Recensione Splinter Cell

Andrea Cani Di Andrea Cani(18 giugno 2003)
Splinter Cell - Immagine 8
Ci viene incontro l'ottimo sistema di controllo, che tramite l'utilizzo dei quattro tasti principali del GameBoy Advance, ci permette di mettere in pratica ogni singola mossa con estrema semplicità. I tasti principali A e B vengono usati uno per saltare e l'altro come tasto azione (sparare, colpire con un pugno, ecc...), il tasto L ha la funzione di estrarre e riporre l'arma selezionata, mentre R è utile per attivare la micro telecamera (utilissima in tutto il gioco e fondamentale per poter proseguire nelle situazioni più sfavorevoli) grazie alla quale potremo dare un'occhiata attorno entro un raggio limite prestabilito. Mi rendo conto di essere andato troppo frettolosamente a parlare delle mille mosse eseguibili (bontà loro) dal buon Fisher, senza proferire parola alcuna sugli aspetti che più di ogni altro coinvolgono i nostri sensi, ma rimediamo subito. Graficamente di troviamo di fronte ad un titolo che sfrutta l'ormai super collaudato 2d con scrolling multi direzionale. Mi spiego meglio: la visuale di gioco è quella classica con la quale vedremo il nostro alter ego digitale “ripreso” lateralmente. Se volessimo fare un paragone azzardato, Metroid Fusion è quello che calza sicuramente meglio.

Alla stregua del capolavoro di casa Nintendo anche con Splinter Cell dovremo esplorare un ambiente che si sviluppa nelle quattro direzioni. Tutto il comparto grafico risulta essere molto curato, dalle locazioni, molto varie e mai stancanti, ai personaggi di gioco con una menzione d'onore per quello principale. Abbiamo infatti visto il numero elevato di mosse che Sam può effettuare durante il gioco: ebbene, queste sono animate in maniera ottima senza sbavature di sorta, rendendo giustizia alle potenzialità del portatile Nintendo.
Le musiche vanno dal tema poliziesco dei menù, accompagnato dalla classica chitarra elettrica con effetto distorto, marchio di fabbrica delle musiche dei film polizieschi anni '70, fino ai temi d'ambiente proposti durante la partita, i quali aiutano il giocatore ad immergersi in una atmosfera densa di pericolo e di intrighi. Anche gli effetti sonori sono curati e contribuiscono in maniera fondamentale al gameplay. Molto spesso non è possibile vedere i pericoli che si trovano magari a pochi passi di fronte a noi.
Splinter Cell - Immagine 10
Splinter Cell - Immagine 11
Splinter Cell - Immagine 12
Ma dove l'occhio non arriva, l'orecchio fa ottimamente il proprio lavoro: il tipico rumore della telecamera metterà in allarma il giocatore più attento, che scorto un angolo d'ombra vi si immergerà per studiare attentamente il da farsi. Questo è solo un esempio di come gli effetti possano essere sfruttati a nostro vantaggio, ed un plauso va sicuramente ai programmatori che hanno trovato un sistema onesto per non rendere l'esperienza di gioco frustrante: non immagino nemmeno quante guardie avrei messo in allerta o quanti allarmi avrei fatto scattare senza gli effetti congegnati ad hoc.Un secondo pericolo è stato scampato dagli sviluppatori del gioco: parliamo del campo minato dei salvataggi. Quanti giochi sono stati rovinati da un sistema di salvataggio non ottimale? In questo caso il problema è stato risolto brillantemente. Le missioni sono strutturate in sotto obiettivi, superati i quali non sarà necessario ripetere tutta la parte precedente nemmeno spegnendo la console. Si tratta di una sorta di check-point che permette di tenere la sfida sempre avvincente (i check point non sono vicinissimi tra loro) ma mai sfociando nel frustrante (non sono nemmeno lontanissimi).

Una trattazione particolare merita il discorso longevità. Il numero delle missioni che dovremo affrontare, comprendenti la prima missione di tutorial più le nove missioni principali, è abbastanza esiguo. Considerando poi che si può arrivare tranquillamente al 50% del gioco dopo due ore scarse la situazione non è certamente delle più rosee. E' anche vero che le missioni avanzate non sono semplici da completare come le iniziali, ed anzi, alcune metteranno sicuramente a dura prova anche i giocatori più smaliziati. Ma non si può non considerare che un giocatore mediamente bravo non impiegherà più di cinque o sei ore per finire il titolo. Entrano nel discorso longevità le missioni bonus sbloccabili grazie alle intercomunicabilità tra GameBoy Advance e GameCube. Sono cinque, infatti, le missioni aggiuntive che sarà possibile “scaricare” sul nostro fido GameBoy, una volta terminato il gioco sulla console a 128 bit. C'è da vedere quanti avranno la possibilità di giocarseli entrambi per godere del succulento bonus.
Splinter Cell - Immagine 13
Splinter Cell - Immagine 14
Splinter Cell - Immagine 15
12
7,5
Splinter Cell arriva su GameBoy Advance conservando intatta l'atmosfera che ha contraddistinto le versioni a 128 bit, ovviamente tenendo in considerazione le debite proporzioni. Il gioco è godibile, divertente e vario grazie alle missioni mai uguali tra loro e propone dei veri e propri momenti di sfida, superabili solo con un'attenta pianificazione delle mosse da effettuare in base all'ambiente circostante. Il problema è da ricercarsi esclusivamente nelle velocità con la quale si finisce il gioco. Il gioco non è facile ma le difficoltà si superano con la pratica e troppo velocemente si arriva alle missioni finali. Di certo un numero maggiore di missioni avrebbe giovato, soprattutto in considerazione della qualità di quelle presenti. Nonostante tutto, mi sento di dire che Splinter Cell sia un buon acquisto, anche alla luce della buona rigiocabilità che lo contraddistingue.
voto grafica8
voto sonoro8,5
voto gameplay8
voto durata7
0 commenti

- 5 %

Acquista la versione PC

4.99€4.74€

Splinter Cell

Disponibile per: Xbox, PS2, PC, GameCube, Game Boy
Splinter Cell Game Boy Cover
  • Piattaforma: Game Boy
  • Produzione: Ubisoft
  • Sviluppo: UbiSoft
  • PEGI: +12
  • Data di uscita: giugno 2003
Empire
The Big Bang Theory

4

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?