno i succitati suoni ambientali, ed anche i dialoghi saranno per lo più limitati a pochi versi, lasciando al voluminoso testo scritto l'incombenza di narrare la storia. Nelle cinematiche e nelle scene filmate più importanti, però, i doppiatori - rigorosamente Giapponesi - si faranno sentire con tutta la loro professionalità, così come basterà iniziare una rissa per avere in sottofondo una ritmata musica di accompagnamento; in certe fasi di trama, inoltre, la musica ci terrà compagnia anche in esplorazione. Nella versione testata, i testi su schermo erano disponibili solo in Inglese.

Per quanto avere esperienza del sistema di Yakuza possa rendere le cose ulteriormente più semplici, è innegabile che prendere confidenza coi comandi di Y4 sia un po' più immediato dei predecessori: sicuramente le “vecchie volpi” non avranno nessun problema a gettarsi a capofitto nelle strade di Kamurocho alla difficoltà intermedia, ma per i neofiti è presente anche il livello Easy - meglio lasciare l'Hard ai veri esperti, però. Il sistema di avanzamento del personaggio è stato semplificato: anziché spendere nei vari parametri l'esperienza accumulata (come in Y1-2-3),  stavolta è presente un più generico “livello” che stabilisce anche la barra della vita.
Ad ogni passaggio di livello corrisponde l'acquisizione di tre “gettoni” spendibili per acquistare nuove tecniche, o Finishing Move, o porzioni extra della barra del Rage. Ancora una volta, ciascun personaggio avrà le sue mosse specifiche, ma alcuni incrementi saranno in comune.
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 10
Finishing Move con una sedia in testa
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 11
Scegliamo una collana per la nostra Hostess
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 12
La cabina telefonica sarà utilizzata sia come Savepoint sia come Magazzino
Il passaggio da un protagonista all'altro può dare un attimo di smarrimento, specie quando si passa da Akiyama a Saejima, ma di norma bastano un paio di baruffe per prendere le giuste misure delle nuove strategie. Durante il capitolo di ciascun personaggio ci si troverà impelagati anche in un gran numero di sotto-storie, ma fortunatamente non sarà necessario risolverle tutte subito: ci sarà tempo nel capitolo finale per “chiudere i propri affari” prima dell'epilogo vero e proprio.
Rimane palese pertanto che la durata dell'esperienza di gioco si modifichi a seconda di quanto il giocatore si lascia rapire da queste attività collaterali: è sicuramente possibile dedicarsi unicamente alla trama principale, limitandosi a recarsi nel “punto luminoso” sulla mappa, magari anche saltare le scene filmate e combattendo direttamente contro i nemici-chiave e i boss, e terminare così il tutto in forse anche meno di dieci ore, ma sinceramente sarebbe come guidare una Ferrari solo per andare al bar dell'isolato accanto. Dedicando alle varie attività il giusto tempo, invece, le ore di gioco superano ampiamente le 30, 40 o addirittura 50 (abbiamo le prove), senza contare che la presenza di classifiche online garantisce un surplus notevole per chi adora primeggiare con gli amici.

Concludendo, è impossibile non trovare in Yakuza tutto ciò che abbiamo imparato ad apprezzare nei tre predecessori, con in più la riuscita iniziativa di decentralizzare l'attenzione su un unico protagonista e introdurre varietà grazie agli altri tre personaggi - non stupisce pertanto che uno di questi, Shun Akiyama, abbia già trovato posto nello spin-off To The End. SEGA riesce a rinfrescare una saga che rischiava di diventare troppo ripetitiva e nel contempo soddisfare tutte le aspettative di chi, dal canto suo, non la trovava ripetitiva per niente: certo, aver giocato i predecessori sarà comunque d'aiuto più che non visionarne i riassunti (forniti e graditi dal menù di gioco), ma Yakuza4 è appetibile anche per chi è digiuno della serie.
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 13
La mappa di Kamurocho: gli esperti riconosceranno facilmente tutti i punti "caldi"
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 14
Il gioco di gambe di Akiyama è decisamente devastante
Yakuza 4: Heir to the Legend - Immagine 15
QTA in una Finishing Move: azzeccatelo per fare più danno
12
8,5
Yakuza è tornato, e lo fa moltiplicato per quattro. Non è solo un gioco di parole relativo al fatto che siamo al cospetto del quarto episodio della saga, ma proprio la considerazione che la presenza di quattro protagonisti riesce a fornire un'esperienza di gioco molto più vasta, varie e profonda rispetto all'avventura “in solitario”, mantenendo però le redini di una trama specifica. Più abbordabile dei due predecessori per i neofiti, altrettanto bello per i fan, Yakuza 4 è probabilmente uno dei capitoli più godibili della serie.
voto grafica6,5
voto sonoro7
voto gameplay8,5
voto durata9

Yakuza 4: Heir to the Legend

Yakuza 4: Heir to the Legend PS3 Cover
  • Piattaforma: PS3
  • Produzione: SEGA
  • Sviluppo: SEGA
  • Genere: Action RPG
  • Data di uscita: marzo 2011
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11

MotoGP 19
MotoGP 19

Intelligenza artificiale su due ruote