Recensione Need for Speed Carbon

Come tradizione arriva il nuovo “vgpanettone” natalizio di EA.
Francesco RomagnoliDi Francesco Romagnoli (20 dicembre 2006)
Così come nel settore del cinema ci sono i cosiddetti “cinepanettoni”, ovvero quelle pellicole che escono poco prima del Natale con meri intenti consumistici d'intrattenimento, altrettanto avviene nel settore videoludico, ed EA è la casa di produzione riconosciutamene più esperta in questo ambito. Ci manca solo che leghi la sua immagine a quella di Babbo Natale, come la nota marca di bibite ha fatto tanto tempo fa, ed il quadro sarebbe completo. Ecco quindi il cosiddetto “vgpanettone” (che si pronuncia “vugipanettone”), uno tra i più ambiti e riconosciuti: l'ultima incarnazione della serie Need For Speed.
Need for Speed Carbon - Immagine 1
Ecco l'auto che guida il nostro antagonista principale
Need for Speed Carbon - Immagine 2
Nelle gare nei Canyon basta una disattenzione di troppo per concludere anticipatamente la gara
Need for Speed Carbon - Immagine 3
Non poteva mancare la famosa BMW M3 protagonista in Most Wanted
Via, via la polizia!
Lungi dal rischiare una formula ben collaudata, Electronic Arts si limita a riproporre sempre la stessa, spostando giusto qualche candito qua e là e, nel tentativo di ricreare la summa perfetta di questo tipo di videogiochi, cercando di miscelare insieme la ricetta del panettone con quella del pandoro, ovvero tentando di prendere quanto di buono visto in Most Wanted e cercando di mischiarlo alle caratteristiche tipiche della serie Underground.
Dal penultimo episodio si attinge per quel che riguarda la presentazione coreografica, per la trama in grado di “legare” assieme le varie gare che dovremo disputare, senza la quale risulterebbe più difficile affrontare tutte le sfide senza notare una certa ripetitività.
Anche la polizia è stata ripresa da Most Wanted, ma questa volta il suo intervento è più contenuto. Non mancheranno le occasioni in cui interverrà ma, per fortuna, si tratterà di eventi più rari rispetto al passato. Il “per fortuna” sta a sottolineare che non ci riteniamo per nulla soddisfatti delle fasi in cui si viene inseguiti dalla polizia ed in cui bisogna fuggire. I beniamini della giustizia in questo caso sembrano infatti godere del dono dell'ubiquità, di una capacità ineguagliabile nel non commettere errori alla guida e di accelerare da 0 a 100 in tempi misurabili in centesimi di secondo piuttosto che in secondi (caratteristica presente anche in altre parti del gioco di cui parleremo più avanti).

