Tiscali

Recensione Tokyo Jungle

Giungla d'asfalto
Massimiliano PacchianoDi Massimiliano Pacchiano (18 settembre 2012)
Anche se negli ultimi tempi il gaming giapponese non se la passa benissimo, i veri appassionati non hanno mai smesso di amare l'inconfondibile stile nippo-digitale fatto di eccessi e bizzarrìe. A dirla tutta il qui presente Tokyo Jungle fa parte di quella piccola cerchia di giochi jappocentrici così strani e singolari che difficilmente riescono a raggiungere gli scaffali nel resto del mondo. Parliamo di titoli davvero fuori di testa, peculiari ma a loro modo affascinanti, quelli che solo gli appassionati più hardcore conoscono e che il pubblico occidentale di solito disprezza: un paio di esempi possono essere LSD Dream Emulator della Asmik Ace per PlayStation o Lack of Love della Ascii per Dreamcast.
Tokyo Jungle - Immagine 1
Tokyo Jungle - Immagine 2
Tokyo Jungle - Immagine 3
 Ma quindi Tokyo Jungle è arrivato anche nei nostri negozi? Niente affatto, perché il gioco è stato trasformato in un download digitale acquistabile solo su PSN e prezzato adeguatamente: 12.99 euro contro i 3.900 Yen dell'edizione giapponese su disco (i quali corrispondono a circa 40 euro, due terzi del prezzo pieno). Il cambio di “supporto” ed il taglio di prezzo sono senza dubbio graditi, in quanto sebbene il titolo del team Crispy's sia molto interessante e coinvolgente, è anche vittima di un comparto tecnico tutt'altro che spettacolare, incapace forse di competere con gli altri titoli full-price che invadono il mercato. Allo stesso modo, anche il numero di trofei sono stati ridotti a 13 ed è stato eliminato il tanto agognato platino.

Ma passiamo al gioco vero e proprio: siamo in un prossimo futuro in cui l'umanità si è estinta, e la caotica città di Tokyo è ormai ridotta a un deserto fatto di cemento e vegetazione spontanea. In questa strana ambientazione troviamo tutta una serie di animali, che vanno dalle bestiole domestiche alle belve selvatiche (fuggite dallo zoo a quanto pare) ed il nostro compito sarà semplicemente quello di sopravvivere impersonando di volta in volta un diverso rappresentante della catena alimentare. Detto così sembra un gioco piuttosto limitato, ma in realtà Tokyo Jungle riserva parecchie sorprese ed una profondità inaspettata.

Inizialmente avremo a disposizione solo due animali tra cui scegliere: un cagnolino (il classico volpino giapponese) ed un cerbiatto. Queste due bestiole rappresentano in pratica le due classi che troveremo nel gioco: i predatori e gli erbivori. Si tratta di due approcci differenti al gioco, con la prima categoria costretta ad uccidere per procacciarsi il cibo (magari assalendo gli animali più indifesi), mentre l'altra è più propensa a difendersi, nascondersi e nutrirsi di piante e frutti. Inutile dirlo, gli erbivori adottano uno stile di gioco più votato allo stealth, mentre i predatori alternano azione pura ad un pizzico di discrezione in presenza di animali particolarmente pericolosi.
Tokyo Jungle - Immagine 4
Tokyo Jungle - Immagine 5
Tokyo Jungle - Immagine 6
Ci si muove all'interno della capitale giapponese inquadrata lateralmente, ed a seconda dell'animale prescelto avremo tutta una serie di obbiettivi (differenti ad ogni partita) da conseguire per aumentare le nostre caratteristiche fisiche. Ad esempio inizialmente ci potrà venir chiesto di nutrirci un certo numero di volte per completare una determinata missione ed ottenere così un bonus +4 sulla forza, o cose del genere. Queste missioncine ci indirizzano verso un corretto percorso di gioco: è infatti possibile ignorarle e giocare “come viene” ma gli obbiettivi scandiscono le tappe della crescita del “personaggio” e tentare di perseguirli entro il tempo limite (misurato in anni che scorrono rapidamente) ci consente di aumentare le caratteristiche fisiche dell'animale molto più in fretta.

Oltre a sopravvivere e nutrirci, potremo infatti conquistare i vari territori della città marcando determinati punti segnati da delle bandierine. Una volta fatto ciò avremo accesso alla “tana” dell'area corrente, dove potremo appartarci con una delle femminucce della nostra specie accorse per l'occasione. Questo avverrà solo se avremo già raggiunto un livello di “rispetto” all'altezza della  status della bella di turno: ad esempio una femmina alfa vorrà  un maschio alfa e genererà dei cuccioli forti, quindi prima di approcciarla dovremo farci rispettare dal resto della fauna. Ebbene si, le femmine sono sempre uguali, anche nel regno animale.
Una volta terminato l'accoppiamento (rappresentato in modo piuttosto buffo) controlleremo uno dei nuovi nati, al comando dell'intera cucciolata. La nuova generazione erediterà parte delle caratteristiche del padre, ed inoltre se moriremo avremo la possibilità di continuare controllando uno degli altri nati. Più avanzeremo nel gioco (e nelle generazioni) e più la cucciolata sarà numerosa, dandoci ulteriori possibilità di sopravvivere alle fasi più ardue del gioco.
Tokyo Jungle - Immagine 7
Tokyo Jungle - Immagine 8
Tokyo Jungle - Immagine 9
12

Tokyo Jungle

Tokyo Jungle PS3 Cover
  • Piattaforma: PS3
  • Produzione: Sony
  • Sviluppo: Interno
  • Genere: Arcade
  • Data di uscita: settembre 2012
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
The Sinking City

5

The Sinking City

Frogwares ci promette la follia di Lovecraft

Samurai Shodown

7

Samurai Shodown

Il grande ritorno di un autentico mito

Car Mechanic Simulator

1

Car Mechanic Simulator

Tutto il fascino del lavoro del meccanico senza dovervi sporcare di grasso..

eFootball PES 2020

1

eFootball PES 2020

Abbiamo provato il nuovo capitolo del calcistico di Konami!

Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!