Recensione Resident Evil 4

Meglio tardi (e male) che mai
Pietro Puddu Di Pietro Puddu(6 marzo 2007)
The rebirth
Prendete uno dei classici, stagionati Resident Evil.
Sostituite gli statici fondali in bitmap con una ambientazione 3d interamente poligonale, le telecamere fisse dal taglio cinematografico con una più coinvolgente visuale alle spalle del protagonista, il rigido orientamento delle armi da fuoco con un libero puntamento laser analogico, gli scenari chiusi e claustrofobici con livelli variegati e spesso a cielo aperto, i pochi zombie goffi e prevedibili con una moltitudine di avversari scaltri e determinati; arricchite il tutto con l'implementazione di quick time event ben integrati, di azioni contestuali attivabili alla pressione di un solo tasto e di un notevole assortimento di tocchi di classe, e grosso modo otterrete la formula vincente di Resident Evil 4, una delle più grandi produzioni Capcom e probabilmente il più importante action-game della generazione 128-bit.
Resident Evil 4 - Immagine 1
Una piccola riunione di famiglia; notare la realizzazione semplificata della torcia, che oltretutto non rappresenta più una fonte di luce dinamica
Resident Evil 4 - Immagine 2
I tagli al numero di alberi, di rami e di foglie mettono allo scoperto alcune approssimazioni realizzative dello scenario in lontananza
Resident Evil 4 - Immagine 3
Un Leon in abiti e armamentario da gangster contempla un orizzonte più grigiastro del solito; manca l'effetto di trasparenza sul laser tracciante
A mi me gusta tirar a Los Ganados
Per la terza volta, sorprende notare come il sistema di locomozione funzioni egregiamente, nonostante la svolta action e un'evoluzione quasi nulla rispetto ai capitoli tradizionali; si può avanzare, retrocedere, ruotare sul posto o effettuare un rapido dietro-front, ma è bandita qualsiasi forma di strafe e si è impossibilitati a far fuoco a meno di rimanere fermi. Quella che potrebbe sembrare una forte limitazione è in realtà una caratteristica voluta del gameplay, in grado di instillare nel giocatore una forte dose di tensione, in particolare quando si trovi costretto a ripiegare voltando le spalle ai nemici. Ciò che da una parte viene tolto, è restituito con gli interessi dal punto di vista offensivo; non solo da un arsenale in continua espansione e da un generoso numero di munizioni a disposizione, ma anche dall'efficienza della vera e propria modalità di fuoco, la cui impostazione è già divenuta fonte d'ispirazione per titoli come Gears of War ed il futuro Dark Sector. La telecamera virtuale zooma sulla spalla di un Leon Kennedy ad arma spianata ed il mirino laser permette di scegliere con estrema precisione il proprio bersaglio, ovviando elegantemente all'assenza di interfacce di mira potenzialmente antiestetiche e intrusive; da parte loro, gli avversari reagiscono in maniera differente a seconda della parte anatomica colpita, portando le mani a protezione del volto o dell'arto ferito, sbandando, inciampando, cadendo dai tetti, subendo decapitazioni e mutilazioni, e aprendo in tal modo una serie di potenziali strategie offensive da perseguire. Il nemico indebolito offre l'occasione di sperimentare una delle tante interazioni avviabili alla sola pressione di un tasto; oltre ai vari calci girati e suplex performabili nel combattimento corpo a corpo, le istruzioni “context sensitive” permettono di volta in volta di smuovere leve, gettarsi dalle finestre infrangendo i vetri, salire scale a pioli, saltare staccionate o dare inizio a veri e propri quick time event a prova di riflessi.
Resident Evil 4 - Immagine 4
Ada prende appunti su come arredare casa; gli interni perdono qualcosa in dettaglio e risultano alquanto piatti a causa dell'assenza di illuminazione
Resident Evil 4 - Immagine 5
Le cut-scene sono semplici filmati della versione Gamecube in formato mpg; la risoluzione è infima, ma almeno mostrano più colori ed ombreggiature
Resident Evil 4 - Immagine 6
Nonostante il ridimensionamento grafico, la cupa atmosfera è in gran parte conservata; il cielo plumbeo ed il bosco spettrale non promettono nulla di buono
La profondità del sistema di gioco è testimoniata anche da elementi apparentemente di secondaria rilevanza. La gestione dell'inventario, ad esempio, richiede una pianificazione attenta del posizionamento degli item in un'apposita griglia; quella che si potrebbe definire “ottimizzazione delle risorse” si risolve in pratica nella composizione di una sorta di puzzle, in cui gli oggetti-tessere, ruotabili a piacere, devono trovare giusta collocazione. Sorprendentemente complessa è anche la componente della scelta e potenziamento dei propri strumenti offensivi, acquistabili a suon di pesatas presso una sorta di ambulante guerrafondaio e progressivamente modificabili negli attributi di maneggevolezza, frequenza di sparo, numero di colpi e velocità di ricarica; la quantità di armi è così nutrita che difficilmente si avrà modo di sperimentarle tutte nel corso della prima campagna di gioco.
Il bello di Resident Evil 4 potrebbe concludersi qui, invece continua nella varietà delle locazioni da attraversare, che spaziano da villaggi rurali a castelli gotici, da miniere a insediamenti militari; continua nelle molteplici e mai monotone situazioni di gioco, fatte di azione concitata, tesa esplorazione, minigiochi e coreografiche boss-fight; continua nella solida longevità, che non abbandona il giocatore dopo poche ore ma si preoccupa di appagarne le esigenze, e nella sorpresa degli extra, vere e proprie modalità alternative tutt'altro che accessorie e capaci di riaccendere l'interesse.

