Recensione Mia e il leone bianco

Non è l'anno del Leone..
Livio Ricciardelli Di Livio Ricciardelli(11 gennaio 2019)

La piccola Mia cresce a contatto con la natura. La sua famiglia si è trasferita ormai da anni in Sud Africa, e l'essere in perenne rapporto con gli animali appartiene ormai alla quintessenza della sua vita. Esce di casa, e ha un allevamento di leoni. Attorno a se, tigri e zebre. Per andare a scuola deve essere accompagnata dal padre, che percorre in macchina un tragitto molto lungo prima di arrivare alla fermata dello scuolabus.

Ma c'è un motivo per cui Mia si trova in Sud Africa: il padre intende aprire (dopo aver trasferito tutta la famiglia lì da Londra) un bed and breakfast naturalistico, in cui i clienti possono stare a contatto con gli animali. Inizialmente Mia rifiuta quel mondo: gli mancano i suoi amici londinesi e il grande calcio. È una tifosa sfegata del Manchester United, ha un poster di Van Persie in casa. Van Persie al Manchester United, prima della sua esperienza turca con la maglia del Fenerbahçe. Ma col tempo le cose cambiano. Proprio grazie agli animali. E ad un leone.

Sì, perché Mia e il Leone bianco è un racconto che si snoda attraverso gli anni, in cui viene seguita la crescita di una bambina (la Mia del titolo, interpretata da Daniah De Villiers) e la sua storia di amicizia con un rarissimo leone bianco. Che, una volta cresciuto, non solo porterà inevitabilmente ad una revisione del rapporto di ‘amicizia’ con la sua amica. Ma sarà oggetto di bracconieri e di tutti i pericoli di un paese bello e dannato come il Sud Africa.

Mia e il Leone bianco è una strana produzione, ma si inserisce nel solco di una visione cinematografica definita: quello del filone naturalistico su misura per bambini. Da questo punto di vista appare particolarmente significativo il fatto che il film sia stato presentato nel corso dell'ultima Festa del Cinema di Roma, così come Il mio amico Nanuk del 2015, forse la più celebre tra le pellicole di questo tipo.

Per la realizzazione del film il regista Gilles de Maistre (pronipote del cineasta da ancien régime René Clément) si è affidato ad un professionista dell'allevamento di leoni selvaggi come Kevin Richardson (a cui è dedicata una sorta di esplicita pubblicità sul finale della pellicola) e cerca di privilegiare gli aspetti documentaristici e paesaggistici del film a scapito di una sceneggiatura blanda e con attori in declino (una su tutte, la promessa incompiuta del cinema francese Mélanie Laurent) che, in cambio di una gita in Sud Africa, hanno accettato di far parte di un film enigmatico quanto volutamente destinato ad un pubblico giovanile. 

Mia e il leone bianco - Immagine 2

Il film non può dunque che disporre di un contenuto narrativo minimo e soprattutto di stereotipi (come il ruolo del villain o della governante) discutibili. Ma Mia e il Leone bianco non mira a questo, ponendosi nel solco del nuovo cinema prettamente generazionale (anche se anche i più giovani meriterebbero storie maggiormente solide e strutturate) a scapito di tutto il resto.

In effetti queste nuove ondate cinematografiche si inseriscono e prosperano nel solco di un grande crisi: quella della funzione pedagogica della televisione. In nome di una generazione di giovanissimi quanto mai desiderosa (finita, soprattutto in Italia, la stagione della tv dei ragazzi) di vivere un'esperienza sul grande schermo all'insegna di animali e paesaggi ancora mai visti e inesplorati. Un target cosi definito da essere inevitabilmente divisivo. Ma è giusto che nel mondo esista anche questo punto di vista. Pure al cinema.

Mia e il leone bianco - Immagine 3

Mia e il Leone bianco si contrassegna per una trama esile ed una tecnica cinematografica povera e approssimativa. Ma mira specificamente ad un target giovanile quanto mai desideroso di storie e paesaggi di questo tipo.

Mia e il leone bianco

Mia e il leone bianco Cover
  • Regia: Gilles de Maistre
  • Produzione: Galatée Films, Outside Films, Film Afrika Worldwide, M6 Films, StudioCanal
  • Nazionalità: Francia
  • Distributore: Eagle Pictures, Leone Film Group
  • Sceneggiatura: William Davies, Jean-Paul Husson, Gilles de Maistre, Prune de Maistre
  • Genere: Drammatico, Avventura
  • Durata: 98 min.
  • Data di uscita: 17 gennaio 2019
  • Cast: Daniah De Villiers, Mélanie Laurent, Langley Kirkwood, Ryan Mac Lennan, Lionel Newton, Tessa Jubber, Brandon Auret
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
La mia vita con John F. Donovan
La mia vita con John F. Donovan

Tanta retorica nel debutto Hollywoodiano di Xavier Dolan

Rapina a Stoccolma
Rapina a Stoccolma

La vera storia sulla nascita della famosa sindrome

Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono

2

I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto

Pets 2 - Vita da Animali
Pets 2 - Vita da Animali

Tornano i nostri animali domestici preferiti!