Recensione La Favorita

Un regista greco, una regina inglese e una rivalità da Oscar
Elisa Giudici Di Elisa Giudici(22 gennaio 2019)

Non fatevi ingannare dall’aspetto rassicurante della locandina e del trailer di La Favorita, il nuovo film di Yorgos Lanthimos presentato a Venezia 75. Anche se ripulito dai suoi recenti eccessi autoriali e intellettuali (vedi Il sacrificio del cervo sacro), anche se alle prese con una sceneggiatura scritta da terzi, il regista greco maestro di crudeltà non si è decisamente intenerito. Anzi. È solo diventato dannatamente bravo a farci divertire della cattiveria altrui. 

È davvero molto lunga la lista di registi stranieri che, facendo capolino nel mondo degli studios, hanno perso sé stessi in progetti insoddisfacenti. Abituati a una ristrettezza di mezzi ma a una sconfinata libertà creativa, tanti registi asiatici e europei raccontano del loro sbarco nel mondo degli studios come di un’esperienza claustrofobica e castrante, che spesso si è limitata a un singolo film e a un ritorno a casa. 

Per Yorgos Lanthimos invece il passaggio a un cinema che si potrebbe definire timidamente “più commerciale” si rivela a sorpresa un ulteriore rifinitura al suo stile personalissimo e già maturo. Il politically correct richiesto da Hollywood non costituisce per lui una barriera, quando uno stimolo ad essere meno eccessivo, cervellotico e talvolta inutilmente autoriale rispetto a quando ha mano libera. 

La storia di La Favorita è quella della regina Anna, una delle donne deboli della corona inglese. Costretta dal marito a continue gravidanze, prostrata da una serie di decine e decine di aborti e morti premature dei suoi figli, la troviamo all’inizio del film come una figura patetica. Per nulla piacente, insicura, capricciosa e vacua, Anna (interpretata da un’Olivia Colman in odore di Oscar) è totalmente disinteressata alla politica e perennemente alla ricerca di rassicurazioni affettive. A fornirgliele con un crudele alternarsi di bastone e carota è Sarah Churchill (antenata di Winston), la sua favorita. La nobildonna manovra a piacere la regina, facendo leva sulla loro amicizia e sul perenne senso d’insicurezza della prima. Certo le è assolutamente devota: ad ogni attacco di gotta è al suo fianco, ogni mattina ne controlla aspetto e agenda. Subentra ben volentieri ai suoi doveri di regina, dettando di fatto la sua agenda politica. 

La Favorita - Immagine 3

Elegante e intelligente, sferzante nei toni e negli hobby (calvacate, caccia e armi da fuoco), Sarah non riconosce da subito il pericolo posto dall’ultima arrivata, la cugina Abigail (Emma Stone). La ragazzetta di campagna svenduta dal padre per un debito di gioco imparerà presto dalla maestra, insidiandone la posizione a corte prima per necessità, poi per vendetta, infine per puro piacere personale. 

La favorita è un film in costume che spoglia Emma Stone della patina di fidanzatina d’America (e dei vestiti per il suo primo nudo su schermo) e il costume drama della sua visione propositiva della nobilità. A colpire di più nel film di Lanthimos è come i destini di milioni di persone e della guerra contro la Francia siano scritti dai capricci del momento e da interessi sempre e solo egoistici. La nobilità è volgare, violenta, superstiziosa, misogina e francamente stupida, appena trattenuta dai peggiori istinti dalla facciata di ricchezza e potere. 

A risplendere più di tutti è Olivia Colman, regina di nome e di fatto: il suo personaggio, il meno accattivante e il più debole, si rivela il più sorprendente e memorabile. Debole ma investita della forza di una Corona di cui tutti sono sudditi, così bisognosa di affetto eppure pronta a punire severamente chi oltrepassi quel limite invisibile che la pone, nonostante tutto, sopra a tutti gli altri. 

La Favorita
La Favorita - Immagine 214492
La Favorita - Immagine 214491
La Favorita - Immagine 214490
La Favorita - Immagine 214489
La Favorita - Immagine 214488
La Favorita - Immagine 214487
La Favorita - Immagine 214486
La Favorita - Immagine 214485
La Favorita - Immagine 214484
La Favorita - Immagine 214483

La Favorita è uno dei film dell’anno: un cast stellare e davvero capace dà finalmente la visibilità che merita a un regista dallo stile personale e dalla mano ferma nel accoltellare un certo modo trito di realizzare film storici in costume. Con Lanthimos lo scopo è sempre guardare dentro ai personaggi, negli angoli più oscuri della loro anima, per vedere chi siano davvero. Qui per farlo deve sollevare qualche sottana, slacciare qualche corsetto, sfoderando un film insolitamente sensuale e deliziosamente crudele. Autoriale ma nel senso migliore e più godibile del termine.

La Favorita

La Favorita Cover
  • Titolo Originale: The Favourite
  • Regia: Yorgos Lanthimos
  • Produzione: Film4, Scarlet Films, Element Pictures
  • Nazionalità: USA, Irlanda, Gran Bretagna
  • Distributore: 20th Century Fox
  • Sceneggiatura: Tony McNamara, Deborah Davis
  • Genere: Storico, Drammatico
  • Durata: 119 min.
  • Data di uscita: 24 gennaio 2019
  • Cast: Emma Stone, Rachel Weisz, Nicholas Hoult, Olivia Colman, Joe Alwyn, Mark Gatiss, Jenny Rainsford, Basil Eidenbenz, James Smith
Empire
Russian Doll

4

Russian Doll

Morire un'infinità di volte può aiutare a comprendere la vita?

The Passage
The Passage

Può una bambina di dieci anni salvare l'intera umanità?

Sex Education
Sex Education

Sesso, scuola e indie rock

Star Trek: Discovery
Star Trek: Discovery

La seconda stagione parte subito con il botto!

Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

Empire
Mamma + Mamma
Mamma + Mamma

La storia (vera) di un amore in grado di realizzare i desideri

Dragon Ball Super: Broly
Dragon Ball Super: Broly

Dal 28 febbraio nei cinema arriva il nuovo film della saga dei Saiyan: "Dragonball Super: Broly".

La paranza dei bambini
La paranza dei bambini

Un triste racconto di vita vera...

La paranza dei bambini

2

La paranza dei bambini

La perdita dell'innocenza dei paranzini di Claudio Giovannesi conquista la Berlinale

10 giorni senza mamma

2

10 giorni senza mamma

La guerra, in casa