Recensione Gone Home

Voyeurismo d'autore
Alberto Casagrande Di Alberto Casagrande(3 settembre 2013)
Vi è mai capitato di ritrovarvi da soli in una casa che non sia la vostra? Potrebbe succedere. Vi sarete messi sicuramente a sbirciare in frigo, dare un'occhiata all'armadietto delle medicine e se vi sentite particolarmente coraggiosi anche a frugare in un cassetto o due. Gone Home è un titolo che prende queste tendenze voyeuristiche e le trasforma in una meccanica di gioco. E' una ricerca tentacolare in questa casa vuota, volta a scoprire cos'è successo ai suoi residenti. Ci è concesso fare praticamente tutto, come analizzare riviste e ricevute scannerizzate cercando di mettere assieme gli eventi e ricostruirne il puzzle nell'arco di un paio d'ore. Se state quindi pensando che questo sia il gioco più noioso sul quale le vostre curiose mani Indie abbiamo mai messo le mani, vi sbagliate di grosso. Questa è una storia incredibile, magistralmente raccontata facendo perno sul vostro lato emotivo quasi esclusivamente attraverso l'uso dell'ambiente di gioco.

Inizieremo nei panni di un giovane studente di un college americano che, appena rientrato da un anno sabbatico in europa alla ricerca di un po' di “avventura”, scopre che la propria famiglia è letteralmente scomparsa nel nulla. La casa è vuota, all'ingresso c'è un biglietto nel quale la sorella, Sam, ci esorta a non andare a cercarla. Naturalmente e come ogni buon incipit che si rispetti, il tutto non fa altro che accrescere la nostra curiosità e la voglia di iniziare quest'avventura piena d'atmosfera.
Gone Home - Immagine 1
Immagine di copertina
Questo è il setup iniziale che il titolo ci fornisce. L'intera cerniera dell'esperienza di gioco si basa su quanto saremo disposti a ricercare e trovare indizi al fine di scoprire cosa sia successo. La storia si rivela lentamente e gran parte di essa è lasciata alle deduzioni del giocatore. Si scopre per esempio che tuo padre è un autore in eterna “lotta” quando rinveniamo una scatola di libri invenduti in un armadio e una bottiglia di liquore nascosta in una mensola. La difficoltà di inserimento di tua sorella nella nuova scuola emerge attraverso le lettere del preside e nelle annotazioni in un diario sui compagni di classe. A volte, se sarete abbastanza abili, riuscirete ad ascolterete registrazioni audio alimentando ulteriormente il vostro interesse per l'apprendimento proprio di quello che è successo mentre eravate via.

Non ci è mai concesso vedere queste persone, ma nel corso dell'avventura più volte proveremo la sensazione di conoscerli realmente. E non solo come personaggi monodimensionali, ma come persone reali. La nostra mente colma le lacune molto meglio di come noi consciamente potremmo fare.

Steve Gaynor, lo sviluppatore del gioco per la Fullbright Company precedentemente è stato il capo disegnatore di “Minerva”, un add-on di Bioshock 2, espansione nel quale possiamo trovare molte somiglianze col titolo in questione. Si gioca con un personaggio muto ed una prospettiva in prima persona, e l''interazione con le altre persone avviene attraverso indizi audio. Possono essere molto diversi tematicamente ma Gone Home e Bioshock si assomigliano per come le sfide imbevute di violenza intrinseca e mistero ci hanno rapito. In un certo senso è come essere liberi di girovagare per Columbia, ignorando di avere in mano un'arma e doverla usare.
Gone Home - Immagine 2
La quantità di texture utilizzate per la riproduzione degli oggetti è sublime
Gone Home é anche un pezzo d'epoca. E' ambientato nel 1995 e gli abbondanti riferimenti a quel particolare periodo storico faranno sicuramente innescare le fiamme della nostalgia per i giocatori di una certa età. Vi imbatterete in una guida tv con recensito un episodio di x-files cerchiato a matita, oppure potrete raccogliere un cassetta degli Riot Grrr e inserirli in un registratore ed ascoltarli. Tutti questi piccoli dettagli contribuiscono a rendere viva la casa, un posto reale dove vivono persone reali. Le lettere e i pezzi di carta non sono stati messi lì per essere trovati; Sono lì perchè devono essere lì.

