Recensione Mad Max: Fury Road

Mad Max torna a ridefinire il concetto di cinema action!
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(15 maggio 2015)
Adrenalina pura. Pugni in faccia e nello stomaco. Ansia totale. Questi sono solo alcuni degli stati d'animo che un qualsiasi spettatore potrebbe percepire una volta uscito dalla sala dopo la visione di Mad Max: Fury Road. George Miller ce l'ha fatta. A 70 anni suonati, e con tre capitoli dedicati al grande Max sulle sue spalle, riprende in mano il franchise, gestisce in mezzo a mille difficoltà un budget da 150 milioni di dollari, e non contento confeziona quello che può tranquillamente essere definito uno dei migliori action movie di sempre.
Mad Max: Fury Road
Mad Max: Fury Road - Immagine 190432
Mad Max: Fury Road - Immagine 190431
Mad Max: Fury Road - Immagine 190430
Mad Max: Fury Road - Immagine 190429
Mad Max: Fury Road - Immagine 164181
Mad Max: Fury Road - Immagine 160721
Mad Max: Fury Road - Immagine 160720
Mad Max: Fury Road - Immagine 160719
Mad Max: Fury Road - Immagine 160718
Mad Max: Fury Road - Immagine 151084

Delirio e devastazione su 4 ruote

Vorremmo davvero passare ore a raccontarvi tutta la bellezza di questo Mad Max: Fury Road. Un'opera frenetica, visionaria, eccessiva e totalmente distante da quello che un comune mortale può anche solo lontanamente immaginare dai trailer (anch'essi bellissimi!).

Ma partiamo dalle basi: la trama. Mad Max è ambientato in un futuro distopico post apocalittico in cui svariati disastri naturali hanno modificato la terra e le persone che la abitano. Max Rockatansky (Tom Hardy) è un ex poliziotto che ha perso la sua famiglia. Nelle Wasteland, Max incontra in maniera molto rocambolesca, l'Imperatrice Furiosa (Charlize Theron), una donna guerriera che sta scappando da Immortan Joe (Hugh Keays-Byrne), leader di un gruppo che si fa chiamare Figli della Guerra.

La banda sta dando la caccia a Furiosa intenta a portare in salvo le cinque mogli di Immortant Joe. Una di queste è incinta e potrebbe rappresentare il futuro del regno del supremo leader dandogli un figlio sano. Inizialmente distanti, Max e Furiosa capiranno che per sopravvivere alla follia, dovranno collaborare.
Miller ci regala 120 minuti di caos totale. Un caos che però risulta estremamente scientifico.

Questo incipit servirà al regista per portare sul grande schermo uno degli inseguimenti più lunghi ed entusiasmanti che il cinema hollywoodiano abbia mai partorito. Pochi minuti di spiegazione iniziale, in cui si inquadrano i personaggi e il movente, e poi via al furioso inseguimento nel deserto.

Miller ci regala 120 minuti di caos totale. Un caos che però risulta estremamente scientifico. Tutto è calcolato in maniera sapiente e calibrata. Ogni singola scena d'azione, ogni combattimento ogni stacco di inquadratura ci racconta la storia attraverso volti, gesti e parole degli eroi e degli anti eroi.

Con il primo Mad Max Miller aveva praticamente inventato il genere post apocalittico moderno, a distanza di quasi 40 anni, riprende in mano il suo pargolo, lo modella secondo necessità e virtù dell'era moderna (leggasi major ed incassi) e offre al pubblico uno spettacolo che tramortisce lo spettatore al primo impatto, ma già a distanza di dieci minuti dalla visione, gli lascia quella sensazione di esaltazione che solamente i grandi film di genere sono in grado di regalare.
Si, perché in Mad Max: Fury Road c'è davvero tutto: sangue, violenza, personaggi assurdi e mezzi di trasporto che raramente troverete all'interno di altri film - non possiamo non citare il mezzo con tamburi e un chitarrista che suona la “marcia di guerra” -.

