Recensione La Quinta Onda

Chlo Grace Moretz vs l'Apocalisse aliena
Elisa Giudici Di Elisa Giudici(12 febbraio 2016)
Avete peccato d'ingenuità se avete pensato anche solo per un momento che la fine del ciclo che ha sdoganato la lettura del filone young adult tra gli adulti e decretato il suo successo al cinema, Hunger Games, avrebbe fermato la rincorsa al suo epigono.
Altra annata, altra trilogia apocalittica, stavolta scritta con un certo successo da Rick Yancey. L'adattamento cinematografico di questo nuovo mondo in rovina poggiato sulle spalle di un'adolescente si apre con La Quinta Onda, il primo capitolo della saga, progetto affidato all'esordiente regista J Blakeson.

Cassie (Chlo Grace Moretz) è un'ordinaria adolescente americana, di quelle che presenziano alle feste alcoliche del vicinato e sono segretamente innamorate del quarterback della squadra di football locale, salvo poi essere tanto giudiziosa da limitarsi a reggere il bicchiere di alcol in mano e da rincasare in tempo per dare il bacio della buonanotte al padre e all'amatissimo fratellino.
Stavolta a far crollare la civiltà ci pensa una silente astronave aliena modello District 9, che dapprima si limita ad apparire nei cieli, poi tenta di indebolire il genere umano attraverso "onde", attacchi volti a disgregare le comunità e uccidere quante più persone possibili. La quinta onda si mormora sarà quella decisiva, che sancirà l'inizio dell'invasione vera propria, lo scontro finale.
Mentre l'esercito recluta a forza i giovanissimi sopravvissuti per addestrarli in vista dell'attacco, Cassie tenta disperatamente di riunirsi con il fratellino finito in uno delle suddette basi militari, ma la strada è irta di pericoli, tra umani al soldo dell'invasore, violenza gratuita e la difficoltà di reperire cibo e riparo. Ad aiutarla interviene a sorpresa un giovane di nome Evan (Alex Roe), mentre il suo fratellino viene preso sotto l'ala protettiva della squadra con cui si sta allenando.

Non è un caso che il primo termine di paragone tirato in ballo per questo film sia proprio Hunger Games, ma a ben vedere è un paragone che quest'ultimo non si merita. Sin dai suoi ignoti esordi quella saga si curò di portare su schermo un best-seller con attori in grado di donare tridimensionalità ai suoi personaggi e registi poco noti, forse, ma capaci di dare un'impronta personale (amata o odiata, sicuramente non banale) al mondo distopico in questione.

La Quinta Onda invece si limita a indulgere nel sogno di replicare il medesimo successo senza adoperarsi perché diventi realtà. Si tratta di una produzione pigra, che sostituisce giovani di talento a un gruppo di bellocci appena un po' spettinati dall'invasione aliena, guidati da un regista anonimo a cui viene messo in mano un progetto senza possibilità di riuscita.

Parte dei propri difetti poi il lungometraggio li eredita dalla fonte originale, proponendoci ora lo stanco stereotipo dell'adolescente che finisce per sfidare involontariamente il nemico dell'umanità, ora un doppio triangolo amoroso carpiato che corona nell'esposizione canonica di un addominale ormai ampiamente sdoganato nei timidi amori adolescenziali, limitandoci a soprassedere sulla prevedibilità dell'intero impianto narrativo, finale apertissimo compreso.

Chlo Grace Moretz ha appena compiuto 19 anni. L'estrema giovinezza le ha assicurato il ruolo che l'ha lanciata nel cinema statunitense, ma ora la sua freschezza le si sta ritorcendo contro. La Quinta Onda è l'ennesima macchia su una filmografia disastrosamente bulimica e purtroppo non è nemmeno un fallimento interessante come Sils Maria, quanto piuttosto un film che si dimentica appena usciti dalla sala. Per fortuna, sua e nostra.

La Quinta Onda

La Quinta Onda Cover
  • Titolo Originale: The 5th Wave
  • Regia: J Blakeson
  • Produzione: Columbia Pictures
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Sony Pictures
  • Sceneggiatura: Susannah Grant
  • Genere: Fantascienza, Drammatico, Thriller
  • Durata: 112 min.
  • Data di uscita: 4 febbraio 2016
  • Cast: Chloë Grace Moretz, Maika Monroe, Maggie Siff, Liev Schreiber, Tony Revolori
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
A un metro da te
A un metro da te

Giovani, innamorati e malati

Scappo a casa
Scappo a casa

Chi fa da sé fa per tre?

Gloria Bell
Gloria Bell

Juliane Moore si prende un remake tutto per sé

Detective per caso
Detective per caso

Non c'è niente che una buona indagine non possa risolvere

Una giusta causa
Una giusta causa

Quando la forza delle idee può guidare il cambiamento sociale