Recensione Goool!

Il calcio balilla come strumento di amicizia e passione.
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(7 luglio 2014)
Il mondo dell'animazione ha toccato negli anni diversi temi, e ambientato storie nei luoghi -reali e non - più disparati. Uno dei settori che meno hanno influenzato questa branca del cinema è sicuramente quello sportivo. A colmare questa sorta di gap ci pensa Goool!, film del regista premio Oscar Juan José Campanella - Oscar nel 2010 con Il Segreto dei Suoi Occhi - ispirato alla poetica storia “Memorie di un'ala destra” scritta dal compianto Roberto Fontanarosa.
Goool! - Immagine 1

Il calcio come veicolo di rivalsa

La storia di Goool! ci racconta la vita di Amedeo, un ragazzino che sin dalla tenera età dimostra un carattere timido, impacciato e molto introverso. L'unico momento in cui si sente uguale, se non migliore degli altri, è quando le sue mani impugnano le manopole del biliardino. In quei frangenti Amedeo è un vero e proprio portento e l'adrenalina e l'abilità nel gioco, lo portano persino a fronteggiare e sconfiggere un bulletto di paese che lo perseguita da tempo.

Gli anni passano, ma anche da adulto Amedeo non evidenzia grossi miglioramenti sotto l'aspetto caratteriale. La sua timidezza lo porta persino a tenere nascosto il suo amore incondizionato nei confronti di Laura, sua amica sin dall'infanzia.
La vita del nostro protagonista subisce un grosso scossone nel momento in cui il bullo battuto ormai anni or sono, torna nel paese in cui è stato sconfitto da Amedeo, nonché teatro dell'unica sua sconfitta in vita. Quello che un tempo era un bulletto ora è un calciatore ricco, affermato e famoso che si fa chiamare “El Grosso”. Per levare l'unica macchina della sua vita - quella sconfitta con Amedeo che ancora brucia - El Grosso decide di comprare il paese per raderlo al suolo e costruirci sopra una stadio dedicato a se stesso.

Una situazione pericolosa per Amedeo e per l'intera popolazione del villaggio. Proprio per questo motivo, il ragazzino un tempo triste ed introverso dovrà trovare una forza sino a quel momento neanche immaginata, per sconfiggere ancora una volta quel bullo, che sembra non voler uscire dalla sua vita.

Ad aiutarlo ci saranno però degli “amici” inaspettati: gli “omini" della sua squadra preferita di calcio balilla (con la casacca color giallo/verde) che magicamente prenderanno vita per aiutarlo in questo arduo compito.
Goool! - Immagine 2
Goool! - Immagine 3
Goool! - Immagine 4
Dopo averci raccontato storie toccanti e dirette, l'eclettico Campanella sceglie la strada dell'animazione per trasmettere ad un pubblico decisamente più giovane, un messaggio ancora una volta genuino, sincero e lontano dai classici luoghi comuni.

Grazie all'animazione che ha raggiunto ormai vette di eccellenza, Goool! si mostra come una storia dinamica, divertente e con diversi passaggi in grado di strappare più di una risata, in particolare quando Capi, Beto e Loco - gli “omini” del calcio balilla - dall'alto della loro estrema assurdità (i riferimenti ai calciatori veri si sprecano, ma lasciamo a voi il piacere di scoprirlo) portano in scena gag e battute a raffica che scimmiottano i calciatori di oggi.

Sotto questa scorza leggera ed estremamente coinvolgente, si nasconde un messaggio che condanna un po' l'attuale mondo del calcio. Uno sport che pur raggiungendo miliardi di persone nel mondo, non sempre è in grado di regalare una visione positiva di se stesso. Colpa dei soldi? Delle persone? Di chi gestisce questo mondo? A Campanella tutta questa demagogia non interessa, scegliendo di puntare su sentimentalismi conosciuti, ma solidi, e perfettamente contestualizzati in questo lungometraggio animato.
Amicizia, amore, coraggio. Tutti elementi che ritroviamo come un constante leit motiv che ci accompagnerà per il resto della pellicola. Nonostante il film funzioni e riesca a bilanciare in maniera tutto sommato soddisfacente la parte più comica a quella più sentimentale, abbiamo notato come il film, nelle scene in cui mancano i piccoli e agitati giocatori di biliardino, perda un po in carisma e interesse. Inserire gli umani è stata una scelta sensata ed in grado di portare avanti la storia, ma se il regista avesse voluto osare di più avrebbe dovuto dare più minutaggio a Capi e soci.

Nonostante questo piccolo sbilanciamento, Goool! racconta una storia valida, divertente e - cosa fondamentale - in grado di intrattenere dall'inizio alla fine dei cento minuti di visione. Nonostante l'aspetto tecnico non tocchi le vette di eccellenza di Pixar, la mano del regista si fa sentire, con quest'ultimo che si è rivelato in grado di portare su schermo alcuni passaggi davvero spettacolari.
Goool! - Immagine 5
In definitiva quindi, Goool! è un prodotto che si può tranquillamente vedere e apprezzare anche se si è adulti, grazie a tutta una serie di citazioni e frecciatine che solo chi ha un certo numero di primavere alle spalle sarà in grado cogliere. Per tutti gli altri, si tratterà comunque di un film più che mai coinvolgente ed in grado di intrattenere, mostrando allo stesso tempo la sapiente bravura e conoscenza di Campanella.
Goool! prova a trasformare ll calcio in uno strumento di pace, amicizia e solidarietà. Un movente già utilizzato da molti, anche al di fuori del cinema, ma che grazie alla sapiente competenza di Campanella viene trasmesso sotto un'ottica diversa, divertente ed estremamente piacevole. Un family movie a tutto tondo, che non mancherà di appassionare grandi e piccini, nonostante alcune imperfezioni. Consigliato.

Goool!

Goool! Cover
  • Titolo Originale: Metegol
  • Regia: Juan José Campanella
  • Produzione: Antena 3, 369 Productions, 100 Bares
  • Nazionalità: Spagna
  • Distributore: Koch Media
  • Sceneggiatura: Eduardo Sacheri, Gastòn Gorali, Juan José Campanella
  • Genere: Animazione
  • Sito ufficiale
  • Data di uscita: 29 maggio 2014
  • Cast: Rupert Grint
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
A un metro da te
A un metro da te

Giovani, innamorati e malati

Scappo a casa
Scappo a casa

Chi fa da sé fa per tre?

Gloria Bell
Gloria Bell

Juliane Moore si prende un remake tutto per sé

Detective per caso
Detective per caso

Non c'è niente che una buona indagine non possa risolvere

Una giusta causa
Una giusta causa

Quando la forza delle idee può guidare il cambiamento sociale