Recensione Metal Gear Solid

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (27 ottobre 2000)
Ci sono i nostalgici, quelli che Moon Patrol si che era un gran gioco, che Loom era l’avventura per eccellenza, che il C64 stava una spanna sopra lo Spectrum. Ci sono i nostalgici, quelli che la grafica CGA, che Ironman’s Super Off Road, che Guybrush ha il pizzetto e non è così alto… Come si crea un classico? Come nasce una pietra miliare? Come direbbe qualcuno "classico non si nasce, si diventa"; quanto appena detto è aleatorio, lascia il tempo che trova, è duttile quanto una sbarra di ferro a 0° centigradi, ma serve al nostro caso. Vedete voi se non è proprio il nostro caso..
Metal Gear Solid - Immagine 1
Il cannocchiale elettronico si rivela vitale in particolari passaggi del gioco. E‘ possibile zoomare e ingrandire a piacimento particolari obiettivi
Inizio settembre 1998: dopo mesi di ritardi, dopo troppe, troppe preview e anteprime sulle riviste di tutto il mondo, dopo interviste e notizie rilasciate col contagocce... Arriva Metal Gear Solid. In Giappone ovviamente. E i critici si esaltano, riscoprono il loro ruolo, si svegliano di soprassalto e iniziano a catalogare, elencare, spizzicare. Criticare. Metal Gear Solid è un gran gioco, un signor gioco per PlayStation, ma... Ma. Punto, finita lì. La creazione, lungamente cullata dalle piccole e sapienti mani di Hideo "MSX+NES" Kojima giunge su questa terra e non è perfetto. Cosa ci volete fare?
Nonostante la perfezione non sia di questa vita, né di questo gioco, Metal Gear Solid ha due anni sulle spalle e non li dimostra. L’avventura di Solid Snake, anche trasportata su PC, mantiene intatto vigore, forza, spinta innovatrice, carisma narrativo, regia. Classe. E questo è diventare un classico. Quando un gioco riesce a farsi riscoprire, apprezzare e si rivela valido tanto quanto (almeno) la sua originale data di nascita, c’è qualcosa di estremamente raro in lui. In Metal Gear Solid questo ingrediente misterioso non è tale, anzi, si potrebbe dire quasi scontato, semplice, ingenuo. Talmente scontato che ormai pochi hanno il tempo di inserirlo e gestirlo a modo: la cura. Hideo Kojima e il suo staff hanno voluto Metal Gear Solid, l’hanno pensato, centimetro dopo centimetro, immagine dopo immagine, espressione dopo espressione, frase dopo frase. L’hanno voluto, pensato, realizzato con tutti, tutti, tutti i crismi del caso, dedicando ore a ogni singolo, minimo, piccolo dettaglio. E Metal Gear Solid è un grande gioco (e finalmente possiamo anche cominciare con la recensione vera e propria, scusateci la digressione moraleggiante)

Metal Gear Solid

Disponibile per: PSOne, PC , Game Boy
Metal Gear Solid PC Cover
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
Verona Comic Fest 2019
Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!

Bloodstained: Ritual of the Night

5

Bloodstained: Ritual of the Night

Il ritorno in auge di Koji Igarashi

F1 2019

8

F1 2019

Formula 2, eSport e tante novità nella versione 2019 di Formula 1

Judgment

4

Judgment

SEGA inaugura una nuova saga dalle ceneri di Yakuza

Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale