Recensione GTR Evolution

Tutto in un pacco: ecco cosa mancava a Race 07
Walter Paiano Di Walter Paiano(6 gennaio 2009)
Se dici Simbin dici anche e soprattutto simulazione di corse. La compagnia di sviluppatori svedesi si è fatta un nome grazie a tre titoli del calibro di Gtr, Gt Legends, Race e GTR 2.

Cura certosina nella realizzazione dei modelli, delle simulazioni, grande possibilità di scelta per quanto riguarda variabili fisiche e meccaniche che sempre vanno tenute in conto nelle gare automobilistiche sono essenzialmente gli elementi di un successo che acompagna i vari titoli realizzati dai Simbin nel corso degli anni.

Questo GTR Evolution non è a tutti gli effetti un gioco a sé stante, ma una sorta di espansione che non necessita tuttavia del gioco originale per poter funzionare. Una caratteristica particolare è che il gioco può anche essere installato usando Steam, la piattaforma di distribuzione online di videogames che assolve anche al compito di creare una community di giocatori sulla scia di Xbox Live: non fatelo. Steam rallenta l'avvio del gioco di almeno un paio di minuti ogni volta e senza alcun motivo apparente, rendendo di fatto impossibile accedere al gioco se è previsto scaricare dal server un aggiornamento apposito. Fortunatamente, è possibile installare il gioco offline e procedere senza problemi usando quest'altra opzione.
GTR Evolution - Immagine 1
GTR Evolution - Immagine 2
GTR Evolution - Immagine 3
Le licenze ufficiali sono l'asso nella manica della serie Gtr, e nemmeno qui si fa eccezione. Pesa moltissimo l'impossibilità di avviare una vera e propria carriera, tanto che per ogni evento dovremo sceglierci il tipo di competizione e quindi le vetture con le quali cimentarci e il nome del pilota da una rosa fornita a seconda della nostra prima selezione.
Il parco macchine è vastissimo, complice le licenze FIA : accanto alle tradizionali auto da corsa e alle supercar vi sono tutti i tipi di vetture monoposto da competizioni e perfino una categoria di Mini Cooper. Il grado di personalizzazione è nullo, dato che il colore dell'auto e, come già detto, il pilota, dipenderanno dalla scelta che faremo in materia di scuderia.

Tutto un altro discorso per le piste presenti, suddivise per anni (2007 e 2006) e tra le quali figurano alcuni circuiti leggendari (il Nordschleife di Nurburing, una maratona di 20.8 KM praticamente infinita) e altri decisamente più simpatici come i circuiti Nacional (meno curve, più piccoli) e quelli da percorrere in senso contrario per i più curiosi.

Gli eventi prevedono come da copione due sessioni di prova, una di qualifiche e due sessioni di gara, alcune delle quali possono essere saltate. In realtà lo scopo della presenza di due gare è quello di dare una seconda possibilità a chi magari si è giocato una gara per un testacoda all'ultima curva, in quanto i punti ottenuti nelle due gare (dati ai primi 8 classificati) vengono sommati tra loro per decretare il vincitore assoluto.
Le opzioni di realismo sono molti interessanti: si va dalla forza degli avversari, al loro numero e alla lunghezza della corsa, per poi entrare più nel linguaggio tecnico. Si può decidere di eliminare il peso handicap ( che penalizza con un peso supplementare i primi delle qualifiche ), il sistema antibloccaggio dei freni, e l'aiuto alla stabilità dell'auto, o darsi un piccolo vantaggio rimuovendo alcune regole di gara e relative penalità e la sensibilità ai danni, oltre alla scontata possibilità di scegliere tra cambio automatico e manuale o di usare ( opzione molto ricercata) “manualmente” la frizione.

GTR Evolution - Immagine 4
GTR Evolution - Immagine 6

|
Più opzioni si attivano, più completare un giro diviene una sfida alla Houdini, con la meccanica e la fisica aerodinamica che prendono il posto di catene e lucchetti da sciogliere: si sente prepotentemente la difficoltà di portare una vettura a trazione posteriore che tenderà naturalmente a sbandare, così come il peso di una curva presa male.
Il gioco non è avido di consigli ( e tra i più preziosi vi è certamente quello di tentare di portare avanti un modo di condurre la corsa in modo tranquillo, mollando l'acceleratore molto prima della curva e accelerando docilmente verso l'uscita) ma questo serve a ben poco senza un volante e senza tanta forza di volontà e tempo da impiegare per comprendere a fondo ogni aspetto della scienza automobilistica. Prendetela con filosofia: se riuscite a fare una gara senza nemmeno un testa coda la prossima volta che andate in giro in macchina saprete molte più cose sulla vettura e sulla strada. Altro che corse lungo la litoranea di Vice City, qua si fa sul serio.

L'impatto grafico non è dei più stupefacenti: solo alzando al massimo ogni dettaglio si può arrivare ad un livello soddisfacente, tenendo conto degli enormi passi in avanti compiuti dalla concorrenza in questo periodo e dall'ultra-realistico Gran Turismo 5. Anche il sistema dei danni lascia abbastanza a desiderare, e spesso le macchine si impantanano in inesistenti fosse ai lati del circuito, ma nel complesso, tenendo conto dell'elevato livello simulativo, non ci si può lamentare.

L'intelligenza artificiale dei nostri avversari, a seconda del livello di difficoltà che scegliamo, ci potrà dare moltissimo filo da torcere, con sorpassi nelle curve più veloci e tagli di traiettoria davvero infami. It's the race, baby, e la qualità si vede anche da questo.

Ciò non toglie che il pacchetto nel quale tutto viene a confluire è abbastanza ben organizzato, se non fosse che è per la maggior parte un accozzaglia di patch, aggiustamenti e elementi di gioco già realizzati in passato. Prendere GTR Evolution vuol dire anzitutto sapere che si sta acquistando un prodotto ricercato e raffinato, sebbene eliminando varie opzioni di personalizzazione possa quasi (quasi...) divenire un ottimo gioco di corse arcade. Vuol dire avere un volante, oppure avere molto tempo a disposizione e molta pazienza per trovare la migliore combinazione di tasti possibile (rinunciando però al gusto di tante opzioni particolarissime della serie, come la gestione diretta della frizione).

Segnaliamo in questa sede come il controller 360 per PC venga da subito riconosciuto (naturalmente se è quello che avete ricevuto con la console non potete usarlo per nessun gioco PC, ma questo è tipico di Microsoft...) e vi diamo un piccolo suggerimento: evitate Steam come la peste, se avete comprato il gioco “fisicamente” : è un metodo per farvi perdere preziosi minuti di gioco, e poco di più.
GTR Evolution - Immagine 7
GTR Evolution - Immagine 8
GTR Evolution - Immagine 9
8
Un bel pacco, con tante piste e tipi di campionato (ma senza una modalità carriera). Possibilità di settare molti aspetti (come l'uso della frizione manuale) e un certo margine di manovra per quanto riguarda la scelta della difficoltà. Peccato il sistema dei danni non sia all'altezza, e che in fin dei conti il gioco rimane appannaggio di una cerchia di esperti pirati della strada, possibilmente muniti di volante. E del tempo necessario a farsi tutti i 20.8 Km necessari per completare un giro del leggendario Nordschleife.
voto grafica7,5
voto sonoro8
voto gameplay8
voto durata8,5
0 commenti

GTR Evolution

GTR Evolution PC Cover
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Atari
  • Sviluppo: SimBin
  • Genere: Guida
  • PEGI: +12
  • Data di uscita: gennaio 2009
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11

MotoGP 19
MotoGP 19

Intelligenza artificiale su due ruote