Ritornando al sopra citato Gaynor, riferendosi al gioco e parlando della credibilità in esso disse: “ La sua importanza è data da un ambiente credibile, dove il foyer si collega alla sala est, connesse a loro volta a delle camere nelle quali troviamo degli armadi. E ogni stanza è credibile per quello che vi ci trovi. L'unico dettaglio è che se la rapportiamo ad una generica casa, probabilmente in gone home troviamo molte meno ingombro segno di uno spazio vissuto, anche se dopo un paio di orette il confronto dentro di noi cessa. Curiose le dinamiche della mente “.

Il gioco, prima release del piccolo studio di Portland, è disponibile su Steam per Windows, Mac e Linux, a 17, 99 Euro. Può sembrare tantino, ma io sono dell'idea che la qualità vada premiata con l'acquisto, senza aspettare i tanto fantomatici saldi estivi, per un prodotto che si distingue e che non è nato da una campagna kickstarter.

Nato come progetto a rischio data la non presenza di armi o violenza di sorta, poco gameplay tradizionale, un cast quasi interamente femminile e elementi della storia che cadono di fuori della norma di maggior parte dei videogiochi tradizionali, ha zittito tutti con successo e voti altisonanti. Non solo perchè L'indie è qualcosa che in fin dei conti a tutti piace, e non perchè può agire liberamente esseno meno vincolato dalle major, ma lo dovete giocare assolutamente e portarlo alla conclusione. Senza sparatorie o persone con cui interagire, è un altro modo di concepire il videogame in prima s persona. Sperimentando, rischiano e facendo dei passi avanti nel genere. Chapeau!
Gone Home - Immagine 3
Richiami from the 90's
9,5
Nato come progetto a rischio data la non presenza di armi o violenza di sorta, poco gameplay tradizionale, un cast quasi interamente femminile e elementi della storia che cadono di fuori della norma di maggior parte dei videogiochi tradizionali, ha zittito tutti con successo e voti altisonanti. Non solo perchè L'indie è qualcosa che in fin dei conti a tutti piace , e non perchè può agire liberamente esseno meno vincolato dalle major, ma lo dovete giocare assolutamente e portarlo alla conclusione. Senza sparatorie o persone con cui interagire, è un altro modo di concepire il videogame in prima s persona. Sperimentando, rischiano e facendo dei passi avanti nel genere.
voto grafica8,5
voto sonoro8,5
voto gameplay9
voto durata7,5

Gone Home

Disponibile per: PC , iPhone, PS4, Xbox One
Gone Home PC Cover
Empire
Future Man
Future Man

Viaggi nel tempo e fantascienza in una serie tv che non si prende sul serio e gioca con le citazioni pop

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 8x01

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Le fan theories più assurde e... probabili sul finale di una grande serie

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

L'ottava ed ultima stagione è ormai alle porte

Ultraman

2

Ultraman

Il ritorno del gigante di luce, ma meno gigante del solito

Empire
Pagan Online
Pagan Online

Abbiamo testato la nuova produzione Wargaming e le sorprese sono davvero tantissime!

Vaporum
Vaporum

Ottima idea, realizzazione da dimenticare. Peccato.

Phoenix Wright: Ace Attorney Trilogy

1

Phoenix Wright: Ace Attorney Trilogy

Phoenix Wright raggiunge la maggiore età

Nintendo Labo VR

1

Nintendo Labo VR

Abbiamo dato una prima occhiata al kit VR di Nintendo

Darksiders: Warmastered Edition
Darksiders: Warmastered Edition

Guerra & Co. sbarcano sulla piccola console Nintendo