Tiscali

Recensione MotorStorm: Pacific Rift

Scaldate i bolidi, dopo tanta attesa è giunta l'ora del nuovo Motorstorm!
Marco Del BiancoDi Marco Del Bianco (10 novembre 2008)
Un isola dispersa nell'oceano. Terreni forgiati dalla natura e temprati dagli eventi, dove l'uomo non ha il dominio. Sembra l'inizio di Lost? Parebbe di sì ma invece si tratta delle scene iniziali dell'introduzione di Motorstom Pacific Rift. Abbandonate le polverose strade dei canyon, ora la sfida si trasferisce in ambientazioni molto più varie.

Il primo Motorstorm è stato sicuramente uno dei titoli più apprezzati, se non addirittura il migliore, fra quelli presenti al lancio europeo della console. Se però si poteva trovare un difetto a quel titolo, si poteva tranquillamente dire che mancasse un po' di spessore. Accanto a un motore grafico sicuramente convincente e a un'azione di gioco frenetica e divertente, i programmatori avevano costruito un'offerta di modalità di gioco un filo troppo lineare e spartana.
Ora si è giustamente partiti da quanto di buono si aveva per le mani e si è lavorato offrire ai giocatori un'esperienza decisamente più completa.
MotorStorm: Pacific Rift - Immagine 1
Fossi in voi starei lontano da quelle ruote
MotorStorm: Pacific Rift - Immagine 2
Gli effetti luce sono particolarmente spettacolari
MotorStorm: Pacific Rift - Immagine 3
Per cena questa sera c'è spezzatino di motociclista
Partendo dalle conferme, non si può non iniziare del già citato motore grafico. Il cuore di questo Motorstorm batte ancora forte e vigoroso. Qui non sono stati fatti grandissimi passi avanti ma ci si è limitati a ottimizzare qua e là diversi aspetti. I rallentamenti, anche nelle fasi più concitate della bagarre, sono praticamente inesistenti e le vetture sfrecciano fluide attraverso ambientazioni ancora più ricche di particolari. Non solo elementi statici ma anche dinamici, coi quali i vostri mezzi si troveranno ad interagire, si spera nel modo meno accidentato possibile. Menzione di merito agli effetti luce, utilizzati talvolta in modo un po' troppo evidente per enfatizzare il fatto che si può correre a diverse ore del giorno, ma che risultano visivamente davvero spettacolari. Se si deve proprio trovare un difetto, sempre in termini di luci, possiamo dire che talvolta alcuni passaggi risultano eccessivamente cupi e bui, rendendo difficile una guida ragionata. Si tratta però in genere di brevissimi passaggi e comunque di imperfezioni piuttosto marginali.

Proseguendo con le conferme di Pacific Rift, si deve parlare dell'azione di gioco, che è rimasta fedele alle sue connotazioni originali. La guida in Motorstorm è spiccatamente arcade ma questo non vuol dire che basti tenere il piede a tavoletta per vincere primeggiare in tutte le gare. Vincere non sarà facile e dovrete utilizzare tutta la vostra maestria per domare i mezzi, la strada e gli avversari. I comandi sono immediati e puntuali, consentendovi sempre un controllo totale del mezzo. E' stata implementata la parte relativa ai comandi “in volo” che, soprattutto nei mezzi particolarmente leggeri, consente di agire sulla propria inclinazione per rendere più dolci gli atterraggi e ripartire subito di slancio. Anche nelle fasi di sportellate con gli avversari ora le vostre opzioni saranno maggiori e potrete quindi provare a liberarvi anche con le cattive di chi insidia la vostra posizione. Non pensate comunque che gli avversari stiano lì docilmente a farsi prevaricare.

Se poi cercate qualcosa di diverso dal solito potrete sempre provare a guidare utilizzando i sensori di movimento invece delle classiche levette analogiche. Meno comodo ma sicuramente intrigante.
Per quanto riguarda la varietà di situazioni offerte al giocatore, Pacific Rift mostra tutto l'impegno e la cura per i particolari che è stata adoperata dagli sviluppatori. I percorsi presenti sono ben sedici, divisi in quattro classi, caratterizzate dai quattro elementi della natura: aria, acqua, terra e fuoco. Se infatti nell'originale Motorstorm c'erano solo i polverosi canyon, ora invece potrete spaziare tra giungle lussureggianti, spiagge paradisiache (almeno fino al vostro passaggio), turbolenti vulcani e insidiosi deserti. Non è però solo l'aspetto grafico a differenziare questi tipi di tracciati. I diversi tipi di fondo avranno aderenze diverse che influenzeranno decisamente lo stile di guida che dovrete avere. Quello che però va ad incidere maggiormente sulla vostro modo di giocare, è l'inserimento del fuoco e dell'acqua nelle varie ambientazioni.

Il primo, sotto forma di fiamme o di magma, tenderà a far surriscaldare prima il vostro mezzo, con il risultato che potrete usare il turbo per periodi di tempo molto limitati se non volete far esplodere il motore. L'acqua invece ha l'effetto esattamente contrario: tenendo bassa la temperatura vi consentirà di spremere il vostro mezzo con molta più irruenza. State però attenti ai passaggi umidi: nelle pozze i vostri mezzi incontrano maggiore resistenza e tendono a rallentare, problemi che aumentano quando l'acqua si fa più profonda, fino a rendervi impossibile proseguire. E' un aspetto tutt'altro che secondario, soprattutto coi mezzi più leggeri, infatti le zone di acqua alta sono prontamente segnalati con cartelli stradali che dovrete imparare a riconoscere nel più breve tempo possibile. Attenzione infine agli elementi che troverete sul tracciato. Spesso la strada vi sarà ostruita da oggetti più o meno mobili e dovrete essere sempre molto allerta per evitarli.
MotorStorm: Pacific Rift - Immagine 4
Non vi ricorda la macchina dei cugini Dukes?
MotorStorm: Pacific Rift - Immagine 5
Il turbo è al massimo, ancora pochi istanti e il vostro motore esploderà
MotorStorm: Pacific Rift - Immagine 6
Andando in acqua il motore si raffredda e potrete spingere di più sul turbo
12
0 commenti

MotorStorm: Pacific Rift

MotorStorm: Pacific Rift PS3 Cover
Empire
Euphoria

3

Euphoria

L'erede di Skins approda su Sky

The Politician

3

The Politician

Nascono nelle scuole di oggi i Presidenti di domani

Dentro la mente di Bill Gates
Dentro la mente di Bill Gates

L'inedita figura di un autentico genio dei giorni nostri

The I-Land

4

The I-Land

L'isola di Netflix fatta di citazioni e... delusione

The Hot Zone
The Hot Zone

Sarà un virus a spazzare via l'umanità?

Empire
The Outer Worlds

8

The Outer Worlds

Persi tra le stelle

Death Stranding

28

Death Stranding

L'opera autoriale di Hideo Kojima che rivoluzionerà il mondo dei videogames

Call Of Duty: Modern Warfare

21

Call Of Duty: Modern Warfare

Il ritorno, alla grande, del filone più riuscito della saga di COD

Concrete Genie
Concrete Genie

Una pennellata di colore sul nostro cuore.

MediEvil Remake

4

MediEvil Remake

Fate largo a Sir Daniel Fortesque!