Recensione Wolfenstein

Andiam...Andiam, Un Pò Di Nazisti A Fraggar...!
Alessandro CossuDi Alessandro Cossu (31 agosto 2009)
A dispetto delle attuali convinzioni e fatte le dovute eccezioni, il genere che maggiormente soffre di “sindrome dello specchio” (ovvero, un eccesso di similarità nelle varie produzioni), è proprio quello degli FPS. I titoli attuali sono caratterizzati da  personaggi e ambienti con sfumature "dark" e raramente ci troviamo di fronte a qualcosa che devi da un percorso che, per quanto ridondante, si rivela spesso vincente. Wolfenstein non si discosta dai giochi dello stesso filone - non troppo, quanto meno -e questo sequel del glorioso titolo uscito nell'ormai lontano 2001, pur lungi dall'essere perfetto, si rivela in ogni caso piacevole e divertente. Ci sono mostri e nazisti, boss di fine livello e magia, il tutto intrecciato intorno ad un caro, vecchio, protagonista che saremo chiamati ad impersonare, massacrando ogni cosa che si muova sul nostro fido schermo (magari con l'ausilio di un bel JetPack!).
Wolfenstein - Immagine 1
Wolfenstein - Immagine 2
Wolfenstein - Immagine 3
 
I programmatori hanno scelto per noi una location “fantastorica”, per coniare un termine, (ri)mettendoci nei panni di BJ Blaskowicz, protagonista di RTCW e ancora oggi uno dei personaggi più amati del mondo dei videogames. Con il nostro alter ego digitale, saremo chiamati a proteggere i residenti della ridente (?) città di Isenstadt (da non confondere con la città austriaca di Eisenstadt). Isenstadt, nel gioco, è la sede di numerosi gruppi di resistenza armata all'avanzata nazista; scopo ultimo di tali gruppi è quello di strappare i segreti del “soprannaturale” dalle rapaci mani della Schutzstaffel. Questo elitario gruppo di studiosi/scienziati/maniaci/echipiùneha, sono intenzionati a carpire i poteri di una presenza mistica denominata “Sun Black”, in modo tale da - rullo di tamburi- conquistare l'egemonia su tutto il pianeta.

Niente di veramente nuovo sotto il sole marchiato da una svastica, quindi e anzi, a dirla tutta, Wolfenstein sembra aver subito non poco - specialmente di primo acchito, il trascorrere del tempo e non pare completamente in linea con le attuali produzioni. Le ambientazioni prerenderizzate così come le animazioni (in particolari quelle facciali), non paiono in sintonia con lo standard a cui siamo abituati - almeno nella versione testata da noi, ovvero quella per la Scatola X di Microsoft. Potremmo definire il titolo sotto esame un'opera “usa e getta” : ci si diverte (molto), si spara e in qualche occasione ci si spaventa, ammazzando tutto e tutti senza soluzione di continuità fino alla fine, quando riporremo Wolfenstein nello scaffale per non riprenderlo,probabilmente, mai più.
 
Ricapitolando, quindi, la trama non ci regalerà chissà quali sorprese. Nonostante la presenza di qualche elemento attinto dai giochi di ruolo e una componente “magica” piuttosto forte, Wolfenstein percorre il sentiero dei suoi predecessori, senza scomodarsi a trovare nuove strade...il che, è bene sottolinearlo, non è necessariamente un male.

Percorreremo fattorie e campi di aviazione, corridoi segreti, cunicoli e cittadine intrise dall'odore della morte e del sangue; naturalmente, non saremo soli, ma coadiuvati, come direbbe Charles Bronson, da alcuni amici personali. Il lanciafiamme, per esempio, così come il più classico SMG MP40, che fa sempre la sua figura. Tuttavia, le armi che danno a Wolfenstein “quel tocco in più”, provengono da quella che potremmo definire una realtà alternativa: il fucile Tesla è il primo che ci sentiamo di citare, il quale è capace di convogliare flussi elettrici in più direzioni nello stesso momento. Oppure, il Leichenfaust 44, un arma capace di vaporizzare all'instante i nemici. Durante l'esplorazione della città e dei suoi anfratti, ci imbatteremo - oltre ai consueti pacchi di munizioni, anche in sacchi di monete più o meno gonfi. Grazie ai soldi così ricavati, potremo comperare migliorie di vario genere e natura per i nostri strumenti di morte, come la riduzione del rinculo, maggior ratio di fuoco, et similia.
Wolfenstein - Immagine 4
Wolfenstein - Immagine 5
Wolfenstein - Immagine 6
12

Wolfenstein

Disponibile per: Xbox 360 , PS3, PC
Wolfenstein Xbox 360 Cover
  • Piattaforma: Xbox 360
  • Produzione: Activision
  • Sviluppo: Raven
  • Genere: FPS
  • Data di uscita: agosto 2009
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?