Recensione Hexen 2: Portal of Praevus

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (18 febbraio 2000)
La nostra missione sarà quella di avventurarci nelle terre di Blackmarsh, per poi arrivare ad addentrarsi nelle gelide terre di Tulku, ed espugnare la fortezza di Praevus. Una trama degna di nota, che segue fedelmente i fatti della prima storia, e che riveste una grande importanza ai fini del gioco, difatti, se prima ci potremo muovere tra le ambientazioni medioevaleggianti ormai note di Blackmarsh, nella ben più ampia seconda parte ci muoveremo nelle terre orientaleggianti della misteriosa terra di Tulku, con chiari richiami all' Asia, dalle decorazioni, ai dipinti, alle iscrizioni, in un misto di culture indiane, buddiste e chi più ne ha più ne metta
Hexen 2: Portal of Praevus - Immagine 1
Mmm. non vi consiglio di trovarvi in questa situazione... brutta storia..
La costruzione dei mondi è di livello ancora superiore rispetto a Hexen II,semplicemente spettacolare per scorci e vedute, tra le migliori mai viste in uno shooter 3d. Per quanto riguarda l'interazione con i livelli, questa è rimasta immutata, ma lo schema di gioco si differenzia tra le due ambientazioni. La prima parte infatti ha un andamento quasi del tutto lineare, con fasi di esplorazione, che si susseguono, di livello in livello senza particolari  difficoltà, mentre la seconda parte risulta molto più ostica sia per il maggior numero di oggetti da reperire, che per la loro dislocazione, oltretutto nella seconda parte vi troverete più volte a ripercorrere gli stessi livelli per cercare un oggetto, resosi indispensabile per la continuazione del tragitto
Il problema della ricerca degli oggetti è che molto spesso si trovano nelle aree segrete, tramutate così da semplici zone bonus, a tappe fondamentali, senza le quali sarete bloccati e vi aggirerete per ore ed ore nei livelli ormaideserti. Personalmente non condivido la scelta dei programmatori, visto che probabilmente un occhio allenato, magari supportato da una scheda grafica 3dfx, può scorgere i minimi particolari per la ricerca dei segreti, ma dubito che un giocatore alle prime armi possa scorgere, magari con grafica 320 x 200 i numerosi segreti. In pratica, ci si riduce a spaccare ogni cosa possibile, per cercare passaggi e amuleti, dietro a mobili, dipinti e statue, cosa che alla lunga può diventare noiosa, ma indispensabile
0 commenti

Hexen 2: Portal of Praevus

Hexen 2: Portal of Praevus PC Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11