Tiscali

Recensione Persona 4

Previsioni del tempo: ombre fosche su Inaba...
Tommaso Alisonno Di Tommaso Alisonno(1 aprile 2009)
Cittadina di Inaba, Aprile 2011. Uno studente proveniente dalla città si stabilisce a casa dello zio e comincia a frequentare la locale scuola superiore, e contemporaneamente si verificano dei misteriosi omicidi. La faccenda sembra essere in qualche modo legata al cosiddetto “Canale della Mezzanotte”, uno strano fenomeno secondo cui nelle notti di pioggia su uno schermo televisivo spento compaiono volti e luoghi. Lo studente di cui sopra, protagonista della vicenda, ed i suoi compagni di scuola trovano un portale per accedere al “mondo dietro lo schermo”, dove vive un buffo ma simpatico pupazzo-orso: lì dovranno fronteggiare prima di tutto i loro demoni interiori, per poi cercare di far luce sul mistero.

Con questo episodio, il celebre Spin-Off della saga Shin Megami Tensei raggiunge la sua quarta incarnazione, relativamente a tempo di record considerando l'uscita recente del terzo capitolo e della sua versione “FES”. I motivi dietro a questa velocità sono pressoché evidenti: sfruttando praticamente lo stesso motore grafico, gli sviluppatori della Atlus hanno trovato il modo per dare il giusto saluto alla PS2, regalandoci ancora una volta una storia molto profonda al limite, o meglio ancora oltre i limiti, della sanità mentale.
Persona 4 - Immagine 1
Le condizioni metereologiche saranno cruciali in questa storia, e per fortuna le previsioni ci azzeccano sempre
Persona 4 - Immagine 2
Foto di gruppo del party quasi al completo
Persona 4 - Immagine 3
Lo zio del protagonista è investigatore nella polizia di Inaba: avrà un bel daffare per racapezzarsi del mistero in atto
Persona4, dunque, è un J-RPG, ma non solo: è anche un simulatore di vita, così come il predecessore. La trama si snoda infatti nell'arco di un anno intero, come ci viene anticipato all'inizio, durante la quale il protagonista (a voi il compito di dargli il nome) dovrà non solo affrontare pericoli e combattimenti nel mondo dietro lo schermo, ma anche preoccuparsi di superare le interrogazioni, guadagnare qualche soldino con lavoretti casalinghi, cucinarsi il pranzo, amoreggiare con le ragazze, praticare sport, andare a pesca e altro ancora.

Come realizzare un connubio funzionale tra due tipi di gioco apparentemente così differenti? È presto detto, e gli utenti di P3 già conosceranno la risposta: qualsiasi azione compiuta nel mondo “normale” sarà mirata ad aumentare una della cinque caratteristiche di Coraggio, Conoscenze, Diligenza, Espressione e Compassione, necessarie per istaurare e curare delle relazioni con determinati personaggi chiave - i cosiddetti “Social Link”. Ad ogni Social Link sarà associato un Arcano Maggiore dei Tarocchi, e man mano che la relazione si approfondirà avremo dei bonus sempre maggiori quando creeremo dei Persona legati a quell'Arcano.

Ma cosa sono i “Persona” di cui tanto si parla e che danno addirittura il nome al gioco? Sono in effetti i “lati nascosti” della personalità, la rappresentazione della propria natura che nel mondo oltre lo schermo si incarna sottoforma di spiriti, angeli, demoni e divinità. Quando un personaggio entra in contatto con la sua vera natura e la accetta, acquisisce il potere di evocare il proprio Persona e di utilizzarlo in battaglia. In questo, come sempre, fa eccezione il protagonista, il quale potrà cambiare ripetutamente Persona a piacimento dal rooster che si porterà appresso, ed otterrà nuovi Persona come premio dopo gli scontri oppure fondendo tra loro quelli in suo possesso nella “Velvet Room”: è in questo atto che entreranno in campo i succitati Social Link.

Per il resto, una volta levata l'imponente impalcatura di trama, ambientazione e simulazione di vita, il sistema di gioco di P4 è quello di un JRPG anche piuttosto classico: i dungeon che esplorerete saranno in parte generati casualmente, ed in essi vedrete i mostri aggirarsi guardinghi. Il combattimento inizierà al contatto con essi, e potreto usufruire di un turno di sorpresa se li aggredirete alle spalle: lo scontro si svolgerà a turni, ma sarà possibile effettuare azioni extra sfruttando le “debolezze” degli avversari. Avrete sempre il controllo diretto del vostro protagonista, mentre per i compagni di squadra potrete optare su diverse strategie di IA, oppure avvalervi del “comando diretto” (una cosa di cui si sentiva la mancanza in P3).
Persona 4 - Immagine 4
Un Clak-Frost è sempre un'evocazione notevole, sebbene esteticamente buffa
Persona 4 - Immagine 5
L'ingresso del mondo della TV: da qui potremo decidere quali dungeon esplorare
Persona 4 - Immagine 6
Non sottovalutate nessuna delle locazioni cittadine: in Persona 4 non c'è nulla di inutile
Il comparto grafico di P4 eredita molto, forse troppo, dal predecessore: il motore è lo stesso, e fin qui niente di male, ma che nella grafica di molti nemici e della maggior parte dei Persona non sia visibile nessuna variazione è un po' “sporca”. Fortunatamente, il giudizio migliora soffermandosi sulla realizzazione degli ambienti, assai più curati rispetto a P3 e tra l'altro influenzati dalle condizioni climatiche di soleggiato, nuvolo, piovoso e nebbioso - il clima rivestirà tra l'altro un ruolo importantissimo nella vicenda, scandendo le varie tappe della trama.

