Recensione La Forma dell'Acqua

Una romantica storia d'amore
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(23 gennaio 2018)

Era probabilmente dai tempi de Il Labirinto del fauno, datato 2006, che il regista messicano Guillermo del Toro non riusciva più a trovare un’ispirazione convincente, efficace e ispirata come quella del film sopracitato (chi vi scrive ha letteralmente amato Pacif Rim, ma siamo in un altro campo). The Shape of Water - La Forma dell’Acqua, riprende il percorso interrotto, portando sullo schermo una fiaba cupa, dark ma che trasmette un sentimento assolutamente vero e riconoscibile.

La Forma dell'Acqua - Immagine 1

Le forme dell’amore

La storia è ambientata a cavallo degli anni '60, in quegli Stati Uniti coinvolti fino al collo nella Guerra Fredda con l’Unione Sovietica. Elisa (Sally Hawkins), una donna affetta da mutismo, lavora in un laboratorio segreto governativo, all'interno del quale è custodita una sorta di creatura anfibia che alcuni scienziati del posto vorrebbero sezionare e studiare; lei invece riesce ad entrare in contatto con questo “mostro” attraverso dei semplici gesti. Il loro rapporto diventa così forte da spingere Elisa a far scappare la creatura dal laboratorio.

Questo l’incipit di una storia che, se non lo leggessimo dal nome della locandina, agli occhi di chi guarda potrebbe non sembrare nemmeno un film di Del Toro. Il regista infatti attinge a piene mani da una serie di storie e autori che elabora, unisce e sviluppa all’interno della sua personale visione. Nei toni e nella splendida fotografia di Dan Laustsen, così come nella delicata colonna sonora di Alexander Desplat, è impossibile non notare un certo rimando al primo Burton (Edward Mani di Forbice, Batman), così come è assolutamente innegabile una certa influenza di pellicole come Il Mostro della Laguna Nera, o il concetto di non accettazione di Frankenstein.

La Forma dell'Acqua
La Forma dell'Acqua - Immagine 207178
La Forma dell'Acqua - Immagine 207177
La Forma dell'Acqua - Immagine 207176
La Forma dell'Acqua - Immagine 207175
La Forma dell'Acqua - Immagine 207174
La Forma dell'Acqua - Immagine 207173
La Forma dell'Acqua - Immagine 207172
La Forma dell'Acqua - Immagine 207171
La Forma dell'Acqua - Immagine 207170
La Forma dell'Acqua - Immagine 207169

In questa ratatouille cinematografica Del Toro non si perde, anzi, esalta una storia che pur basandosi sul concetto dell’amore (quello vero, viscerale e carnale),racconta più di quello che banalmente ci sembra di vedere sullo schermo. Parla di una società contaminata in cui il manifesto dell’esagerazione dell’”american dream” è perfettamente incarnato all’interno del personaggio del “cattivo” Michael Shannon; la stupenda e bravissima Sally Hawkins e la collega Octavia Spencer (l’amica Zelda, all’interno della pellicola) che insieme al mostro ricreato in digitale - sulle movenze di Doug Jones -, rappresentano l’altra parte della medaglia, quelli che vengono vissuti come diversi ed emarginati, ma che possono nascondere molto più di quello a cui ambiscono i personaggi che popolano il laboratorio capitanato da Shannon. Un contrasto forte, su cui si basano tutti gli equilibri di una sceneggiatura a tratti perfetta.

Una storia d’amore agrodolce, tutt’altro che disillusa, ma in grado di giocare sulle fragilità di un singolo sentimento sentimento, per raccontarne di ancora più grandi. Non si poteva chiedere ritorno migliore ad un regista che dimostra di non aver perso quel tocco che gli è sempre stato riconosciuto, anche nei momenti meno alti della sua carriera.

Dopo aver raccolto consensi a Venezia, ci troviamo davanti ad un altro serio candidato per ambire ai premi più importati degli Oscar che si terranno il prossimo marzo, in particolare per una Sally Hawkins che merita molto più di quello che le è stato riconosciuto fino ad oggi.

Piccola curiosità: la somiglianza tra “il mostro” e Abe Sapien (l’amico di Hellboy nel lungometraggio diretto dallo stesso Del Toro e ispirato al fumetto) ha fatto pensare ad una sorta di prequel ispirato a quel personaggio. I due film, invece, sono totalmente slegati tra loro.

La Forma dell'Acqua - Immagine 4

 

Delicato, introspettivo ma allo stesso tempo appassionante e coinvolgente. La forma dell'Acqua di Guillermo del Toro vive di contrasti fortissimi, esattamente come il sentimento che cerca di raccontare lo stesso regista. Una pellicola magistrarlmente scritta, girata, fotograta e musicata, che sfrutta l'amore come trampolino di lancio per mostrarci molto più di quello che, spesso, ci rifiutiamo di guardare con i nostri occhi. Consigliato senza se, e senza ma.

La Forma dell'Acqua

La Forma dell'Acqua Cover
  • Titolo Originale: Shape of Water
  • Regia: Guillermo del Toro
  • Produzione: Fox Searchlight Pictures, Bull Productions
  • Nazionalità: Stati Uniti
  • Distributore: 20th Century Fox
  • Sceneggiatura: Guillermo del Toro
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 119 min.
  • Data di uscita: 15 febbraio 2018
  • Cast: Sally Hawkins, Octavia Spencer, Michael Shannon, Richard Jenkins, Doug Jones
Empire
Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
Maria Regina di Scozia
Maria Regina di Scozia

Una regista femminile rivisita la storica rivalità tra due regine

L'uomo dal cuore di ferro
L'uomo dal cuore di ferro

Due film in uno per raccontare la storia di uno dei più spietati gerarchi nazisti

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...