Tiscali

Recensione Io, Leonardo

Un viaggio guidato all'interno delle menti più geniali dell'umanità
Aida Picone Di Aida Picone(19 settembre 2019)

Quello che Jesus Garces Lambert, regista del film, ci propone in sala dal 2 ottobre è un viaggio onirico nella mente di Leonardo da Vinci. Un genio che è stato in grado di intrappolare, nei suoi scritti, il divino e la scienza, l’arte e la sperimentazione. Delineando un modo nuovo per poter guardare quella personalità che tutti conoscono, ma che in pochi approfondiscono.

“Io, Leonardo” è un docu-film che ripercorre, con una grande teatralità, i punti salienti della vita di questo grande artista partendo proprio dalle sue stesse parole. Le parole che Luca Argentero recita durante tutto il film sono tratte dal “Trattato della pittura” che lo steso Leonardo scrisse; una sorta di diario contenente le sue opere, i suoi esperimenti, e in un certo qual modo la sua personalità. Proprio quest’ultima da anima all’intera narrazione, riuscendo a creare un film che ha un unico ambiente quello della “camera mentale” del genio. Un’intera stanza, quindi, sarà la scenografia portante del tutto il film. Imperturbabile nei momenti più sereni della vita dell’artista, decadente e inospitale nei tratti più ostili della sua biografia; seguendo quello stesso processo creativo che è rintracciabile nelle sue stesse opere. Una stanza che si adatta al cambiare del tempo, o dei mecenati, ma che continua a serbare l’immutabile aspetto di Leonardo rendendo palese come il flusso della sua coscienza restasse fedele a se stesso, nonostante tutti intorno a lui mutano con il passare del tempo.

Quello che si assapora sullo schermo non sono altro che le esperienze che si celano, storicamente, dietro le più grandi opere di tutti i tempi. Viene così mostrata la sua innata curiosità, la sua voglia di sapere o di sperimentare, la cultura che nasce dal duro e sapiente lavoro celato nella ricerca del dettaglio. Il tutto viene sapientemente narrato da Francesco Pannofino che non racconta semplicemente la scena o descrive i quadri, al contrario essa diventa la coscienza di Leonardo e muovendosi nella sua mente lo “accusa”, lo “interroga”, rivolgendosi direttamente a lui come solo un grillo parlante potrebbe fare.

Io, Leonardo - Immagine 8

L’organicità della pellicola viene data da un’ibridazione presente nella tecnica e nelle riprese: l’arte rinascimentale, così, si unisce a quella digitale; le riprese di un mondo onirico, si intrecciano a quelle tangibili dei luoghi da Leonardo vissuti, ma mostrati ai giorni nostri. Se, infatti, da una parte abbiamo il disegno, la pittura, il carboncino, gli oli e la sanguigna; dall’altra quella camera mentale si apre grazie all’utilizzo delle più moderne tecnologie riuscendo così a integrare proiezioni digitali al ricordo dei dipinti che tutti conosciamo. La carta e la pittura prendono vita anche grazie alla scelta del cast davvero somigliante ai soggetti immortalati in eterno. La fotografia, con i suoi colori e i suoi contrasti tra luce e ombre, riesce a trasportare lo spettatore all’interno di questo viaggio; lo stesso Lambert ha affermato che nella creazione dei toni e dei colori delle scene hanno cercato di seguire le stesse direttive che Leonardo aveva tralasciato sia nei suoi scritti che nelle sue stesse opere.

Unica nota dolente è la recitazione degli attori in scena. Forse per le battute o per il modo con cui vengono posti gli accenti nel pronunciarle, fanno in modo che essi appaiano fuori contesto non rendendosi credibili nelle vesti che portano. Plauso va, però, fatto alla sartoria in quanto sono riusciti a ricavare dai quadri dell'artista dei costumi che sono visivamente evocativi e potenti. 

Io, Leonardo
Io, Leonardo - Immagine 220964
Io, Leonardo - Immagine 220963
Io, Leonardo - Immagine 220962
Io, Leonardo - Immagine 220961
Io, Leonardo - Immagine 220960
Io, Leonardo - Immagine 220959
Io, Leonardo - Immagine 220958
Io, Leonardo - Immagine 220957
Io, Leonardo - Immagine 220956
Io, Leonardo - Immagine 220955

“Io, Leonardo” è molto didascalico, ma è sicuramente un tentativo da apprezzare. Navigare e muoversi all’interno di una delle menti più geniali esistite è davvero complicato. La posta in gioco è alta perché è necessario rendere giustizia ai suoi scritti, alle sue opere, o alla memoria che la collettiva conserva. Ma Lambert ha dimostrato la dovuta attenzione a questa personalità eclettica, umanizzando il mito e rendendolo accessibile.

Io, Leonardo

Io, Leonardo Cover
  • Regia: Jesus Garces Lambert
  • Produzione: Sky
  • Nazionalità: Italia
  • Distributore: Lucky Red
  • Sceneggiatura: Sara Mosetti, Marcello Olivieri
  • Genere: Biografico
  • Data di uscita: 26 settembre 2019
  • Cast: Luca Argentero, Angela Fontana, Massimo De Lorenzo, Francesco Pannofino
Empire
Euphoria

3

Euphoria

L'erede di Skins approda su Sky

The Politician

3

The Politician

Nascono nelle scuole di oggi i Presidenti di domani

Dentro la mente di Bill Gates
Dentro la mente di Bill Gates

L'inedita figura di un autentico genio dei giorni nostri

The I-Land

4

The I-Land

L'isola di Netflix fatta di citazioni e... delusione

The Hot Zone
The Hot Zone

Sarà un virus a spazzare via l'umanità?

Empire
Maleficent: Signora del Male
Maleficent: Signora del Male

Tremate, la strega è tornata!

Le Mans '66 - La Grande Sfida
Le Mans '66 - La Grande Sfida

James Mangold ci porta nell'adrenalinico mondo delle corse anni '60

Tuttaposto
Tuttaposto

Dal piccolo al grande schermo,

Non succede ma se succede
Non succede ma se succede

Quando la politica riesce a non prendersi troppo sul serio

Gemini Man
Gemini Man

Smith Vs Smith