Recensione Hogs of War

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (10 agosto 2000)
Il genere degli strategici, dall'ormai remotissima uscita di Dune 2 della Westwood, è stato probabilmente uno dei più prolifici in assoluto, tanto che ogni singolo tipo di guerra immaginabile (o inimmaginabile). Tralasciando i titoli troppo seriosi e complessi (Western Front non lo vedrei benissimo, convertito su PlayStation), rimangono comunque diverse camionate di strategici più immediati che ci hanno visti alle prese con ambientazioni storiche, fantasy, fantascientifiche, cyberpunk.... ebbene, che ci crediate o no, la Infogrames è andata a coprire un campo che nessun'altra software house aveva mai preso in considerazione (chissà come mai...). Hogs of war, infatti, è in assoluto la primissima simulazione bellica che vede dei maiali come protagonisti (potrei pure sbagliarmi, chi lo sa ?): appurato questo, penso che sia abbastanza chiaro a tutti quale sia lo spirito che troverete nel gioco. Anche se, per quanto riguarda armamenti e situazioni, si rimane più o meno sul realistico, le situazioni che si verranno a creare e le occasionali frasi pronunciate in mezzo alla battaglia dai vostri "uomini" vi faranno ghignare non poco
Hogs of War - Immagine 1
Il campo di battaglia sembra già bello caldo...
Perché dei maiali dovrebbero scannarsi tra di loro? Non potrebbero aspettare di finire sotto la mannaia di un normale macellaio e terminare il proprio ciclo vitale in un panino? (mi perdonino i vegetariani...) Cosa li spinge ad andare in guerra? Logico, il possesso della sbobba che, come accade per la spezia in Dune (tra l'altro citato abbastanza chiaramente nella spassosa introduzione), è la sostanza che permette a una fazione di maiali di prevalere sulle altre
Ecco così che sei diverse fazioni decidono di entrare in possesso dell'Isola di Sbobba, situata ad ovest dell'arcipelago della Maialustralasia, nel Mare delle Aringhe (ma ditemi un po' voi se un serio redattore di Freegames deve ridursi a parlare di certe cose...). Detto arcipelago (ovviamente a forma di maiale) è composto da cinque diverse zone (Capo Porcello, Maiustralia, Struttoville, Lardopolis e Porcalandia) a loro volta suddivise in cinque sottosezioni, che andranno affrontate una a una per poter infine giungere alla tanto agognata isoletta (che non fa esattamente parte dell'arcipelago a forma di maiale di cui si parlava poco sopra, visto che si trova proprio dietro la "coda" del suddetto, e ha un'inquietante somiglianza con un... ehmm, forse è meglio evitare di entrare nei dettagli: compratevi il gioco e giudicate da soli)
0 commenti

Hogs of War

Disponibile per: PSOne , PC
Hogs of War PSOne Cover
Empire
Il Trono di Spade

4

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Catch 22
Catch 22

George Clooney ci mostra il paradosso della guerra

Empire
Assetto Corsa Competizione

1

Assetto Corsa Competizione

Manca ormai poco ad Assetto Corsa Competizione. L'abbiamo provato in anteprima ed ecco le nostre impressioni

Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!

A Plague Tale: Innocence

2

A Plague Tale: Innocence

Il viaggio della speranza di Amicia e Hugo

Licenza di giocare...da tavolo!

2

Licenza di giocare...da tavolo!

Scopriamo le licenze che sono "esplose" anche nel mondo Tabletop!

RAGE 2

19

RAGE 2

L'open world di cui non sentivamo il bisogno