Recensione Macbeth

L'essenza di Shakespeare e la forza del cinema
Elisa Giudici Di Elisa Giudici(8 gennaio 2016)
Quando si parla di adattamenti teatrali e letterari su grande schermo, si pone sempre l'annoso problema del come, cosa e quanto: come adattare un testo da un media a un altro, cosa prendere e cosa lasciare, quanto si può alterare? La risposta è così difficilmente decodificabile in maniera soddisfacente da generare la nota espressione “il libro è sempre meglio del film”.

Ennesima pellicola giunta in Italia dopo la presentazione a Cannes, Macbeth racchiude questo tipo di sfida all'ennesima potenza: testo teatrale, dialoghi in linguaggio desueto e soprattutto Shakespeare, cardine della cultura inglese, mostro sacro della letteratura tutta con cui ogni essere umano ha familiarità con almeno un paio di passaggi (nel caso specifico Lady Macbeth sonnambula e l'apparizione delle tre streghe).

Personalmente, da avida lettrice che spesso arriva in sala conoscendo la fonte originaria, negli anni mi sono fatta l'idea che gli adattamenti più riusciti necessitino di un certo grado di tradimento dell'originale, rapportandosi con rispetto ma senza timore reverenziale. Il cinema è un media visivo che, per accogliere una storia tanto potente ed esaltarla, necessita di cambiamenti atti a farla funzionare quantomeno a livello visivo e dinamico, una dimensione che nel testo originario è praticamente non esistente.
Macbeth
Macbeth - Immagine 171348
Macbeth - Immagine 171347
Macbeth - Immagine 171346
Macbeth - Immagine 169271
Macbeth - Immagine 169270
Macbeth - Immagine 169269
Macbeth - Immagine 162989
Macbeth - Immagine 162988
Macbeth - Immagine 162422
Macbeth - Immagine 162421
Su questo punto il regista Justin Kurzel sembra essere sostanzialmente d'accordo con me, tradendo il canone shakespeariano in maniera abbastanza sostanziale, intervenendo soprattutto sulla figura di Lady Macbeth, tramutandola da personaggio agente a reagente e mettendo al centro assoluto non la coppia assassina dei Macbeth, bensì il fedele vassallo, l'assassino, il traditore, il re folle, Macbeth.

Scelta che paga, perché ormai siamo ben consci che la forza espressiva di Michael Fassbender funziona al meglio sulle tinte più oscure e diaboliche dell'animo umano, ma che dall'altra parte relega in secondo piano una Marion Cotillard che non avrebbe davvero problemi a gestire la versione originale e ancor più nera di Lady Macbeth.

Con quest'unica eccezione, il resto dei cambiamenti apportati al film funziona alla perfezione. La strada è chiaramente quella dell'eleganza formale e della forza espressiva del mezzo cinematografico, con una fotografia di Adam Arkapaw smaccatamente estetizzante ma perfetta nei suoi toni ora cupi, ora caldissimi e avvolgenti, capace di rappresentare cromaticamente la psiche sempre più deviata dei suoi protagonisti.

Si fanno come sempre notare anche i costumi dell'amatissima Jacqueline Durran, che rinforzano un ambientazione dalla forte vibrazione medioevale, dove anche la corte reale e i suoi agi hanno un carattere appena sbozzato, rustico, il tutto però coniugato con grande eleganza (e la bellezza dei due protagonisti indubbiamente aiuta, così come i magnifici paesaggi scozzesi). In altre parole, esaltare con i mezzi visivi del cinema un nucleo originale riproposto con grande fedeltà anche nel linguaggio.

Macbeth è un film ambiziosissimo e sontuoso, per nulla impaurito dall'enorme sfida di riportare una delle opere più note e tragiche della produzione di Shakespeare su grande schermo. Il risultato è personale e unico, decisamente virato sui più recenti trend che vogliono adattamenti più fedeli visivamente alle origini, anche a costo di essere meno levigati, primitivi. Il complimento migliore che gli si possa fare è di trasmettere davvero la sensazione che si prova leggendo o assistendo a un'opera di Shakespeare. Il contraltare è che tanta ricchezza richiede una continua attenzione, per un film che non si cura troppo di spiegare o farsi seguire dallo spettatore. Una fatica che però vale la pena affrontare, soprattutto per gli amanti del genere.

Macbeth

Macbeth Cover
  • Regia: Justin Kurzel
  • Produzione: See-Saw Films
  • Distributore: Videa
  • Sceneggiatura: Justin Kurzel, Todd Louiso
  • Genere: Drammatico, Storico
  • Data di uscita: 5 gennaio 2016
  • Cast: Michael Fassbender, Marion Cotillard, Elizabeth Debicki, David Thewlis, Paddy Considine, Jack Reynor, Sean Harris, David Hayman, James Michael Rankin
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
A un metro da te
A un metro da te

Giovani, innamorati e malati

Scappo a casa
Scappo a casa

Chi fa da sé fa per tre?

Gloria Bell
Gloria Bell

Juliane Moore si prende un remake tutto per sé

Detective per caso
Detective per caso

Non c'è niente che una buona indagine non possa risolvere

Una giusta causa
Una giusta causa

Quando la forza delle idee può guidare il cambiamento sociale