Pur essendo slegato dalla precedente trilogia, il regista di Brisbane ha comunque voluto rendere omaggio ai fan della vecchia trilogia, inserendo elementi che i più attenti non faranno fatica a riconoscere come ad esempio la V8 Interceptor Ford Falcon XB GT Coupé (qui con una colorazione diversa, ma perfettamente riconoscibile) e attori reinventati come Hugh Keats-Byrne che qui interpreta Immortan Joe ma che in passato aveva regalato il volto anche a Leader Toecutter.

A questi omaggi si affiancano poi le interpretazioni degli attori coinvolti. A spiccare è ovviamente la Furiosa interpretata da una sontuosa Charlize Theron. Poco truccata, cattiva, rasata e fiera portatrice dell'emancipazione femminile. A lei si affiancano il Max di Tom Hardy che a differenza di quello che si potrebbe immaginare, fa quasi da spalla alla Theron. Si, perché Miller ribalta il punto di vista e mette in risalto la donna contro un vero e proprio universo maschile. Iconica, tra le tante, la scena dell'autocisterna controllata da un manipolo di donne (più Max) inseguita da una vera e propria mandria di uomini.
Mad Max: Fury Road - Immagine 1
Ovviamente il tutto è amalgamato da una regia incredibilmente curata. Nella concitazione dell'inseguimento la mano sapiente del regista australiano riesce ad indugiare sui dettagli in grado di raccontarci e mostrarci elementi sull'universo da lui creato. Un universo distorto e assurdo in cui trovano spazio elementi della cultura norrena, scienza, religione e molto altro. Tutto con quel piglio e quel miscuglio che quasi ricorda i “B-movie di qualit”, qui però, sapientemente miscelati.

George Miller, senza aggiungere troppo ad un film che di parole ne ha davvero pochissimo bisogno, ci regala un film incredibile, una vera e propria ubriacatura cinematografica che ci fa uscire tramortiti ma con il sorriso stampato sulla faccia dalla sala…e desiderosi di tornarci dentro subito una seconda volta.

Mad Max: Fury Road, come successo in passato per molte altre pellicole - anche di genere differente - diventa un instant classic, in grado di ridefinire o comunque alzare gli standard di un genere. Probabilmente il miglior film d'azione degli ultimi 10/15 anni e senza ombra di dubbio la prova concreta che anche da budget milionari e da blockbuster possono nascere film in grado di stupire.

Citando una frase del film:”What a lovely day!”.
Possiamo già dire che si tratta del miglior film del 2015? no, forse per questo è ancora troppo presto, ma di sicuro Mad Max: Fury Road ha l'onore di riscrivere i canoni di un genere, e di trasformarli in un qualcosa di mai visto prima. Se amate il cinema Mad Max deve essere visto. Al cinema. In mezzo al caos e al frastuono di una sala attrezzata...esattamente come vorrebbe Miller.

Mad Max: Fury Road

Mad Max: Fury Road Cover
  • Regia: George Miller
  • Produzione: Epidemic, Kennedy Miller Mitchell
  • Nazionalità: Stati Uniti
  • Distributore: Warner Bros.
  • Genere: Azione, Fantascienza
  • Durata: 120 min.
  • Data di uscita: 14 maggio 2015
  • Cast: Tom Hardy, Charlize Theron, Nicholas Hoult, Rosie Huntington-Whiteley, Zoe Kravitz, Nathan Jones, Riley Keough
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
Avengers Endgame
Avengers Endgame

Dove siamo rimasti? Facciamo ordine nell'MCU prima della battaglia finale.

A un metro da te
A un metro da te

Giovani, innamorati e malati

Scappo a casa
Scappo a casa

Chi fa da sé fa per tre?

Gloria Bell
Gloria Bell

Juliane Moore si prende un remake tutto per sé

Detective per caso
Detective per caso

Non c'è niente che una buona indagine non possa risolvere