Recensione Maleficent

Una Angelina Jolie splendida ed una sceneggiatura sbiadita per la nuova fiaba Disney
Valerio De Vittorio Di Valerio De Vittorio
Continua il revival delle fiabe classiche, reinterpretate con attori in carne ed ossa, protagonisti di pellicole moderne, indirizzate ad un pubblico di nuovi giovani e giovanissimi. Dopo Cappuccetto Rosso, Biancaneve, Jack e la pianta di fagioli e Hansel e Gretel, toccava a Disney dire la sua, prendendo spunto da uno dei cartoni animati più amati di sempre della sua storia, La Bella Addormentata nel Bosco.
Maleficent - Immagine 4
Angelina Jolie ruba la scena a tutti e trascina da sola un film altrimenti poco interessante
Il film si chiama Maleficent, per mettere subito in chiaro che qui la protagonista non è l'assonnata principessa, quanto piuttosto la strega cattiva, uno tra i villain più famosi della Disney. Malefica era l'essenza del male, crudele per il semplice piacere di esserlo, odiava ciò che era bello e buono. Quello che troverete al cinema è però una interpretazione molto diversa.
Interpretata da Angelina Jolie, protagonista indiscussa del film, la nuova Malefica di Disney ci viene introdotta ancora bambina, come una fata diversa dalle altre, soprattutto per via delle sue enormi ali. Ella vive insieme agli altri esseri magici nella Brughiera, un luogo invidiato e desiderato dal confinante regno degli umani, governato dal Re Filippo.
Tradita dal suo stesso amore, da fata buona si trasforma in despota dal cuore di ghiaccio
Malefica fa un giorno la conoscenza di Stefano, un giovane orfano curioso per nulla intimorito dalle bizzarrie della Brughiera. Amici prima ed amanti poi, i due si ritrovano divisi dal conflitto scatenato da Re Filippo, intenzionato ad occupare e conquistare i poteri delle creature magiche della Brughiera. Malefica conoscerà così l'ambizione e la spietatezza degli umani. Tradita dal suo stesso amore, da fata buona si trasforma in despota dal cuore di ghiaccio, autoproclamandosi regina della propria terra.
Un lungo prologo per spiegarci il conflitto tra la ormai spietata Malefica e Stefano, diventato re attraverso un crudele tradimento, interpretato da Sharlto Copley, l'indimenticabile protagonista di District 9. Quando questi avrà una figlia, la storia di Maleficent si riallaccia alla classica favola, con le tre fatine che doneranno bellezza e grazia alla nuova nata Principessa Aurora mentre la nostra protagonista si presenterà alla festa non invitata per infliggere una maledizione e vendicarsi così dell'amore tradito che l'ha trasformata in quella che è.

Disney cerca quindi di proporci una strega che non è cattiva a prescindere, ma lo diventa suo malgrado. Purtroppo la trama esce ulteriormente dal seminato, mettendo sul piatto un rapporto di madre e figlia tra Malefica e Aurora (Elle Fanning), sulla quale il personaggio di Angelina Jolie si ritrova a vegliare vista l'incapacità delle tre fatine.
Ci viene tolto così il gusto di una favola nera con protagonista una strega, per trovarci al suo posto una storia piuttosto banale e soprattutto prevedibile sconfinando a tratti nel noioso. Stranamente non ci sono le classiche spalle simpatiche, solitamente sempre pronte a smorzare i toni e farci fare qualche risata. Il servo Diaval (Sam Riley), mutaforma che accompagna Malefica e la aiuta, è troppo serio e drammatico per far sorridere il pubblico.

