Recensione Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi)

Morto di noia, e non mi hanno nemmeno ridato i soldi..
Luca Gambino Di Luca Gambino(3 dicembre 2018)

William è un giovane e squattrinato aspirante scrittore che ha deciso di mettere fine ad un vita che giudica ormai senza via d'uscita. Dieci tentativi (sette, in realtà), andati miseramente a vuoto, a conferma della sua incapacità a portare a termine qualsiasi cosa gli sia mai capitata in vita. Ed è proprio mentre sta cercando di portare a termine il suo undicesimo tentativo che William incontra Leslie, un killer professionista ormai prossimo alla pensione che si offre di dare lui "l'ultima spinta" a William.

Anche se inizialmente riluttante, William decide di affidare a Leslie la pratica, firmando un regolare contratto che, rassicura anche il killer, lo vedrà morto entro una settimana, pena la restituzione della cifra pattuita. Succede però che la vita di WIlliam prende un'inaspettata piega positiva: una casa editrice si offre di pubblicare il suo romanzo e una ragazza dimostra un interesse sentimentale verso di lui. Di contro, la vita di Leslie è in declino: la pensione è vista dall'assassino come l'ultima fase della sua esistenza e non accetta di essere ormai in declino.

Ed è forse questo chiasmo visivo la ragion d'essere di "Morto in una settimana", che mette in scena nei novanta minuti di durata tutta una serie di situazioni paradossali che sfociano nel classico humor nero inglese ma che riescono a malapena a strappare un mezzo sorriso e non inducono troppo alla riflessione sulle opposte parabole dei due protagonisti. Ne consegue quella di Tom Edmunds è una pellicola che si “subisce”, senza mai far vibrare l’interesse dello spettatore, meno che mai le sue corde emozionali. Grigio e incolore, proprio come la fredda fotografia British che permea il film dall’inizio alla fine. Bocciato.

Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi) - Immagine 7

Le premesse di "Morto in una settimana" potrebbe anche essere interessanti, ma Tom Edmunds sembra essere più interessato a galleggiare sulla patina di british humor che permea tutto il film, piuttosto che approfondire delle tematiche attuali e sicuramente non banali. Alla fine si esce dalla sala con la consapevolezza di non aver mai riso davvero e di non essersi mai nemmeno fermati per un attimo a pensare al dramma dei protagonisti. Incolore e insipido, Morto tra una settimana è film da cassetta che non merita il grande schermo.

Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi)

Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi) Cover
  • Titolo Originale: Dead in a Week: Or Your Money Back
  • Regia: Tom Edmunds
  • Produzione: Guild of Assassins, Rather Good Films
  • Nazionalità: Gran Bretagna
  • Distributore: Eagle Pictures
  • Sceneggiatura: Tom Edmunds
  • Genere: Commedia, Drammatico
  • Durata: 90 min.
  • Data di uscita: 22 novembre 2018
  • Cast: Aneurin Barnard, Tom Wilkinson, Marion Bailey, Christopher Eccleston, Velibor Topic, Gethin Anthony, Freya Mavor, Nigel Lindsay
Empire
Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Sharp Objects

1

Sharp Objects

Due omicidi, una giornalista tormentata e una tranquilla vita di provincia...

Empire
Il testimone invisibile
Il testimone invisibile

Un thriller italiano (ma in realtà spagnolo) carico di tensione

The Old Man & The Gun
The Old Man & The Gun

L'ultima prova attoriale di Robert Redford è un film che incornicia la sua splendida carriera

Alita: Angelo della Battaglia
Alita: Angelo della Battaglia

Trenta minuti di Alita e tutta la storia del manga

Amici come prima
Amici come prima

Boldi e De Sica tornano insieme sul grande schermo, ma la sceneggiatura non li aiuta

Alpha - Un'amicizia forte come la vita
Alpha - Un'amicizia forte come la vita

Un film natalizio Paleolotico