Recensione Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali

Tim Burton torna al gotico e agli outsider.
Francesca Perozziello Di Francesca Perozziello(22 dicembre 2016)
Il cinema degli emarginati, dei diversi e degli "speciali". Questa è stata per molto tempo la marca stilistica di Tim Burton, eccentrico regista californiano residente ormai da diversi in anni a Londra. Dopo la parentesi biografica di Big Eyes e il suo amato Frankenweenie, Burton prova a tornare alle atmosfere delle origini, quelle di Edward Mani di Forbice. E lo fa con Eva Green e Asa Butterfield, i due interpreti principali della nuova pellicola, tratta da un romanzo di Ransom Riggs.

Jacob, adolescente trascurato dai genitori e vittima di bullismo, lavora in un supermercato vicino a casa. Nella cittadina della Florida in cui vive, l'unica persona che sembra capirlo è il nonno, Abe, da molti ritenuto pazzo, forse perché ha sempre raccontato di aver conosciuto alcuni ragazzi dotati di poteri sovrumani. Quando Jacob trova Abe in fin di vita in circostanze misteriose, le ultime parole del nonno sono in realtà l'inizio di una ricerca che porterà Jacob dall'altra parte dell'Oceano…
Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali - Immagine 1
Asa Butterfield, che ricorderete per Hugo Cabret, è l'interprete adatto ai ruoli burtoniani.
Le premesse per un tipico film burtoniano ci sono tutte, fin dai primi minuti. C'è il protagonista adolescente che non riesce a comunicare con il mondo esterno, ci sono i genitori e i compagni di classe che o non lo capiscono o lo deridono, fino all'algida psicanalista che dovrebbe alleviare il dolore della perdita del nonno. La partenza di Jacob per il Galles coincide, nel film, con l'ingresso in un universo fantastico e gotico, un universo che abbiamo imparato a conoscere bene grazie a La sposa cadavere o Il mistero di Sleepy Hollow. Facciamo la conoscenza dell'affascinante Miss Peregrine, una misteriosa Eva Green in abito nero che fuma la pipa, oltre che dei "ragazzi speciali" che popolano la sua casa.

Se la prima metà del film funziona bene e ci offre un cocktail ben riuscito, anche se non particolarmente innovativo, di tutto l'immaginario burtoniano, nella seconda metà la pellicola subisce una brusca battuta d'arresto. La creatività e la freschezza del primo atto cedono il passo a un insieme male amalgamato di effetti speciali che sfiorano il grottesco, oltre che a un'inspiegabile scelta di mettere un po' in ombra il personaggio di Miss Peregrine a favore di uno sviluppo narrativo abbastanza prevedibile. Negli ultimi minuti e persino nel finale del film si avverte decisamente l'esigenza di tirare le fila del discorso in maniera frettolosa, a discapito di una trama che aveva tutte le caratteristiche, almeno all'inizio, per convincere.
Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali - Immagine 3
Eva Green è la msiteriosa Miss Peregrine.
Miss Peregrine parte con lo scatto felino di un centometrista per poi rallentare di colpo, come se avesse perso la motivazione per andare avanti, inserendo a metà strada un antagonista notevolmente stereotipato. Nemmeno Samuel L. Jackson riesce a salvare il film dallo sbadiglio, forse perché persino l'attore-feticcio di Tarantino rimane intrappolato in una caratterizzazione che ha del già visto. Bravo Asa Butterfield, che ricorderete per Hugo Cabret, giovane attore inglese particolarmente adatto a interpretare ruoli introspettivi e solitari, candidato ideale per i personaggi di Tim Burton.
Non mancano nomi di richiamo come quello di un irriconoscibile Rupert Everett o di Judi Dench in un cameo, oltre che di Terence Stamp nei panni di Abe. L'attore inglese tanto amato da Fellini è fra i punti di forza del film: un personaggio in puro stile burtoniano, capace di risollevare, almeno quando è presente, le sorti della pellicola.

Miss Peregrine non si rivela all'altezza della prima cinematografia di Tim Burton, dispiace dirlo. Ci sono comunque alcuni segnali che lasciano intuire un cambiamento di rotta da parte del regista degli outsider, che con le sue pellicole ha incantato una generazione e dato voce a personaggi davvero unici. A favore del film ci sono comunque le atmosfere della dimora di Miss Peregrine, dove i ragazzi speciali convivono in una comunità isolata dal mondo e dai suoi orrori. Gli spettatori più attenti noteranno la presenza di una vera chicca, cioè dello stesso Tim Burton che si aggira in una scena del film.
Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali - Immagine 5
Tim Burton cerca di ritornare alle origini e alle atmosfere gotiche che lo hanno reso famoso.
Tim Burton torna alle atmosfere gotiche degli inizi e ai personaggi emarginati che lo reso celebre, ma il risultato non soddisfa del tutto. Se nella prima metà della pellicola assistiamo a una premessa avvincente, gli sviluppi della trama non sono all'altezza delle aspettative. Troppi effetti speciali e un antagonista stereotipato soffocano l'interesante interpretazione di Asa Butterfield e di Eva Green.

Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali

Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali Cover
  • Titolo Originale: Miss Peregrine's Home for Peculiar Children
  • Regia: Tim Burton
  • Produzione: Tim Burton Productions, Chernin Entertainment
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: 20th Century Fox
  • Sceneggiatura: Ransom Riggs, Jane Goldman
  • Genere: Drammatico, Fantasy, Adventure
  • Data di uscita: 15 dicembre 2016
  • Cast: Eva Green, Samuel L. Jackson, Allison Janney, Asa Butterfield, Kim Dickens, Judi Dench, Chris O'Dowd, Ella Purnell, Rupert Everett
Empire
True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...

Se la strada potesse parlare
Se la strada potesse parlare

Ritorna in scena il regista di Moonlight, ma è un passo indietro

Mia e il leone bianco
Mia e il leone bianco

Non è l'anno del Leone..