Recensione New Super Mario Bros. U Deluxe

Mario risorge come l'araba fenice su Nintendo Switch
Simone Rampazzi Di Simone Rampazzi(11 gennaio 2019)

Parlando di videogiochi capita spesso di fermarsi a pensare su quanto una buona parte dei prodotti, al netto delle tecnologie sempre più all’avanguardia, riescano a essere appetibili anche dopo aver superato i trent’anni d’età all’anagrafe. Forse il trucco è quello di riuscire semplicemente a reinventarsi, ma crediamo che la vera e propria chiave di volta sia quella di mantenere la propria anima intatta, strizzando comunque l’occhio all’enorme community di giocatori che continua a cambiare abitudini e metodi di gioco.

Molti franchise hanno cambiato genere per seguire le mode del momento (il che non è necessariamente un male, intendiamoci), altri invece hanno piuttosto arricchito il bagaglio in termini di offerta restando però sostanzialmente gli stessi. Uno degli esempi più evidenti della categoria è certamente Super Mario, idraulico salterino che dal 1985 ha letteralmente occupato il mercato dei platform bidimensionali grazie al suo modo di essere divertente, stratificato, armonico e soprattutto sfidante.

Nel corso degli anni il franchise è riuscito a maturare senza perdere nulla del suo format, arrivando a conseguire diversi traguardi pregevoli senza mai fossilizzarsi. Questa gestione positiva è emersa in modo universale da quasi tutti i prodotti appartenenti alla saga, ed è per questo che l’utenza in maniera trasversale ne ha apprezzato quasi tutte le sfaccettature nel tempo, arrivando a oggi su Nintendo Switch con una riedizione del capitolo uscito su WiiU nel 2012.

LE RADICI CONTANO

Come abbiamo anticipato nel prologo, Super Mario è un franchise che ha saputo reinventarsi mantenendo intatte le proprie radici, ed è grazie a questa linea di pensiero che un prodotto come New Super Mario Bros. U Deluxe può ritagliarsi la sua fetta di videogiocatori senza fare troppa fatica. La struttura del titolo prevede l’inserimento di due sottotitoli che possono sembrare simili nella nomenclatura, che poi risultano completamente diversi nel gameplay per via di alcune accortezze capaci di premiare i giocatori su livelli diversi di difficoltà.

Il buon Super Mario nel titolo a lui dedicato esplora la pletora di mondi diversi tenendo il giocatore praticamente per mano, complice un grado di sfida ascendente che segue una curva di apprendimento non troppo ripida, capace quindi di aiutare non solo i più navigati, ma anche tutti quelli che vogliono godersi il titolo sfidando sé stessi senza esagerare. Al contrario il fratello Luigi fa schizzare la difficoltà a livelli molto più impegnativi, modificando lievemente i modi esplorati precedentemente nelle vesti di Mario al fine di renderli non solo più ostici, ma anche più sbrigativi da portare a termine. In termini di esperienza legata al collezionamento degli extra, sottoforma di monete stella, i due titoli seguono la filosofia del personaggio protagonista posizionando gli agognati premi in maniera tale che siano più intuitivi da raggiungere nella versione per Mario, mentre per quella di Luigi vengono nascoste o posizionate in luoghi particolarmente complessi da raggiungere (considerato lo scarso tempo a disposizione per completare i livelli).

La presenza di più personaggi diventa quindi l’escamotage perfetto per bypassare il concetto di difficoltà in senso lato (un po’ come abbiamo visto anche nel capitolo 3DS con il costume bianco), tant’è che se vorremmo ulteriormente semplificare il compito potremo selezionare Toad, Toadette e il Ruboniglio.

Seguendo la loro presentazione, i due personaggi dal cappello a forma di fungo sono adatti a un gioco più spensierato, perfino aiutato in alcune fasi con la versione femminile del personaggio, capace di trasformarsi nella Principessa Peach per compiere delle delicate planate utili a superare i salti più difficili. C’è infine il Ruboniglio, praticamente un personaggio ultra-easy pensato esclusivamente per completare il livello praticamente con il pilota automatico, visto e considerato che non può subire danni e può morire soltanto cadendo nel vuoto.

La scelta di Nintendo con l’edizione di questa versione per Switch sembra voler coinvolgere l’utenza appartenente a ogni fascia d’età, grazie al suo modo di semplificare senza “rubare” niente a chi vuole godersi un’esperienza più impegnativa e ragionata.

New Super Mario Bros. U Deluxe - Immagine 1

DIVERTIMENTO CONDIVISO

La natura portatile della Switch segue la filosofia del gioco condiviso, regolamentato anche qui da una piacevole opzione multigiocatore che si accosta benissimo alla console, funzionando alla grande sia in modalità dock che in quella portatile. Importante sottolineare nel secondo caso che le funzionalità dei Joy-con non snaturano o complicano l’esperienza, ma anzi la rendono estremamente piacevole e duratura (considerato anche il fatto che si gioca con il “piccolo” schermo nativo della console).

Oltre alla già ricchissima offerta legata all’avventura suddivisa per difficoltà, il gioco regala anche diverse modalità accessorie dove è possibile prendere parte a dei livelli dove sarà necessario mettere a frutto tutti gli insegnamenti imparati durante la run principale.

Le sfide nude e crude mettono alla prova i giocatori con un incalzante sistema di affascinanti prove il giocatore più hardcore, grazie a diverse tipologie di format che partono dalle prove a tempo alla raccolta di monete più sfrenata, senza disdegnare persino una modalità 1-Up dove il giocatore può guadagnare vite extra esclusivamente saltando in testa ai nemici senza mai toccare terra. Ma nel pacchetto sono inserite anche le modalità Partita Turbo e Caccia alle Monete, due sistemi sfidanti che permettono anche di essere giocati in cooperativa locale insieme a un altro giocatore.

New Super Mario Bros. U Deluxe - Immagine 3

8
Questa riedizione del fu New Super Mario Bros. U Deluxe sbarca su Switch mantenendo dinamico l’interesse per il franchise, seguendo per filo e per segno la filosofia del divenire che tende a tener conto sia del giocatore più appassionato che del novizio alle prime armi. Anche se può sembrare un eufemismo mettere insieme nella stessa frase novizio e Super Mario, va sottolineata la particolare attenzione con cui gli sviluppatori siano riusciti a coinvolgere praticamente ogni tipologia di giocatore. Il divertimento è assicurato, garantito!
voto grafica7,5
voto sonoro7,5
voto gameplay8,5
voto durata8

New Super Mario Bros. U Deluxe

New Super Mario Bros. U Deluxe Switch Cover
  • Piattaforma: Switch
  • Produzione: Nintendo
  • Sviluppo: Nintendo
  • Genere: Platform
  • Multiplayer Locale: Presente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +3
  • Data di uscita: 11 gennaio 2019
Empire
Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Empire
Sniper Elite V2 Remastered
Sniper Elite V2 Remastered

Cecchini ad alta risoluzione

Assetto Corsa Competizione

1

Assetto Corsa Competizione

Manca ormai poco ad Assetto Corsa Competizione. L'abbiamo provato in anteprima ed ecco le nostre impressioni

Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!

A Plague Tale: Innocence

2

A Plague Tale: Innocence

Il viaggio della speranza di Amicia e Hugo

Licenza di giocare...da tavolo!

2

Licenza di giocare...da tavolo!

Scopriamo le licenze che sono "esplose" anche nel mondo Tabletop!