Per quanto concerne il sonoro è necessario fare alcune osservazioni: le musiche sono tutte molto ben realizzate, e vanno da brani leggeri e gradevoli, tra l'altro cantati, che accompagnano per così dire la “vita di tutti i giorni”, a temi più impegnativi per situazioni più delicate, fino alle musiche ritmate e frenetiche dei combattimenti, o agli a-solo di pianoforte per le fasi più misteriose. Molte musiche però spariscono per fare spazio al rumore della pioggia: indubbiamente molto “ambience”, ma alla lunga un po' noioso. Niente da eccepire per quanto concerne i doppiaggi in Inglese, tutti egregiamente realizzati, ed in un gioco in cui sono così numerosi questo è perlomeno fondamentale; in Inglese anche il testo su schermo.

Ma parlando di giocabilità c'è da dire che P4 presenta un ostacolo molto alto, probabilmente insormontabile per tantissimi giocatori dalla mentalità incentrata sull'azione: la bellissima, ricca e dettagliata trama del gioco richiede tempi di assimilazione veramente elevati, financo eccessivi. Vi basti sapere che affronterete il primo combattimento dopo addirittura due ore e mezza (si, sono circa 150 minuti, fortunatamente con alcuni savepoint lungo strada) di dialoghi e di scelte pressoché inutili, e che dopo quello la trama sarà rigida per almeno un'altra mezz'ora. Insomma: bellissimo, trascinante, accattivante, ma prima di poter operare delle scelte, prima di poter effettivamente GIOCARE dovrete sacrificare ben tre ore della vostra vita.

In compenso, gli sviluppatori sembrano aver imparato da P3 come certi “paletti” da imporre ai giocatori sono spesso troppo fastidiosi: in P4 abbondano i Savepoint cittadini, e i personaggi non si stancano esplorando i dungeon. Il fatto che le esplorazioni si svolgano di giorno e non di notte, però, pone la limitazione necessaria per evitare che si possa fare continuamente tutto (leggasi: dovrete in effetti scegliere se esplorare il mondo oltre lo schermo o curare la vita sociale). Non mancheranno, d'altronde, intere giornate in cui sarete “incatenati” alla trama (come nell'introduzione), e pertanto non avrete libertà di scelta.

La giocabilità è indubbiamente immensa: la trama si snoda attraverso un intero anno di gioco, le cose da fare sono parecchie e riuscire a farle tutte (ossia portare al massimo tutti i Social Link e ottenere il 100% del compendio dei Persona) è veramente arduo, sebbene non impossibile. La presenza, inoltre, di boss aggiuntivi o comunque di nemici via via più aggressivi renderà obbligatorie delle sostanziose sessioni di level-up, portando il totale delle ore di gioco decisamente sopra il centinaio.

In conclusione, Persona 4 è decisamente un bel titolo, ma per giocatori dallo stomaco robusto che non temano una trama veramente bella ma veramente invadente, soprattutto in termini di tempo. Alla luce di queste considerazioni, e della velocità con cui è stato realizzato, si perdona tranquillamente il “riciclo” grafico dal capitolo precedente, ma è naturale aspettarsi qualcosa di ben diverso da un eventuale prossimo capitolo su next gen...
Persona 4 - Immagine 7
La cuginetta, o "sorellina", del protagonista è un personaggio molto tenero
Persona 4 - Immagine 8
I Persona dei compagni di squadra saliranno di livello di pari passo ai loro proprietari
Persona 4 - Immagine 9
certi attacchi leveranno il sorriso ai più scafati avversari
8,5
Bellissimo, ma per stomaci forti, Persona 4 eredita dal precedente capitolo tutte le componenti tecniche necessarie per sviluppare in fretta e furia una trama nuova, ma non per questo meno curata. Tutt'altro: mai come in questo caso ci siamo trovati al cospetto di una tale mole di dialoghi, situazioni, scenette, approfondimenti di trama e di personaggi, a livelli tali da far nascere il lecito dubbio che possano addirittura essere “troppo” per un videogioco e che si sconfini nell'Anime. Se non avete paura di una simile mole di informazioni (e di tempo richiesto per assimilarle) troverete in Persona 4 un gioco veramente grosso, tra l'altro scevro di tutta una serie di elementi “fastidiosi” che hanno forse penalizzato il precedente capitolo.
voto grafica7,5
voto sonoro8,5
voto gameplay8
voto durata9
0 commenti

Persona 4

Persona 4 PS2 Cover
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
The Sinking City

5

The Sinking City

Frogwares ci promette la follia di Lovecraft

Samurai Shodown

7

Samurai Shodown

Il grande ritorno di un autentico mito

Car Mechanic Simulator

1

Car Mechanic Simulator

Tutto il fascino del lavoro del meccanico senza dovervi sporcare di grasso..

eFootball PES 2020

1

eFootball PES 2020

Abbiamo provato il nuovo capitolo del calcistico di Konami!

Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!