Recensione L'uomo dal cuore di ferro

Due film in uno per raccontare la storia di uno dei più spietati gerarchi nazisti
Carlo Mansoni Di Carlo Mansoni(17 gennaio 2019)

Dopo diverso tempo dalla release straniera, il 24 gennaio arriverà nelle sale nostrane l’adattamento cinematografico di un interessantissimo libro scritto da Laurent Binet  intitolato HHhH, ma conosciuto dai più come The Man with the Iron Heart.

Il libro parla dell’Operazione militare Anthropoid, missione che portò all’uccisione del gerarca nazista Reinhard Heydrich, durante l’occupazione della Cecoslovacchia nella Seconda Guerra Mondiale. A compiere questo eroico gesto furono Jozef Gabcik e Jan Kubis due paracadutisti inviati in segreto dall’arma Cecoslovacca (in cooperazione con l’intelligence britannica) a Praga, per uccidere colui che ancora oggi è riconosciuto come uno dei gerarchi più spietati - se non il più spietato - dell’intero Terzo Reich. Assassinato all’apice dell’espansione nazista nel 1942, Heydrich è ricordato per essere stato il più alto in comando ad essere ucciso all’interno di un’operazione concordata dagli alleati. La sua uccisione portò persino ad una rappresaglia nei confronti della popolazione cecoslovacca, con l’uccisione di ben 5.000 mila persone e all’arresto di 13,000 sospettati.

DUE FILM IN UNO

Diretto da Cédric Jimenez, il film è in realtà il secondo lungometraggio che parla di questa missione nell’arco di pochi anni. In questo adattamento però, il cineasta francese trova un guizzo registico in grado di far guadagnare immenso valore alla pellicola, trasformandola in qualcosa di unico,per il cinema di genere.

Ci troviamo davanti infatti a due film. Nella prima parte (circa un’ora) si racconta la controversa ascesa al potere di Heydrich (perfettamente interpretato da Jason Clarke). Una scelta molto forte, con la bellezza di quasi un’ora di film in cui si vedono praticamente solamente nazisti su schermo (e ve lo assicuriamo, per il cinema di guerra non è una banalità). Sebbene la storia sia raccontata da una sceneggiatura che viaggia a ritmi un po’ elevati, omettendo qualche particolare rilevante, nel complesso il racconto è storicamente accurato e cono un montaggio del regista tutt’altro che banale (specialmente nelle prime battute di apertura della pellicola).

L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 2

Superata la prima ora, che agli degli spettatori risulterà quasi come una sorta di documentario recitato sul capo delle SS e detentore del potere il Cecoslovacchia, il film muta pelle, e nel secondo atto ci troviamo davanti ad un action thriller dal ritmo piuttosto serrato, con delle scene d’azione splendidamente coreografate e con la mano del regista che non solo è assolutamente valida, ma riesce anche a regalare momenti carichi di pathos e tensione, costruendo bene il momento che porta all’attentato.

Jack O’Connell e Jack Reynor interpretano i due paracadutisti incaricati di assassinare Heydrich. Sebbene i loro personaggi non godano di particolare spessore - colpa anche qui di una sceneggiatura che in alcuni momenti è probabilmente il vero punto debole della pellicola -, la figura dei due paracadutisti è valorizzata dalla stessa regia, e da una serie di situazioni davvero apprezzabili e cinematograficamente parlando ben confezionate.

A conti fatti ci troviamo davanti ad un film assolutamente godibile, che non viaggia solo a due differenti velocità, ma che addirittura sembra quasi offrire una sorta di doppia esperienza allo spettatore. La mano di Jimenez è importante, e dopo essersi messo in luce con il suo precedente The Connection, con l’Uomo dal Cuore di Ferro conferma un vero e proprio talento dietro la macchina da presa; sentiremo sicuramente parlare di lui nei prossimi anni.

Accuratezza storica, buone scene d’azione e un cast impressionante che, oltre a quelli già citati, conta anche la presenza di Rosamund Pike, Stephen Graham e Mia Wasikowska. Il nostro consiglio è quello di dargli una chance, difficilmente infatti troverete nei prossimi mesi un prodotto cinematografico confezionato in questo modo.

L'uomo dal cuore di ferro
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214142
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214141
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214140
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214139
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214138
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214137
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214136
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214135
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214134
L'uomo dal cuore di ferro - Immagine 214133

L’Uomo dal Cuore di Ferro è un film di guerra che rompe in parte gli schemi del genere, offrendo due esperienze cinematografiche in una. La prima parte, quasi documentaristica, si contrappone ad un secondo atto in cui l’azione prende il sopravvento. Nel complesso, e al netto di qualche sbavatura di sceneggiatura, il film è un esperimento per noi riuscito, che merita di essere visto.

L'uomo dal cuore di ferro

L'uomo dal cuore di ferro Cover
  • Titolo Originale: HHhH
  • Regia: Cédric Jimenez
  • Produzione: Cutting Edge Group, Légende Films, Nexus Factory
  • Nazionalità: Francia
  • Distributore: Videa
  • Sceneggiatura: Cédric Jimenez, Audrey Diwan, David Farr
  • Genere: Azione, Biografico, Thriller, Guerra
  • Durata: 120 min.
  • Data di uscita: 24 gennaio 2019
  • Cast: Jason Clarke, Rosamund Pike, Jack O'Connell, Jack Reynor, Thomas M. Wright, Mia Wasikowska, Stephen Graham, Enzo Cilenti, Geoff Bell
Empire
Future Man

1

Future Man

Viaggi nel tempo e fantascienza in una serie tv che non si prende sul serio e gioca con le citazioni pop

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 8x01

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Le fan theories più assurde e... probabili sul finale di una grande serie

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

L'ottava ed ultima stagione è ormai alle porte

Ultraman

2

Ultraman

Il ritorno del gigante di luce, ma meno gigante del solito

Empire
The Silence
The Silence

Un cast d'eccezione ma poca sostanza per il nuovo horror targato Netflix

Star Wars Episodio IX

9

Star Wars Episodio IX

Analizziamo il trailer e scopriamo qualche teoria.

Avengers Endgame

1

Avengers Endgame

Le differenze tra l'avventura cartacea e il film

Men in Black International

1

Men in Black International

Fantascienza che sa far ridere!

La caduta dell'impero americano
La caduta dell'impero americano

Può un regista ultrasettantenne girare un film come se fosse un trentenne? Se ti chiami Denys Arcand, sì.