L'orrore... l'orrore... la conversione
Aspettata pazientemente per anni, la conversione non può che lasciare esterrefatti... purtroppo in negativo. Non solo gli auspicabili miglioramenti tecnici sono stati disattesi, ma si è arrivati a peggiorare in maniera significativa la qualità dell'originale edizione Gamecube, con risultati estetici persino inferiori a quelli della conversione PS2.
L'elenco delle menomazioni al comparto grafico è lungo e alquanto doloroso; si va dalla riduzione del conteggio poligonale degli esterni e dei modelli, passando per le diminuite profondità di colore e risoluzione delle texture, fino ad arrivare alla semplificazione degli effetti speciali e alla rimozione netta e impietosa delle fonti di luce dinamiche. Tutto questo si traduce in una immagine sbiadita e a tratti quasi monocromatica, ulteriormente appiattita dalla mancanza di quella profondità originariamente conferita dai giochi di luce ed ombra; fa specie notare come le foreste risultino in buona parte spogliate di alberi, rami e fogliame ondeggiante al vento, come oscuri antri appena rischiarati da lampade elettriche oscillanti si siano tramutati in locazioni immerse in un indefinibile grigiore diurno, o come il volto mostruoso del Gigante appaia meno espressivo e caratterizzato. Una certa trascuratezza traspare anche dai dettagli; basti pensare alle cut-scene, non più in tempo reale ma presentate sotto forma di filmati registrati, la cui modesta risoluzione comporta un effetto sgranato e li fa apparire “spalmati” sul monitor. Assenti ingiustificate le opzioni video relative ad antialiasing e filtro anisotropico, fortunatamente forzabili attraverso gli appositi driver senza che l'immagine venga compromesse da artefatti di sorta.
Trattata la spinosa questione visiva, anche sul versante dei controlli c'è poco sui cui manifestare soddisfazione; l'agognato supporto del mouse è infatti latitante, e la sola tastiera rende proibitiva un'agevole gestione delle scene d'azione. Indispensabile in questo senso l'utilizzo di un pad analogico, magari tramite adattatore usb, che risolve ogni impiccio riportando il livello di giocabilità su quelli sperimentabili su PS2. Un'ultima appunto: per uscire dal gioco è obbligatoriamente necessario affidarsi alla classica combinazione alt+f4... a buon intenditor, poche parole.
Resident Evil 4 - Immagine 7
La texture del soffitto non è delle più particolareggiate; le strutture poligonali non proiettano ombre e la cromaticità mostra una certa limitatezza
Resident Evil 4 - Immagine 8
Ecco un esempio esplicito del significativo passo indietro in termini di mappatura ambientale; non ricordavamo pareti di roccia così slavate
Resident Evil 4 - Immagine 9
Il numero di avversari contemporaneamente su schermo è rimasto invariato; i monaci fanno la loro figura, al di là dei volti di minor espressività
7,5
Che Resident Evil 4 su PC mantenga le promesse, lo si può sostenere solo riguardo l'ampiamente preventivata mediocrità del lavoro di conversione; oltre a non aver beneficiato in alcun modo della significativa distanza di tempo dall'uscita del titolo originale, il risultato estetico finale è addirittura marcatamente inferiore a quello della controparte Gamecube, che rimane di gran lunga la miglior versione a cui rivolgere le proprie attenzioni. Messe da parte le doverose recriminazioni, l'action-survival di Capcom riesce a conservare la bontà della sua direzione artistica e rimane un capolavoro di gameplay e un'esperienza di gioco estremamente coinvolgente e serrata – a patto che venga vissuta con l'indispensabile joypad usb tra le mani; l'atmosfera, la varietà delle locazioni, gli adrenalinici scontri di gruppo, l'integrazione intelligente delle azioni contestuali e gli spettacolari scontri con i boss danno origine ad un'alchimia pressoché perfetta. L'edizione PC è da prendere in considerazione se e solo se, per le proprie predisposizioni o radicate abitudini ludiche, si consideri intollerabile una salutare escursione nel mondo delle console.
voto grafica5,5
voto sonoro8,5
voto gameplay8
voto durata9
0 commenti

Resident Evil 4

Disponibile per: PS2, PC , GameCube
Resident Evil 4 PC Cover
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Capcom
  • Sviluppo: Capcom
  • Genere: Survival Horror
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +18
  • Data di uscita: 2 marzo 2007
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11

MotoGP 19
MotoGP 19

Intelligenza artificiale su due ruote