Recensione La Ballata di Buster Scruggs

Il grande cinema che non passa dal cinema
Livio Ricciardelli Di Livio Ricciardelli(23 gennaio 2019)

Il rapporto tra i fratelli Coen ed il genere western è sempre stato caratterizzato da un misto di odio e amore. Per quello che ha rappresentato per decenni (assieme al musical) la quintessenza del cinema americano, i due fratelli hanno sempre provato una profonda ammirazione. Tanto da realizzare, nel corso degli anni, pellicole in grado di ricalcare (intelligentemente) il western in una chiave moderna, senza compiacersi nella rievocazione storica di un genere che per forza di cose non sarà mai più quello dei tempi di John Ford e John Wayne.

"Fargo" e "Non è un paese per vecchi" possono essere infatti considerati dei western moderni (seppur contaminati), mentre "Il grinta" del 2011 risultava essere l'unico vero tentativo del duo di realizzare una rievocazione storica del mito dei cowboy ancor più veritiera (e sopratutto non parodistica) dell'analoga pellicola diretta da Henry Hathaway e che valse il Premio Oscar a John Wayne nel 1970.

Ed è con questo stesso spirito di rievocazione (ma anche di sperimentazione, considerato il mezzo Netlix) che i due fratelli Premi Oscar hanno realizzato questo film a episodi chiamato "La ballata di Buster Scruggs". Inizialmente il progetto prevedeva una serialità televisiva, sempre per la piattaforma Netflix, ma col tempo i Coen hanno accantonato il progetto, preferendo abbozzarlo attraverso un film diviso per capitoli. Il risultato del film, curiosamente, ci mostra i motivi lampanti per cui il progetto di una serie sul mondo western sia stata abbandonata dai due autori. 

Il primo episodio da' il nome al film stesso, e rappresenta una versione ironica di alcuni canovacci del genere: il cowboy infallibile con la pistola, il nemico burbero, i duelli all'ultimo secondo e i saloon. Sembra ricalcare per certi versi l'episodio di Pecos Bill nel disneyano "Lo scrigno delle sette perle" del 1948, e caratterizza inevitabilmente tutti gli altri frammenti di un film che fa del suo non essere omogeneo la sua cifra stilistica. Col secondo frammento ("Near Algodones") avente come protagonista James Franco, invece si cambia leggermente tono, con un un'esposizione voluta di stereotipi western ma con quel sapore beffardo e amaro che ha sempre caratterizzato la filmografia dei Coen.

La Ballata di Buster Scruggs - Immagine 1

E' però solo dal terzo episodio ("Meal Ticket") che capiamo la vera portata di un lavoro complesso e dalla aspirazioni variegate: Liam Neeson infatti ci porta in un mondo fatto di spettacoli viaggianti, carovane ed in cui pur di ottenere qualche dollaro si fa sfoggio della debolezza e della mutilazione umana come arma di "conservatorismo compassionevole", per dirla alla Marvin Olasky. Da questo momento in poi si passa all'introspettivo, con "All Gold Canyon" e con Tom Waits (che non canta mai) protagonista di una solitaria e ponderata caccia all'oro. "The gal who got rattled" con Zoe Kazan è invece quello più in linea con le rievocazioni western più recenti (come "Balla coi lupi" del 1990) e parla di una carovana, di uomini, donne e ovviamente religione. A suo modo, il vero film nei film.

Infine l'ultimo episodio "The mortal remains" mantenendosi su un impianto sostanzialmente teatrale omaggia sia lo spirito della "Stagecoach" fordiana in mezzo agli indiani (i protagonisti discutono dentro una carovana durante un viaggio, dando vita ad uno spaccato della società americana) sia il racconto gotico di Poe e con tutta la filmografia orrorifica e fantastica che ne consegue (Mario Bava in primis, ma anche la "Danza macabra" di Antonio Margheriti, che ha al suo interno proprio il personaggio di Edgar Allan Poe). Uscendone con riflessioni filosofiche e con locande che sembrano in realtà porte per l'inferno. E stupidi noi a non essercene accorti prima. 

Nel suo essere variegato e composto da diverse sensibilità, si coglie l'immensa carica di difficoltà dell'opera. Una serialità è qualcosa di impegnativo (sopratutto se diretta e non soltanto prodotta dai Coen) e i due avrebbero presumibilmente dovuto abdicare alla loro vocazione di cineasti puri per dedicarsi ad una sorta di affresco del genere western, in cui convivono sia gli indiani sia i fantasmi. Probabilmente la realizzazione di quest'opera avrebbe dunque compromesso seriamente gli altri lavori cinematografici e da sala del duo, che dunque si divertono (pur con un film dalla durata di oltre due ore) a rievocare in parte il cinema che fu, in parte, il proprio tocco autoriale sul genere americano per eccellenza.

La Ballata di Buster Scruggs - Immagine 5

 

Senz'altro dunque "La ballata di Buster Scruggs" appare come un prodotto ibrido, anomalo, impossibile da collocare nella carriera dei due registi secondo l'approccio della politica degli autori.  E più che i cowboy canterini, ci lascia qualcos'altro in dote: l'intuizione di realizzare dei frammenti di un film mai nato. La cronaca di un esperimento, in nome della nostalgia di un kolossal che (forse) non vedremo mai.  

La Ballata di Buster Scruggs

La Ballata di Buster Scruggs Cover
  • Titolo Originale: The Ballad of Buster Scruggs
  • Regia: Joel Coen, Ethan Coen
  • Produzione: Mike Zoss Productions, Annapurna Television
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Netflix
  • Sceneggiatura: Joel Coen, Ethan Coen
  • Genere: Western
  • Durata: 132 min.
  • Data di uscita: 16 novembre 2018
  • Cast: Tyne Daly, James Franco, Brendan Gleeson, Bill Heck, Grainger Hines, Zoe Kazan, Harry Melling, Liam Neeson, Tim Blake Nelson, Jonjo O'Neill, Chelcie Ross, Saul Rubinek, Tom Waits, Jefferson Mays, Willie Watson, Stephen Root
Empire
Future Man
Future Man

Viaggi nel tempo e fantascienza in una serie tv che non si prende sul serio e gioca con le citazioni pop

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 8x01

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Le fan theories più assurde e... probabili sul finale di una grande serie

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

L'ottava ed ultima stagione è ormai alle porte

Ultraman

2

Ultraman

Il ritorno del gigante di luce, ma meno gigante del solito

Empire
La caduta dell'impero americano
La caduta dell'impero americano

Può un regista ultrasettantenne girare un film come se fosse un trentenne? Se ti chiami Denys Arcand, sì.

La Llorona - Le lacrime del male
La Llorona - Le lacrime del male

L'universo di The Conjuring aggiunge un nuovo tassello al mosaico

Ma cosa ci dice il cervello
Ma cosa ci dice il cervello

Paola Cortellesi si fa in quindici!

Cafarnao - Caos e miracoli
Cafarnao - Caos e miracoli

Dall'inferno libanese agli Oscar 2019

Unicorn Store

1

Unicorn Store

Non è tutto oro quel che luccica