Recensione Mortdecai

Johnny Depp è l'eccentrico mercante d'arte Charlie Mortdecai
Francesca Perozziello Di Francesca Perozziello(4 marzo 2015)
Prendete Jack Sparrow, Willy Wonka e Ichabod Crane. Mischiateli insieme. Con una piccola aggiunta di Cappellaio Matto ed un tocco di Barnabas Collins, ecco che avrete Charlie Mortdecai. O almeno, Mortdecai così com'è interpretato da Johnny Depp. Sì, perchè il mercante d'arte nato dalla penna dello scrittore Kyril Bonfiglioli, giunto sul grande schermo con il volto del divo americano, unisce in un colpo solo tutte, ma proprio tutte, le caratteristiche dei suoi più celebri personaggi.

Nel film diretto da David Koepp, vediamo Johnny Depp fare ricorso a quel repertorio di smorfie, movenze e gesti già noti al grande pubblico, un repertorio del quale sembra fare un uso davvero esagerato e non sempre necessario. Più che humor inglese ed ironia, a prevalere è lo stile plateale di Depp, che in ogni sequenza cerca di riempire la scena con parole e sguardi fin troppo collaudati.
Peccato, perchè dà l'impressione di essersi fossilizzato su Jack Sparrow e soci, pur essendo un attore perfettamente in grado di dare vita a personaggi dotati di spessore, ben più complessi di semplici macchiette.
Mortdecai - Immagine 2
I mustacchi sono, per Mortdecai, un vero motivo di vanto.
Lord Charlie Mortdecai, eccentrico mercante d'arte, vive con la splendida moglie Johanna (Gwyneth Paltrow) in una fastosa tenuta immersa nella campagna inglese. Mortdecai, che non sempre adotta metodi limpidi e onesti nei confronti dei suoi clienti, si trova coinvolto in un affare che potrebbe costargli molto. Se già la sua dimora rischia di essergli sottratta a causa dei numerosi debiti non pagati, un prezioso dipinto di Goya potrebbe costargli ancora di più.

Fra gli scagnozzi del boss criminale Emil Strago e quelli del signor Fang, un cliente di Hong Kong rimasto “insoddisfatto” dall'ultimo affare conlcuso, Mortdecai non sembra avere grandi vie d'uscita.
Come se non bastasse, il goffo ispettore Martland (Ewan McGregor), agente dell'MI5 da secoli innamorato di Johanna, è deciso ad arrrestarlo per avere finalmente campo libero.
Più di una volta, in realtà, Charlie sta per soccombere al nemico, cosa che puntualmente viene scongiurata dall'intervento di Jock, la sua fedele guardia del corpo.
Proprio il personaggio di Jock, interpretato da Paul Bettany, riesce a smorzare i frequenti delirii di onnipotenza di Mortdecai-Depp. Pur essendo anche questo un clichè di lunga data, il dualismo comico fra protagonista e spalla è forse uno degli aspetti maggiormente godibili del film. Taciturno nella vita di tutti i giorni ma in compenso molto attivo nella vita sessuale, Jock ha un self control davvero invidiabile: è infatti l'unica persona in grado di rispondere alle assurde pretese di Charlie con la gentilezza e l'aplomb di un vero maggiordomo inglese.

Mortdecai vuole fondere commedia, spy story e umorismo brillante, ma non sempre ci riesce. Il film è un'alternanza di gag fisiche e siparietti comici, dove spiccano alcune battute particolarmente riuscite e dialoghi dal ritmo serrato. Se Depp avesse abbandonato i panni del personaggio “alla Tim Burton” e si fosse calato in quelli di un gentiluomo inglese, il risultato sarebbe stato meno vistoso ma di maggiore efficacia.
Mortdecai - Immagine 4
Gwyneth Paltrow è Johanna, la moglie di Charlie Mortdecai.
Mortdecai convince a metà. Johnny Depp resta intrappolato in un groviglio di ruoli già visti, ma regala comunque momenti di divertimento grazie alla sua notevole mimica facciale e ad un paio di ingombranti mustacchi capaci di caratterizzare bene l'eccentrico mercante d'arte.

Mortdecai

Mortdecai Cover
  • Regia: David Koepp
  • Produzione: Lionsgate
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Adler Entertainment
  • Sceneggiatura: Eric Aronson
  • Genere: Azione, Commedia
  • Durata: 106 min.
  • Data di uscita: 19 febbraio 2015
  • Cast: Johnny Depp, Gwyneth Paltrow, Ewan McGregor, Oliver Platt, Paul Bettany, Jeff Goldblum, Olivia Munn
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
A un metro da te
A un metro da te

Giovani, innamorati e malati

Scappo a casa
Scappo a casa

Chi fa da sé fa per tre?

Gloria Bell
Gloria Bell

Juliane Moore si prende un remake tutto per sé

Detective per caso
Detective per caso

Non c'è niente che una buona indagine non possa risolvere

Una giusta causa
Una giusta causa

Quando la forza delle idee può guidare il cambiamento sociale