Recensione Warhammer: End Times - Vermintide

Quando gli zombie diventano skaven
Simone Rampazzi Di Simone Rampazzi(7 dicembre 2015)
Lo specchietto del nostro articolo non vuole sembrare meramente un banale riferimento ad un gioco, ma vuole in realtà sottolineare come gli sviluppatori di casa Fatshark si siano avvicinati molto bene al gioco Left 4 Dead, esclusivamente per proporci un titolo dalle stesse dinamiche, logicamente reinventato per l'occasione in un setting specifico riguardante il gioco di miniature Warhammer.

Ed il risultato di questa fusione di intenti come ci è sembrato?
Warhammer: End Times - Vermintide - Immagine 1
La missione sembra semplice ma..

Tanto va il ratto all'eroe..

Vermintide è un action game cooperativo che pone il giocatore di fronte ad una serie di missioni da affrontare, nelle quali sarà possibile muoversi all'interno della città di Ubersreik per cercare di arrestare l'avanzata squittente degli skaven che, attirati dalla luna del Caos, giungono orda dopo orda per radere al suolo tutto ciò che incontrano sul loro cammino. L'ambientazione dunque lascia spazio ad una serie di scenari ben caratterizzati, sviluppati all'interno di diversi contesti dove il giocatore dovrà cercare di portare a termine diversi compiti, che siano magari la conquista di una torre strategica o il reperimento di rifornimenti per foraggiare la resistenza all'invasione.

All'interno del gioco sono invero presenti cinque personaggi diversi tra loro, verosimilmente al fine di creare un certo tipo di format eterogeneo per fare appello sui diversi stili di ingaggio dei giocatori, siano quest'ultimi votati all'utilizzo delle armi bianche, dei moschetti oppure della magia. Ed i nomi risultano altisonanti quasi quanto il loro aspetto, dato che si presentano all'anagrafe come il cacciatore di streghe Victor Saltzpyre, vestito del suo lungo pastrano nero come la pece, il nano ranger Bardin Goreksson accompagnato dalla sua fida ascia, il soldato Markus Kruber armato di martello e le due donne, non proprio gentili, Kerillian e Sienna Feugonasus, rispettivamente una sentinella elfa ed una strega della luce. chiaro che ogni personaggio porta con sé un dissimile assetto di gioco, che comunque cerca di seguire regole semplici votate principalmente al combattimento corpo a corpo, che lascia spazio ad alcuni attacchi a distanza solo nel caso di agguati episodici o arginamento di lunghe code di nemici che prestano la gola alle frecce ed ai moschetti.
Warhammer: End Times - Vermintide - Immagine 3
Alcuni consumabili vi salveranno letteralmente la vita!
Ognuno dei personaggi regala apertamente una serie di armi accostabili al loro aspetto, ad esempio Kerillian predilige l'uso di un arco per gestire i nemici a distanza, ma non disdegna il combattimento in mischia grazie all'utilizzo di due spade veloci e letali. Lo stesso trattamento ce lo riserva, in modo alternativo, il nano Bardin che attacca velocemente con la sua ascia ad una mano, facendo un gran numero di danni, difendendosi grazie alla pressione del tasto destro del mouse con il suo fedele scudo (la difesa può essere usata da tutti i personaggi).

Come accennato poco prima, lo scopo ultimo è completare le missioni attivando diversi punti di interesse. Una volta fatto ciò, l'area si popola di una cospicua orda di nemici pronta a farci la pelle rispettando il metodo delle ondate, cercando di sfiancare e separare i membri del gruppo, nonché costringendoli ad usare i consumabili disponibili, che saranno rari da trovare nel corso della partita. Ed è proprio per questo che i giocatori dovranno fare gruppo, muovendosi compatti senza cercare falsi eroismi, soprattutto perché la morte dell'eroe equivale ad un respawn lento all'interno di una zona avanzata dedicata al checkpoint.

proprio una più oculata strategia di ingaggio che vi consentirà di sopravvivere più a lungo, anche perché altrimenti rischierete di fare molte volte lo stesso scenario senza cavare un ragno dal buco, restando bloccati persino a difficoltà normale. Va comunque citato che il gioco è stato presente su Steam con un lungo periodo di Early Access, espediente che ha permesso a molti utenti di masterizzare alcune fasi in maniera quasi perfetta e che, una volta trovati quest'ultimi in squadra, ci ha permesso di finire le mappe senza nessuna perdita, ma soprattutto in tempi brevi.

In compagnia è sempre meglio

Un gioco come Vermintide cerca di favorire la ricerca di gruppi affiatati al fine di creare squadre pronte ad affrontare qualsiasi tipo di sfida, ed è infatti importantissimo poter comunicare con i propri compagni perché così si possono coordinare diverse strategie votate alla riuscita dello scontro in corso. Ci sono mappe dove dovrete facilmente attivare delle leve per farvi strada nel mondo, ma molto presto vi troverete ad affrontare sfide più arzigogolate, come trasportare barili esplosivi per far saltare dei grossi portoni oppure reperire dei sacchi di frumento sparsi per il mercato abbandonato, il tutto mentre sarete letteralmente circondati di nemici che usciranno anche dalle pareti. L'ambientazione viene coadiuvata da un buon comparto tecnico, indubbiamente accattivante se vengono impostati tutti i settaggi al massimo delle capacità del vostro personal computer, ma non possiamo però gridare al miracolo sulla sua resa finale, se non altro perché alcuni elementi sembrano piuttosto sgranati ed abbandonati a loro stessi.


Resta comunque di fatto che il titolo è interessante, nonché valido, e promette diverse ore al suo seguito non tanto per il completamento delle singole missioni, quanto più per la possibilità di cambiare personaggio o giocare modalità più competitive ed avanzate. La ricerca inoltre di un loot superiore, effettuabile a fine partita grazie al lancio randomico di una serie di dadi, permette anche di personalizzare leggermente il vostro personaggio, così da sbloccare qualche tratto aggiuntivo ma non mancheranno anche alcuni elementi nella taverna dove inizierete la vostra partita, come ad esempio la Forgia, dove potrete riutilizzare tali oggetti smantellandoli per ottenere materiali di creazione.
Warhammer: End Times - Vermintide - Immagine 4
Dopo qualche ora di gioco, le nostre spade sono decisamente più accattivanti
8
Warhammer: End Times – Vermintide è sicuramente un gioco affascinante, chiaro e limpido come l'acqua soprattutto se avete navigato per i mari di Left 4 Dead ma anche i giocatori novizi non avranno problemi a potersela cavare in questa ambientazione, a patto che vengano seguite le regole di ingaggio suddette senza lasciarsi corrompere da falsi eroismi. Il titolo si attesta sul mercato Steam ad una trentina di euro, ma se amate il genere non resterete certamente delusi dalla sua fattura.
voto grafica7,5
voto sonoro7,5
voto gameplay8
voto durata8

- 5 %

Acquista la versione PC

27,9926.59

Warhammer: End Times - Vermintide

Warhammer: End Times - Vermintide PC Cover
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
Stadia
Stadia

Tutte le informazioni sul progetto gaming di Google

One Piece World Seeker

5

One Piece World Seeker

Una nuova avventura per Monkey D. Rufy

Tom Clancy's The Division 2
Tom Clancy's The Division 2

Agenti, Washington D.C. ha bisogno di voi

PlayStation Now

8

PlayStation Now

Una prima occhiata al nuovo servizio streaming (ma non solo) di Sony

Warhammer: Chaosbane
Warhammer: Chaosbane

Siamo pronti all'arrivo del brand in salsa hack'n'slash?