Le fatine, interpretate da Imelda Staunton, Juno Temple e Lesley Manville, sono imbranate e alleggeriscono alcuni momenti della trama, ma non lasceranno certamente il segno. Non aiuta il fatto che sullo schermo ci subiremo una versione in computer grafica delle tre attrici, invero non particolarmente riuscita.
  • Maleficent - Immagine 1
    Le fatine, per la maggior parte del film realizzate in una dubbida CG
  • Maleficent - Immagine 2
    La messa in scena è curata e a tratti davvero splendida, grazie anche ad un 3D non invadente ma godibile
  • Maleficent - Immagine 3
    Elle Fanning è la bella addormentata
Gli effetti speciali a parte l'appena citata caduta di stile, sono ben riusciti, e grazie ad un godevole 3D, regalano alcuni momenti di alta spettacolarità, come il drago o la battaglia per la difesa della Brughiera. Maleficent punta tutto sulla sfarzosa messa in scena, grazie anche alla regia attenta di Robert Stromberg, che da direttore artistico premio Oscar per Avatar, ha saputo sottolineare il lavoro estetico svolto sul film. Ma il motore trainante è proprio la protagonista, capace da sola di trascinare un film altrimenti un po' poco interessante.

Angelina Jolie è splendida e carismatica come e più di quanto ci si attende, truccata e "fotografata" con grande attenzione per farne risaltare i lineamenti, pelle candida e labbra rossissime. E' un vero peccato non si sia pensata una sceneggiatura più accattivante e originale per supportarne l'interpretazione, soprattutto in virtù di una premessa dalle grandi potenzialità. Avremmo desiderato goderci una tracotante e cattivissima Jolie, invece di una madre per caso, affettuosa suo malgrado. Non solo la sequenza di eventi è banale, ma si riesce a rovinare il colpo di scena finale plagiando l'ultimo grande successo Disney, Frozen. E' chiaro che la casa di Topolino abbia deciso di emancipare le proprie protagoniste dal mito del principe azzurro, ma forse stiamo un po' esagerando.

Quello che ne rimane è un film destinato ad un pubblico di giovani capace di intrattenerli per un paio d'ore, ma non certamente di incollarli alla sedia. Manca la creatività e la verve delle produzioni animate di Pixar e soci, per una pellicola curata e ben confezionata nell'estetica ma povera di idee e poco frizzante.
Maleficent è un film che aveva del potenziale, raccontare una favola storica da un punto di vista inedito, quella del villain, divertire così il pubblico con una protagonista cattiva e spietata. La sceneggiatura sceglie invece di sterzare da subito sui buoni sentimenti, risultando un po' piatta e fin troppo prevedibile con tanto di "colpo di scena" finale telefonatissimo. Non si discute sulla messa in scena, splendida e convincente, così come sulla splendida Jolie che ruba la scena per tutta la durata della proiezione. La produzione per ragazzi degli ultimi anni ci ha regalato diverse gemme tra i film animati, purtroppo questo Maleficent rimane invece un film per famiglie che consigliamo di andare a vedere al cinema a patto di non avere molte pretese.

Maleficent

Maleficent Cover
  • Regia: Robert Stromberg
  • Produzione: Roth Films
  • Nazionalità: Stati Uniti
  • Distributore: Walt Disney Pictures
  • Sceneggiatura: Paul Dini, Linda Woolverton
  • Genere: Fantasy
  • Durata: 97 min.
  • Data di uscita: 28 maggio 2014
  • Cast: Angelina Jolie, Elle Fanning, Juno Temple, India Eisley, Sharlto Copley, Miranda Richardson, Sam Riley, Imelda Staunton, Lesley Manville, Kenneth Cranham
Empire
Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Sharp Objects

1

Sharp Objects

Due omicidi, una giornalista tormentata e una tranquilla vita di provincia...

Tom Clancy's Jack Ryan
Tom Clancy's Jack Ryan

Il ritorno alle origini di uno dei personaggi più amati del grande schermo

Empire
Animali fantastici: i crimini di Grindelwald

6

Animali fantastici: i crimini di Grindelwald

Newt torna al cinema con il secondo capitolo della sua epopea!

7 Sconosciuti a El Royale
7 Sconosciuti a El Royale

Sette personaggi in cerca d'autore

Overlord
Overlord

Bastardi senza Zombi

Halloween

3

Halloween

Michael Myers terrorizza ancora dopo 40 anni

Ken il Guerriero - La Leggenda di Hokuto
Ken il Guerriero - La Leggenda di Hokuto

Un vero mito della nostra infanzia ritorna in versione Home video