In questo modo non viene premiata l'abilità di guida o la capacità di sfruttare tutte le potenzialità della nostra vettura, dato che per quanto ci sforzeremo non riusciremo quasi mai a seminarli tutti ed a lasciarceli alle spalle (anche perché compaiono nuove unità davanti a noi in continuazione). L'unica cosa che riesce a porre fine a queste folli sezioni di gioco è quella di colpire parti di edifici o impalcature per bloccare i nostri inseguitori (ma anche in questo caso ci ritroveremo spesso, ed inspiegabilmente, un'altra vettura della polizia di fronte a noi, come se fosse sbucata dal nulla) e poterci così nascondere nei soliti luoghi protetti indicati sulla mappa.
Se questa componente doveva aggiungere un qualche frangente che donasse varietà al gioco, forse era meglio non implementarla; così com'è crea più frustrazione che altro, per non parlare degli obiettivi che il gioco propone. Già perché per concludere la carriera (ovvero la modalità principale del gioco) gli incontri con la polizia saranno contenuti, ma se decidiamo di metterci a sbloccare tutte le sfide “secondarie” proposte dal gioco, ce ne saranno alcune che ci faranno ricordare gli obiettivi “polizieschi” che si dovevano sbloccare in Most Wanted, alcuni dei quali davvero sovraumani, dove bisogna far durare un inseguimento decine di minuti oppure distruggere un numero impressionante di auto dei tutori dell'ordine.
Need for Speed Carbon - Immagine 4
Ecco il personaggio femminile protagonista di quest'ultimo episodio
Need for Speed Carbon - Immagine 5
Il retro dell'auto non è certo immacolato, ma i danni incidono solo a livello grafico
Need for Speed Carbon - Immagine 6
Driftare nei canyon è molto più difficile che non nelle piste larghe
Conquistare la città
Posto che fortunatamente la polizia è qui una caratteristica di contorno, possiamo passare a descrivere la modalità carriera, quella su cui gira attorno la trama di questo nuovo episodio.
Anche se la storia è leggermente più elaborata rispetto a quella appena trascorsa, le novità sono ben poche. Il solito pretesto banale per farci partire senza auto, con poca grana in tasca e con davanti a noi l'obiettivo di vincere tutti gli avversari e diventare di nuovo il campione incontrastato, dominatore della città. In questo caso il “titolo nobiliare” risulta parecchio azzeccato, dato che l'obbiettivo primario sarà proprio quello di “conquistare” le varie zone della città vincendo le gare che compaiono su di queste. Una volta conquistate tutte le zone che facevano a capo ad una particolare gang rivale, sarà l'ora di sfidare il rispettivo boss, dimostrando così la nostra superiorità.
Ci sarà anche un mistero da dipanare nel frattempo, ma si tratta solo di un pretesto per far parlare la bella pupa sullo schermo e dare un tocco maggiormente cinematografico al gioco.
La mappa di gioco è esplorabile liberamente in free-roaming ma, data la sua tipica somiglianza a quelle viste negli episodi precedenti, non si hanno molti stimoli nel gironzolare per le strade dell'urbe, solamente per il gusto di farlo (darsi al turismo automobilistico su Test Drive è tutta un'altra cosa, tanto per capirci).

Vuoi far parte della mia banda?
Al posto della varietà di luoghi, troviamo molto più stimolante la varietà della tipologia di gare.
Nulla di nuovo, ben inteso, ma comunque è presente una certa differenziazione tra una competizione e l'altra che fa in modo di non ricreare troppo in fretta il senso di ripetizione.
Ci sono le classiche competizioni “circuito” e “sprint”, in cui bisogna semplicemente arrivare primi in gare rispettivamente con più giri di uno stesso percorso o in competizioni punto-a-punto.
Ricompaiono le gare a check-point (contro il tempo) e quelle con gli autovelox, in cui vince chi passa davanti a questi ultimi con la maggiore velocità segnalata sul tachimetro.
Tornano anche le gare di drifting, in cui vince il giocatore con il punteggio più alto, accumulato inanellando le sbandate più spettacolari, cercendo di mantenere la velocità sostenuta e di passare sopra alle zone più pericolose, quelle vicine ai bordi della strada.
Ci sono poi le “guerre su strada” (una per ognuno dei 4 territori principali della città), altre gare a circuito in cui si gareggia contro ben 19 avversari contemporaneamente (contro gli 8 tipici delle gare normali), ma la prima vera novità di questo Carbon sono le gare nei canyon.
Need for Speed Carbon - Immagine 7
L'effetto sfocato cerca di rendere la sensazione di velocità
Need for Speed Carbon - Immagine 8
Le tre categorie di auto del gioco: le sportive esotiche europee...
Need for Speed Carbon - Immagine 9
...le muscle-car americane...
12
0 commenti

Need for Speed Carbon

Disponibile per: Xbox 360 , Wii, PSP, PS3, PS2, PC
Need for Speed Carbon Xbox 360 Cover
Empire
Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Catch 22
Catch 22

George Clooney ci mostra il paradosso della guerra

The Society
The Society

Un pò Lost, un pò The Dome e un pò tanto Il Signore delle Mosche. Ecco a voi The Society

Empire
Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!

A Plague Tale: Innocence

1

A Plague Tale: Innocence

Il viaggio della speranza di Amicia e Hugo

Licenza di giocare...da tavolo!

2

Licenza di giocare...da tavolo!

Scopriamo le licenze che sono "esplose" anche nel mondo Tabletop!

RAGE 2

19

RAGE 2

L'open world di cui non sentivamo il bisogno

Dreams

2

Dreams

L'ambizioso progetto che prova ad essere il collegamento tra un desiderio e la sua concretizzazione.