Recensione Lo Spietato

Nella Milano da bere vince chi ha più sete
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(18 aprile 2019)

Raccontare la malavita è sempre stato un tema in grado di affascinare il mondo del cinema. Registi, attori, sceneggiatori hanno costruito (...o ricostruito) storie in grado persino di omaggiare alcune figure che tutto erano, tranne che bravi ragazzi (piccola citazione, concedetecela).

In questo filone, alimentato nell’ultimo periodo anche dalla nuova stagione di Gomorra e dalla seconda stagione di Suburra, si inserisce il film di Renato De Maria. Un prodotto che pur condividendo gli intenti, sceglie una strada ben diversa e sulla carta potenzialmente più intrigante: l’omaggio.

Tratto dal romanzo Gangster Calibro 9 di Pietro Colaprico e Luca Fazzo, il lungometraggio made in Netflix è un affresco deciso e voluto della “Milano da bere” in pieno boom economico, all’interno della quale vengono omaggiati tantissimi film del filone poliziesco anni 70/80.

La storia è quella di un giovane ragazzo calabrese, Santo Russo (Riccardo Scamarcio) che, insieme alla famiglia, emigra nel nord Italia in cerca di fortuna, trasferendosi più precisamente a Buccinasco, alle porte di Milano. Fortuna che sembra però spingerlo verso la malavita. I primi furti, le prime esperienze in carcere e una serie di costante discesa negli inferi che lo porterà a compiere: rapine, estorsioni, sequestri, spaccio e gli inevitabili omicidi.

La sua banda non sarà l’unica famiglia che Santo imparerà ad amare; all’interno del suo sogno borghese si inseriranno la moglie Mariangela (Sara Serraiocco) e l’amante Annabelle (Marie-Ange Casta). Due anime differenti e contrastanti, specchio dei grandi contrasti che lo stesso Scamarcio cerca di trasmettere allo spettatore interpretando Santo. Da una parte i valori del sud, dall’altro la libertina intraprendenza di una città che sta esplodendo economicamente.

Lo Spietato - Immagine 1

Un’evoluzione che viene però gestita male, andando in alcune occasioni ad invalidare il buon lavoro fatto sia da Scamarcio sul suo personaggio (per quanto caricaturale in alcuni passaggi, il lavoro sull’accento forzato è molto buono), quanto dal regista con la scelta di alcune inquadrature, colori e musiche che omaggiano perfettamente il genere di riferimento.

A fallire - termine più che mai appropriato - è la sceneggiatura che corre tanto, troppo. Una storia che sfruttando il voice over dello stesso protagonista, rimbalza in maniera scostante, saltando alcuni passaggi che andavano necessariamente approfonditi e soffermandosi su altri del tutto superflui all’evoluzione della storia e del personaggio. Scelte che si percepiscono in maniera piuttosto lapalissiana durante la visione, rendendo Lo Spietato un film che poteva ambire a ben altri risultati, ma che rimane ancora dietro ad un concetto e ad un’idea che non trova mai il modo di sbocciare pienamente.

Un disappunto che si fa ancora più concreto, quando, in alcuni passaggi simbolici, si sente proprio mancare lo spessore narrativo del momento, troppo spesso legato ad un comodo e sbrigativo commento della voce narrante che chiude frettolosamente dei passaggi importanti della vita di Russo.

Quello che rimane, quindi, è un prodotto in grado di intrattenere per due ore lo spettatore, con una buona prova di Scamarcio e una storia che, pur lasciandovi un po’ l’amaro in bocca, potrebbe anche divertirvi e farvi riflettere. La rabbia e il rammarico rimangono perché Santo Russo era e rimane un personaggio affascinante che meritava un pizzico di cura maggiore da parte degli sceneggiatori.

Lo Spietato
Lo Spietato - Immagine 218438
Lo Spietato - Immagine 218437
Lo Spietato - Immagine 218436
Lo Spietato - Immagine 218435
Lo Spietato - Immagine 218434
Lo Spietato - Immagine 218433
Lo Spietato - Immagine 218432
Lo Spietato - Immagine 218431
Lo Spietato - Immagine 218430
Lo Spietato - Immagine 218429

Lo Spietato poteva essere un prodotto diverso, un prodotto valido non solo nel suo essere portatore sano di omaggi che hanno reso celebre il poliziesco all’italiana, ma anche come prodotto in grado di raccontare una storia valida e affascinante. Un obiettivo che purtroppo non viene raggiunto a causa di una sceneggiatura davvero troppo fallace. Un film che si dimentica piuttosto velocemente, dato che non riesce a trasmettere quasi nulla: peccato.

Lo Spietato

Lo Spietato Cover
  • Regia: Renato De Maria
  • Produzione: Angelo Barbagallo, Matilde Bargaballo, BiBi Film con Rai Cinema
  • Nazionalità: Italia
  • Distributore: Netflix
  • Sceneggiatura: Renato De Maria, Valentina Strada, Federico Gnesini
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 107 min.
  • Data di uscita: 8 aprile 2019
  • Cast: Riccardo Scamarcio, Sara Serraiocco, Alessio Praticò, Marie-Ange Casta, Alessandro Tedeschi
Empire
Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Empire
Il Traditore
Il Traditore

Lo straordinario duo Bellocchio-Favino portano su schermo la vita del primo pentito di Mafia.

Godzilla II: King of the Monsters
Godzilla II: King of the Monsters

Amici e nemici di Godzilla!

X-men: Dark Phoenix
X-men: Dark Phoenix

Un breve ripasso del franchise in compagnia degli attori protagonisti

Aladdin

3

Aladdin

Missione compiuta, Mr. Ritchie

Rocketman
Rocketman

Ormai è Biopic-Mania e questa volta è il turno di Elton John