Recensione Pet Sematary

Il romanzo più amato/odiato di Stephen King trova una nuova forma sul grande schermo
Aida Picone Di Aida Picone(7 maggio 2019)

Il 9 maggio arriva in sala il remake di Pet Sematary; uno dei primi film tratti dal blasonato Stephen King. La prima versione cinematografica risale all’89, postuma di sei anni all’uscita in libreria, e lo stesso King aveva risistemato la sceneggiatura originale, non soddisfatto di come la storia fosse stata trasposta. A quanto pare, di questa versione lui è ben più contento, lo ha dichiarato in più interviste, chi sa se il pubblico sarà dello stesso avviso?!

La storia segue le vicende della famiglia Creed appena trasferita da Boston a una cittadina rurale del Main. Il Dr. Louis Creed (Jason Clarke), la moglie Rachel (Amy Seimetz) e i loro due bambini scoprono, subito dopo il loro arrivo, un misterioso cimitero all’interno della loro nuova proprietà. Una scoperta già macabra e inquietante di per sé, amplificata dall’incontro con il loro inquietante – soprattutto in questa versione della storia – vicino di casa Jud (interpretato da John Lithgow). L’uomo accompagnerà madre e figlia alla scoperta del cimitero, raccontando come esso sia stato interamente pensato dai bimbi del posto da ancora prima che lui potesse averne memoria. Successivamente alla perdita del loro gatto, Church, si innescheranno delle reazioni a catene ben più spaventose

Come già accennato, l’uscita del’89 venne curata dallo stesso King, perché non soddisfatto della sceneggiatura nella prima trasposizione. Conoscendo le differenze tra libro e film è facile notare come i mutamenti siano stati mantenuti anche nella versione del 2019. Il film, infatti, non riprende elementi mancanti del libro originale, ma al contrario accelera e contestualizza quelli già mostrati nel’89 conferendogli un po’ di forza. L’atmosfera è decisamente più cupa, più moderna e più tetra; la predominanza di colori freddi è ben visibile soprattutto quando la magia del cimitero prende vita. I costumi, visibili già dal poster del film, fanno comprendere quanto radicato sia il credo quasi pagano che permea quel luogo curato solo dai bambini. Tutti elementi nuovi che incuriosiscono, seppur differenti.

Pet Sematary - Immagine 1

La tensione, il dolore, il senso dell'horror sono elementi ben presenti nella storia ma che non sempre vengono amalgamati a dovere; sono in grado, però, di far saltare sulla poltrona anche quando ci si aspetta che debba accadere qualcosa. Tutto merito dei movimenti di camera di  Dennis Widmyer e alla sua abilità di giocare con la macchina da presa, costituendo punti ciechi nel passaggio tra riprese soggettive o di campo, riuscendo a giocare con l’ansia dello spettatore “facendogliela” sotto il naso.

Per un occhio attento è possibile trovare delle piccole carezze a pellicole intramontabili tratte dai libri i King come Shining,  per citarne una: il piano sequenza che mostra dall’alto la cittadina nell’apertura, ricorda un po’ l’inseguimento che Kubrick regala al pubblico durante la prima scena del suo film. 

Nel complesso è un remake che sembra voler svecchiare quando realizzato della passata pellicola, rendendola purtroppo meno dissacrante e cruenta di quanto non sia la fantasia di King. Si delinea così un film che rischia di minimizzare la violenza descritta dal Re, a causa di alcune scelte di sceneggiatura; come quella di aumentare l’età della figlia o di far diventare lei l'agnello sacrificale con cui la famiglia Creed inizia la sua lenta discesa all'inferno. Presentando persino dei momenti nella quale le battute anticipano la linea temporale degli eventi raccontati nel libro, decontestualizzandole tanto da essere note stonate all’interno della pellicola. 

Diverte l’amante dell’horror, soprattutto se si entra in sala senza grosse pretese. In un’ora e mezza hanno incrementato la tensione che mancava nel film dell’89, dando alla psicologia dei personaggi la vera forza nella narrazione orrorifica.

Pet Sematary
Pet Sematary - Immagine 218480
Pet Sematary - Immagine 218479
Pet Sematary - Immagine 218478
Pet Sematary - Immagine 218477
Pet Sematary - Immagine 218476
Pet Sematary - Immagine 218475
Pet Sematary - Immagine 218474
Pet Sematary - Immagine 218473
Pet Sematary - Immagine 218472
Pet Sematary - Immagine 218471

 

Entrare in sala senza grosse pretese è l’elemento chiave per poter apprezzare questo remake. Chi conosce la storia perché l’ha letta o perché ha visto il film dell’89 sa cosa aspettarsi, ma non cosa vedrà. L'approfondimento psicologico dei personaggi è la nota essenziale con cui si gioca nella prima parte del film, nella seconda la chiave horror la fa da padrone. Complessivamente, con questa pellicola, ci si diverte al contrario di molti horror arrivati al pubblico in questo ultimo periodo.

Pet Sematary

Pet Sematary Cover
  • Regia: Dennis Widmyer
  • Produzione: Paramount Pictures, Inc. Production, Room 101, Bonaventura Pictures
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: 20th Century Fox italia
  • Sceneggiatura: Jeff Buhler, David Kajganich
  • Genere: Horror
  • Data di uscita: 9 maggio 2019
  • Cast: Jason Clarke, John Lithgow, Amy Seimetz, Hugo Lavoie, Maria Herrera, Jeté Laurence, Lucas Lavoie
Empire
Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Empire
Aladdin

1

Aladdin

Missione compiuta, Mr. Ritchie

Rocketman
Rocketman

Ormai è Biopic-Mania e questa volta è il turno di Elton John

Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma

10

Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma

Quando Guerre Stellari tornò al cinema 20 anni fa

L' Angelo del Male - Brightburn
L' Angelo del Male - Brightburn

E se Superman fosse stato malvagio?

John Wick 3 - Parabellum

8

John Wick 3 - Parabellum

La danza della morte