Recensione Se son rose

In amore mai guardare indietro....o sì?
Luigi Bruzzone Di Luigi Bruzzone(26 novembre 2018)

L'intervista al cast

Leonardo, giornalista cinquantenne divorziato, ha da tempo rinunciato all’amore, preferendo vivere un rapporto ‘libero’ con donne più giovani. La figlia 15enne Yolanda, però, pensa che il padre abbia solo bisogno di una spintarella per rimettersi in gioco e così manda via mail un ‘riproviamoci’ a tutte le sue ex. Quattro di loro rispondono all’appello e Leonardo, per amore della figlia, è costretto a stare al gioco...

Tredicesima regia di Leonardo Pieraccioni, Se son rose... segna il ritorno sul grande schermo dell’attore-regista fiorentino dopo una pausa più lunga del solito (tre anni anziché i canonici due) e, in un certo senso, rappresenta forse (forse!) l’inizio di un nuovo corso. Un nuovo co-sceneggiatore, Filippo Bologna anziché il fidato Giovanni Veronesi, il quasi definitivo distacco dai soliti compagni d’avventura (Ceccherini, Papaleo etc.) e un gruppo di attrici italiane per una pellicola corale che potrebbe essere, in un certo senso, il secondo tempo di Fuochi d’artificio. Ma se nel film del 1997 il protagonista si barcamenava nell’universo femminile alla ricerca del vero amore, qui invece Pieraccioni inizia un ‘viaggio a ritroso’, alla ricerca delle cause che quel vero amore lo hanno soffocato e fatto finire anzitempo.

Trattandosi di una commedia, tuttavia, ci vuole poco a capire che il tuffo nei ricordi è soprattutto un pretesto per far risaltare il talento delle attrici in scena. E qui iniziano le note dolenti: la sceneggiatura, infatti, risulta spesso abbozzata e superficiale. Nessuno chiede un trattato sociologico, per carità, ma ad esempio vedere il protagonista, un giornalista divorziato, vivere in una specie di reggia è un grosso attentato alla sospensione d’incredulità. Ed è un peccato vedere attrici dotate come Caterina Murino e Antonia Truppo ridotte a macchiette, apparizioni fugaci che strappano una risata o poco più. Meglio va a Claudia Pandolfi e Gabriella Pession, i cui personaggi risultano decisamente più convincenti e realistici.

Sul fronte della storia, invece, lo script dimostra una maggiore compattezza rispetto alle ultime fatiche di Pieraccioni, e il finale sincero (l’amore può finire e ce ne faremo una ragione) lascia ben sperare per le prossime prove del Leonardo nazionale, al quale probabilmente serve – oggi più che mai – un co-sceneggiatore capace di tenerne a freno l’anima puramente ‘battutara’.

Se son rose
Se son rose - Immagine 213116
Se son rose - Immagine 213115
Se son rose - Immagine 213114
Se son rose - Immagine 213113
Se son rose - Immagine 213112
Se son rose - Immagine 213111
Se son rose - Immagine 213110
Se son rose - Immagine 213109
Se son rose - Immagine 213108
Se son rose - Immagine 213107

Servito da un cast non sempre in parte, Se son rose... segna, per Pieraccioni, un piccolo punto di svolta verso la maturità registica. Attendiamo, speranzosi, la prossima pellicola alla ricerca di conferme.

Se son rose

Se son rose Cover
  • Regia: Leonardo Pieraccioni
  • Nazionalità: Italia
  • Distributore: Medusa Film
  • Sceneggiatura: Filippo Bologna, Leonardo Pieraccioni
  • Genere: Commedia
  • Durata: 90 min.
  • Sito ufficiale
  • Data di uscita: 29 novembre 2018
  • Cast: Leonardo Pieraccioni, Michela Andreozzi, Elena Cucci, Caterina Murino, Claudia Pandolfi, Gabriella Pession, Mariasole Pollio, Antonia Truppo, Nunzia Schiano, Sergio Pierattini, Gianluca Guidi
Empire
Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Sharp Objects

1

Sharp Objects

Due omicidi, una giornalista tormentata e una tranquilla vita di provincia...

Empire
Il testimone invisibile
Il testimone invisibile

Un thriller italiano (ma in realtà spagnolo) carico di tensione

The Old Man & The Gun
The Old Man & The Gun

L'ultima prova attoriale di Robert Redford è un film che incornicia la sua splendida carriera

Alita: Angelo della Battaglia
Alita: Angelo della Battaglia

Trenta minuti di Alita e tutta la storia del manga

Amici come prima
Amici come prima

Boldi e De Sica tornano insieme sul grande schermo, ma la sceneggiatura non li aiuta

Alpha - Un'amicizia forte come la vita
Alpha - Un'amicizia forte come la vita

Un film natalizio Paleolotico