Recensione La Bella e La Bestia (2014)

Quando la favola non convince
Simone Rampazzi Di Simone Rampazzi(4 aprile 2014)
Sarebbe indicato cominciare questo articolo con il solito “Once upon a time..”, ma la storia che andiamo a narrarvi ha radici ben più complesse e diramate, che difficilmente potremmo racchiudere in qualche breve paragrafo. Fatto sta che in questo caso, nella pellicola diretta da Christophe Gans (Patto dei Lupi, Silent Hill), abbiamo avuto modo di rivivere un classico della letteratura francese, conosciuto ai più per il capolavoro Disney del 1991 titolato “La Bella e la Bestia”.
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 5
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 2
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 3
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 16
A differenza del lungometraggio d'animazione, la storia rivista del regista francese cerca di seguire più fedelmente la canonica fiaba letta nei libri, amalgamando elementi presi dalle versioni di Beaumont e Villeneuve. La trama, infatti, vede un ricco mercante caduto in disgrazia a seguito del naufragio delle sue navi, costretto dagli eventi ad abbandonare il lusso della propria villa per trasferirsi in una catapecchia abbandonata in campagna, con a seguito i suoi sei figli. Durante un viaggio intrapreso dal mercante alla falsa notizia di aver recuperato parte dei suoi averi, il medesimo si trova perso nel bosco e scopre un castello abbandonato pieno dei più magnifici tesori. Quando il mercante, caricati i bauli colmi di gioielli, tenta di rubare una rosa dal giardino della Bestia (Vincent Cassel), quest'ultimo lo aggredisce e lo condanna a tornare per pagare il pegno di un gesto tanto nefasto. Sarà la stessa Belle (Léa Seydoux), dopo aver ascoltato la terribile storia del padre, a decidere di prendere il suo posto e raggiungere il castello, scoprendo però di entrare a far parte di una serie di eventi molto più grandi di lei. Il finale lo conoscete già, ma è il “mezzo” che a noi proprio non è andato giù.

Sono infatti una serie di elementi che impediscono alla storia di Gans di poter ottenere credibilità, anche potendo contare comunque su due attori dal fascino, e bravura, non indifferenti. Lo spettacolo per gli occhi fa il suo dovere, è inutile negarlo, e grazie a una serie di ambientazioni ricche di particolari molto gustosi, riesce a regalare degli ottimi effetti speciali che aggiungono quel tocco di “fantasia” allo screenplay proposto. Persino i costumi, sfarzosi e ricorrenti per il periodo storico di appartenenza, e le scenografie donano quel giusto pathos visivo che la favola richiede, cascando però sul banale in alcune scene che avremmo fatto a meno di vedere (e che ci hanno fatto rimpiangere non poco il capolavoro della Disney).
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 4
Piccoli animali di passaggio dalla dubbia utilità, statue giganti pronte a far strage di ladri ghiotti di tesori, scene flashback un po' troppo forzate, insomma, ci siamo trovati davanti degli elementi in pieno stile blockbuster hollywoodiano, penosi almeno quanto l'inespressiva Biancaneve versione Twilight ed il suo compagno Thor versione cacciatore. La favola fine a se stessa, che chiaramente deve vedere il sentimento vincere sugli eventi avversi, si trasforma in una Bestia purtroppo inespressiva con il suo make-up computerizzato ed una Bella sì, estremamente affascinante, ma anch'essa priva di quell'energia in grado di far redimere una bestia logorata dall'odio e dalla convinzione che nessuna mortale sarebbe stata in grado di amarlo.

Sono queste fasi importanti a mancare nella pellicola, togliendo quindi le basi ad un prodotto che non può prendere il volo e scrivere il suo nome con dignità sui nostri scaffali cinematici. La colonna sonora tenta di fare il suo, le musiche di Pierre Adenot sono estremamente piacevoli da ascoltare e si accostano con perfetto pathos agli eventi narrati come anche il doppiaggio di Roberto Pedicini (affiliato a Cassel in molte pellicole), che in lingua nostrana tenta di salvare il salvabile con un ottima intepretazione.
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 9
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 11
La Bella e La Bestia (2014) - Immagine 15
Cos'altro dire. Questa Bestia non è riuscita a salvare il panorama dei remake dedicati alle fiabe più note, allineandosi perfettamente ad uno stile sciapo e privo della magia necessaria a far rivivere capolavori letterari sul grande schermo.

Lasciatevelo dire, la Bella e la Bestia francese proposta da Gans non riesce a tenere testa al capolavoro della Walt Disney, scrivendo una storia banale e regalando uno spettacolo piacevole solo alla vista, che non vale il prezzo del biglietto pieno al cinema.

La Bella e La Bestia (2014)

La Bella e La Bestia (2014) Cover
  • Titolo Originale: La belle & la bête
  • Regia: Christophe Gans
  • Produzione: Eskwad, Pathé, Studio Babelsberg
  • Nazionalità: Francia
  • Distributore: Notorious Pictures
  • Sceneggiatura: Christophe Gans
  • Genere: Sentimentale, Fantasy
  • Durata: 110 min.
  • Sito ufficiale
  • Data di uscita: 27 febbraio 2014
  • Cast: Vincent Cassel, Léa Seydoux, André Dussollier, Eduardo Noriega, Myriam Charleins, Sara Giraudeau, Audrey Lamy, Jonathan Demurger, Yvonne Catterfeld
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
I morti non muoiono
I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto

Pets 2 - Vita da Animali
Pets 2 - Vita da Animali

Tornano i nostri animali domestici preferiti!

X-men: Dark Phoenix

2

X-men: Dark Phoenix

Il canto della Fenice

Arrivederci Professore
Arrivederci Professore

L'attimo fuggente di Johnny Depp

Una mostra per Stanley

1

Una mostra per Stanley

Tutto il genio di Kubrick esposto alla Stanley Kubrick - The Exhibition