Recensione L'isola dei Cani

Un rapporto semplice, raccontato con amore.
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(27 febbraio 2018)

Isle of Dog ha aperto quest’anno la Berlinale 68 (vincendo tra l’altro l’orso d’argento per la regia), uno dei festival di cinema più importanti al mondo. Una scelta coraggiosa, se così vogliamo vederla, perché si tratta di un lungometraggio in stop motion, che racconta il rapporto tra uomo e cane, tornato di modo dopo film come Pets o Frankenweenie.

Un rapporto speciale

Wes Anderson, tra tutti i cineasti contemporanei, è probabilmente quello che più di ogni altro porta all’interno dei suoi film un vero e proprio marchio di fabbrica. Uno stile riconoscibilissimo, che demarca una linea netta tra gli spettatori che lo amano e quelli che invece non riescono ad apprezzare uno stile a metà tra il naïf e l’anticonformista.

E a ben guardare, il ritorno allo stop motion dopo quel piccolo gioiello di Fantastic Mr.Fox è una sorta di manifesto che lo stesso Anderson regala al suo modo di fare cinema. La possibilità di lavorare su modelli di fantasia ha permesso al regista del Texas di accentuare ulteriormente quella sorta di surrealismo tipico del suo modo di intendere la settima Arte con situazioni che, il più delle volte, offrono allo spettatore l’esatto contrario di quello che sarebbe legittimo aspettarsi.

La storia, ambientata nel 2037, è quella di Atari Kobayashi un ragazzo che ha perso i genitori e che vive all’interno di una prefettura del Giappone, in cui una legge ha costretto i cani a vivere emarginati sull’isola dei rifiuti, tacciati di essere portatori di una pericolosa malattia chiamata “Influenza canina”. Il nostro protagonista si avventurerà sull’isola alla ricerca del suo cane Spots e dove farà la conoscenza di un gruppo di cani parlanti che lo aiuteranno a trovare il quadrupede amico.

Una storia tanto semplice quanto ardita nel modo in cui viene raccontata. Isle of Dog “gioca” sul più semplice dei sentimenti: l’amore che un cane prova nei confronti del suo padrone. Attorno a questo concetto Anderson costruisce un film che osa sotto tutti gli aspetti possibili ed immaginali: dalle inquadrature, al sonoro, sino alla recitazione corporea e parlata.

Lo stop-motion sembra a tratti il territorio che più di ogni altro da' al regista la possibilità di sperimentare tutto quello che gli passa per la testa, passando da una comicità quasi da cartone per bambini, sfruttando però una mimica minimalista e quasi monocorde.

L'isola dei Cani - Immagine 1

Diciamo quasi, perché dietro a quella scorza apparentemente piatta fatta di posture rigide, movimenti minimali e dialoghi secchi, c’è in realtà la comunicazione di sentimenti veri, genuini, lontani da qualsivoglia banalità, a partire dal modo in cui i cani sono rappresentati: denutriti, spelacchiati e palesemente malati.Non c'è ostentazione, ma al contrario, la volontà di raccontare una storia attraverso la semplicità che può spiazzare.

Ed è proprio in questo ultimo punto che sta la forza de L’isola dei Cani, nel suo essere genuinamente imprevedibile, e di arrivare - senza neanche accorgersene - dritto al cuore. Ci sentiremo tutti un po’ Atari Kobayashi e insieme a lui, ci avventureremo all’interno di una avventura che rende onore al modo di fare cinema di Anderson. Il tutto è ovviamente accompagnato da una scelta cromatica precisa e costante, da una colonna sonora in pieno stile giapponese e da un cast ricchissimo, che può contare sulle voci di Brian Cranston, Scarlett Johansson, Edward Norton, Frances McDorman, Jeff Goldblum e ovviamente l’immancabile Bill Murray (che ha ritirato il premio per Anderson a Berlino).

L'isola dei Cani - Immagine 2

Semplice, diretto, ma per nulla banale nel suo modo di raccontare il rapporto uomo-cane. L'isola dei Cani è l'ulteriore dimostrazione, se non una delle più forti, del modo che ha Anderson di fare cinema. Uno stile che sfrutta molto il minimalismo per spiazzare uno spezzatore che non sa mai cosa aspettarsi; ed è in questo film che il regista accentua il tutto, portandolo ad uno stadio di imprevedibilità tanto elevato quanto piacevole ed intensamente genuino. Andate a vederlo, non ve ne pentirete.

L'isola dei Cani

L'isola dei Cani Cover
  • Titolo Originale: Isle of Dogs
  • Regia: Wes Anderson
  • Produzione: Fox Searchlight Pictures
  • Nazionalità: Stati Uniti
  • Distributore: 20th Century Fox
  • Sceneggiatura: Wes Anderson
  • Genere: Commedia
  • Durata: 104 min.
  • Data di uscita: 17 maggio 2018
  • Cast: Frances McDormand, Liev Schreiber, Bryan Cranston, Edward Norton, Scarlett Johansson, Bill Murray, Tilda Swinton, Jeff Goldblum
Empire
Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
Maria Regina di Scozia
Maria Regina di Scozia

Una regista femminile rivisita la storica rivalità tra due regine

L'uomo dal cuore di ferro
L'uomo dal cuore di ferro

Due film in uno per raccontare la storia di uno dei più spietati gerarchi nazisti

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...