Recensione Venom

Il simbionte torna sul grande schermo!
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(3 ottobre 2018)

Venom, ideato da David Michelinie e disegnato dal grande Todd Mcfarlane, nel mondo degli antieroi Marvel ha un ruolo tutt’altro che banale. Nonostante una vita piuttosto giovane a livello fumettistico (prima apparizione datata 1986!) è diventato uno dei villain più famosi dell’Uomo Ragno, ma soprattutto un personaggio che è apparso in tantissime saghe alternative e uniche, in forme differenti e con storie completamente diverse dalla prima, e originale, con Eddie Brock.

Facile quindi intuire come Sony abbia deciso di puntare forte su quella che, sempre guardano in ottica fumettistica, è diventata una vera e propria icona pop, riconosciuta e riconoscibile da un pubblico vasto e variegato.

RITORNO AL FUTURO

Citiamo non a caso la grandissima pellicola di Robert Zemeckis, per un motivo molto semplice. Guardano Venom si ha la reale sensazione di essere tornati indietro nel tempo. Una macchina per viaggi spazio-temporali che ci riporta, per quasi due ore, indietro di quasi 20 anni quando, nei primi 2000, il cine comics si manifestava ancora timidamente agli occhi del grande pubblico, con uno scheletro narrativo e recitativo piuttosto scarno e semplicistico.

Guardando il film e ascoltando i dialoghi della sceneggiatura scritta dal poker di penne Pinkner, Rosenberg, Marcel, Beall e diretto da Ruben Fleischer, ci si trova davanti ad origin story concettualmente e tecnicamente antica, superata, di quelle che non riesco davvero mai a farti appassionare al contesto narrativo.

A Hardy/Venom ci arriviamo tra poco, soffermiamoci ancora un attimo sulla sceneggiatura. I personaggi scritti per il film non sono solamente figure poco profonde, ma non riescono nemmeno a trasmettere quel pizzico di carisma in grado di stimolare qualcosa nello spettatore. Un villain (che si contraddice spesso da solo) mosso da ideali confusi e inferiore a molto altri visti nei film Marvel dell’MCU (e abbiamo davvero detto tutto); una serie di rapporti personali della vita di Eddie che non solo vengono gettati in pasto all’evolversi delle vicende, ma restano lì sullo sfondo spuntando qua e là giusto per dare quel “qualcosa in più” di cui onestamente non ne sentivamo il bisogno.

Venom - Immagine 1

Tutto questo ci porta a percepire un prodotto che trasmette la sensazione di essere già superato in partenza. Un peccato che diventa ancora più grande e carico di rammarico se guardiamo alla figura di Venom, l’unica in grado di farci sorride timidamente, in segno di compiacimento, in sporadicissimi momenti della storia. Si poteva sfruttare meglio. Si doveva sfruttare meglio. Partendo magari da un Tom Hardy che non ci ha convinto proprio per nulla in linea generale, ma che, esattamente come il simbionte, in alcuni momenti tira fuori le sue qualità attoriali migliori (di cui sappiamo perfettamente essere dotato), regalandoci qualche scena simpatica e apprezzata. Parlando sempre di qualche elemento positivo, salviamo anche alcuni frame della battaglia finale (di cui ovviamente non vi diciamo nulla) piuttosto piacevoli a livello estetico.

Tutto il resto della pellicola trasuda nero come la pelle liquidosa di un discreto Venom in CGI; un prodotto che scivola via per oltre due ore in un misto di noia e rammarico. Il personaggio poteva essere sfruttato sicuramente meglio, sia per quanto riguarda la parte di convivenza tra simbionte/umano (che da complessissima, diventa da un momento all’altra immediata e quasi universale), ma soprattutto per un cast che sembra non avere una vera direzione, un faro chiamato sceneggiatura che non li faccia brancolare all’interno di un film in cui si ha la sensazione che tutto sia un po’ fuori posto, o peggio, fuori tempo massimo. Peccato, davvero.

Venom
Venom - Immagine 211865
Venom - Immagine 211864
Venom - Immagine 211863
Venom - Immagine 211862
Venom - Immagine 211861
Venom - Immagine 211860
Venom - Immagine 211859
Venom - Immagine 211858
Venom - Immagine 211857
Venom - Immagine 211856

Venom non diverte e non appassiona, inutile girarci attorno. Tralasciando tutti i rimandi fumetto/film, che spesso e volentieri lasciano il tempo che trovano, se si parla di cinecomics, il problema della pellicola di Fleischer sta nel suo essere vetusta e strutturalmente superata da un genere che ha fatto notevoli passi avanti, e di questo bisognava tenerne conto. Speriamo solo che ci sia modo e tempo di ripensare al progetto, perché la prima delle due scene post credit ci ha realmente stuzzicato.

Venom

Venom Cover
  • Regia: Ruben Fleischer
  • Produzione: Sony Pictures
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Sony Pictures
  • Sceneggiatura: Todd McFarlane, Dante Harper
  • Genere: Cinecomic
  • Durata: 112 min.
  • Data di uscita: 4 ottobre 2018
  • Cast: Tom Hardy, Michelle Williams, Riz Ahmed, Scott Haze, Reid Scott, Woody Harrelson
Empire
Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
Maria Regina di Scozia
Maria Regina di Scozia

Una regista femminile rivisita la storica rivalità tra due regine

L'uomo dal cuore di ferro
L'uomo dal cuore di ferro

Due film in uno per raccontare la storia di uno dei più spietati gerarchi nazisti

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...