Recensione Sei Ancora Qui

Un thriller young adult di buona fattura ma debitore di lunga tradizione di gialli soprannaturali...
Luigi Bruzzone Di Luigi Bruzzone(28 settembre 2018)

La sedicenne Veronica vive in una cittadina dell’Illinois e, come quasi tutti i suoi concittadini, 10 anni prima ha perso un suo caro (il padre) nel cosiddetto ‘Evento’, una specie di esplosione nucleare conseguenza di un esperimento scientifico top secret andato male. L’incidente ha cancellato i corpi di milioni di persone nel nord degli Stati Uniti, ma ha lasciato una loro traccia perenne: come tanti fantasmi, i ‘redivivi’ continuano ad apparire ogni giorno all’ora in cui sono morti, impegnati nell’ultima attività che svolgevano al momento dell’esplosione, e poi scompaiono nuovamente. Presenze mute, eteree e innocue. Almeno fino a quando Veronica non entra in contatto con Brian, un redivivo mai visto prima, che inizia a perseguitarla. Forse i redivivi non sono poi così innocui...

Sei Ancora Qui - Immagine 1

Prendete la serie tv Les revenants, mescolatela con Le verità nascoste di Robert Zemeckis, aggiungete un paio di plot twist ‘alla Shyamalan’, affidate il ruolo principale a una star emergente e servite il tutto in una patinata confezione young adult.

Come avrete già intuito, Sei ancora qui, thriller soprannaturale tratto dall’omonimo romanzo di Daniel Waters, non brilla certo per originalità: troppi sono i debiti che la sceneggiatura di Jason Fuchs (tenetelo d’occhio, il ragazzo ha stoffa) ha nei confronti delle sopracitate opere e anche la storia spesso finisce per barare con le regole che lei stessa si è data (Quali sono i reali poteri dei redivivi? Perché alcuni di loro NON appaiono mentre fanno quello che effettivamente stavano facendo prima di morire? Possibile che nessuno sia stato in grado di identificare Brian dopo la sua morte? Che significato ha la scena dei pesci?).

Nonostante questi difetti, però, il risultato finale è un thriller di buona fattura, in grado di tenere alta l’attenzione dello spettatore fino alla fine e capace pure di infilare qua e là qualche riflessione non banale sui legami familiari e sul senso della perdita delle persone care. Il finale aperto, poi, lascia anche uno spiraglio per un possibile sequel.

In questo, la pellicola è sorretta da qualità tecnica elevatissima, da una ambientazione convincente (il gelido inverno dell’Illinois), da una regia (di Scott Speer, Il sole a mezzanotte) asciutta e poco televisiva e da un gruppo di attori in discreta forma: la lanciatissima Bella Thorne non sfigura al suo primo ruolo di protagonista assoluta, più incisivi Richard Harmon, un Tobey Maguire in versione dark e il redivivo Dermot Mulroney (ve lo ricordate ne Il matrimonio del mio migliore amico?).

Sei Ancora Qui - Immagine 2

 

Nonostante qualche buco (e molte licenze) di sceneggiatura e una storia che pesca fin troppo da numerose opere di genere, Sei ancora qui (I still see you) è un discreto thriller soprannaturale che riesce a intrattenere e anche a spiazzare lo spettatore. Merito della regia, ma anche dell’ambientazione e degli attori.

Sei Ancora Qui

Sei Ancora Qui Cover
  • Titolo Originale: I Still See You
  • Regia: Scott Speer
  • Produzione: Eagle Pictures
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Eagle Pictures
  • Sceneggiatura: Jason Fuchs, Daniel Waters
  • Genere: Thriller
  • Durata: 96 min.
  • Data di uscita: 27 settembre 2018
  • Cast: Bella Thorne, Dermot Mulroney, Louis Herthum, Richard Harmon, Hugh Dillon, Amy Price-Francis, Shaun Benson
Empire
Future Man

1

Future Man

Viaggi nel tempo e fantascienza in una serie tv che non si prende sul serio e gioca con le citazioni pop

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 8x01

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Le fan theories più assurde e... probabili sul finale di una grande serie

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

L'ottava ed ultima stagione è ormai alle porte

Ultraman

2

Ultraman

Il ritorno del gigante di luce, ma meno gigante del solito

Empire
The Silence
The Silence

Un cast d'eccezione ma poca sostanza per il nuovo horror targato Netflix

Star Wars Episodio IX

9

Star Wars Episodio IX

Analizziamo il trailer e scopriamo qualche teoria.

Avengers Endgame

1

Avengers Endgame

Le differenze tra l'avventura cartacea e il film

Men in Black International

1

Men in Black International

Fantascienza che sa far ridere!

La caduta dell'impero americano
La caduta dell'impero americano

Può un regista ultrasettantenne girare un film come se fosse un trentenne? Se ti chiami Denys Arcand, sì.