Recensione La Befana vien di notte

Una Cortellesi a mezzo servizio nel nuovo film di Michele Soavi
Luca Gambino Di Luca Gambino(31 dicembre 2018)

Paola è, all’apparenza, una ragazza come tante altre. Ama gli alunni della scuola elementare dove insegna, odia i bulli ed è adorata dal suo compagno che vuole sposarla a tutti i costi. Paola nasconde però un grande segreto: da mezzanotte alle sei del mattino si trasforma nella befana e lavora tutto l’anno per farsi trovare pronta al fatidico appuntamento del 6 gennaio, quando dovrà dispensare doni e carbone ai bambini. Quello di Paola (Paola Cortellesi) è un segreto che riesce a custodire da ben 500 anni, ma in un periodo storico dove cellulari e telecamere sono all’ordine del giorno, qualcosa sfugge al suo controllo, e presto si trova vittima di Mr. Johnny, il proprietario di una nota fabbrica di giocattoli, che la rapisce per prenderne il posto e diventare l’indiscusso idolo della infanzia 2.0.

Anche se la pellicola è palesemente pensata per il pubblico più giovane, Soavi lancia un paio di stoccate importanti ad una modernità che vorrebbe mettere in secondo piano tradizioni e usanze che sopravvivono da secoli ed ecco quindi che la lotta tra Mr. Johnny e la Befana diventa la rappresentazione di uno scontro che vede proprio i bambini come vittime sacrificali di una industria che non si pone scrupoli a voler plagiare le loro giovani menti con materiali tossici, capaci di dare loro “dipendenza” (forse un rimando all’elettronica ormai sempre più ipnotizzante?). E ovviamente sono i bambini i veri protagonisti del film, dal momento che tutta la parte centrale della pellicola è dedicata alla loro azione di salvataggio della maestra/befana. Un’azione che prende a piene mani da prodotti “corali” dedicati al mondo dell’infanzia, da Stand By Me a Stranger Things, dove un gruppo eterogeneo e multietnico di giovanissimi unisce le proprie forze per il bene comune e per il raggiungimento del fine ultimo.

La Befana vien di notte - Immagine 1

I riferimenti di cui sopra sono solo accennati, intendiamoci, perché se la serie Netflix e il capolavoro di Reiner sono prodotti pensati e realizzati per un pubblico adulto, lo stesso non si può dire per il lavoro di Soavi, che resta invece un prodotto che ha i giovanissimi come riferimento, giocando quindi sulla semplicità d’azione e di linguaggio. E da quel punto di vista, il film funziona ma sembra rimanere un po' indeciso sulla parte più comica e leggera della pellicola, che non consente alla verve comica della Cortellesi di emergere relegando le battute più riuscite di tutto il film a quelle che abbiamo visto nei trailer di presentazione. Soavi si dimostra invece perfettamente a proprio agio nella gestione delle scene ricche di effetti speciali e il film dispensa a piene mani sequenze dove la Cortellesi/befana sfreccia sulle splendide montagne dell’Alto Adige a cavallo della sua centenaria scopa. L’estrazione horror del regista milanese emerge in particolare nella scena dove i piccoli protagonisti vengono buttati in un compattatore (ricordando la celebre sequenza di Guerre Stellari), dove forse si lascia prendere un po' troppo la mano indugiando sui poveri ragazzini “pressati” in modo forse un po' troppo realistico.

La Befana vien di notte
La Befana vien di notte - Immagine 213867
La Befana vien di notte - Immagine 213866
La Befana vien di notte - Immagine 213865
La Befana vien di notte - Immagine 213864
La Befana vien di notte - Immagine 213863
La Befana vien di notte - Immagine 213862
La Befana vien di notte - Immagine 213861
La Befana vien di notte - Immagine 213860
La Befana vien di notte - Immagine 213859
La Befana vien di notte - Immagine 213858

La befana vien di notte è un onesto film di intrattenimento dedicato al pubblico più giovane e propone un’avventura corale che ha proprio nei bambini i protagonisti assoluti della pellicola. Peccato per non aver esaltato maggiormente le doti comiche della Cortellesi, che non sfrutta al massimo la sua innata dote nel creare quel clima di sano umorismo che sarebbe davvero servito.

La Befana vien di notte

La Befana vien di notte Cover
  • Regia: Michele Soavi
  • Produzione: Rai Cinema, Lucky Red
  • Nazionalità: Italia
  • Distributore: Lucky Red, Universal Pictures
  • Sceneggiatura: Nicola Guaglianone
  • Genere: Commedia
  • Durata: 98 min.
  • Data di uscita: 27 dicembre 2018
  • Cast: Paola Cortellesi, Stefano Fresi, Fausto Sciarappa, Diego Delpiano, Odette Adado, Jasper Gonzales Cabal, Robert Ganea, Cloe Romagnoli, Francesco Mura, Giovanni Calcagno, Luca Avagliano
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono
I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto

Pets 2 - Vita da Animali
Pets 2 - Vita da Animali

Tornano i nostri animali domestici preferiti!

X-men: Dark Phoenix

2

X-men: Dark Phoenix

Il canto della Fenice

Arrivederci Professore
Arrivederci Professore

L'attimo fuggente di Johnny Depp